Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 09 Dicembre |
San Juan Diego Cuauhtlatoatzin
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

La “corona” e il “rosario” non sono proprio la stessa cosa (ma quasi) 

Chapelet.jpg

Shutterstock

Corona e rosario, una parte e il tutto di una preghiera semplicissima e molto profonda.

Cécile Séveirac - pubblicato il 18/10/22

Pregare il rosario, pregare la corona… si dice in entrambi i modi, ma sono sinonimi? Entrambi si rivolgono alla Vergine, e nello stesso modo, ma non sono la medesima cosa. Vediamoci più chiaro.

Il 13 ottobre 1917, la Vergine Maria appariva ai tre pastorelli di Fatima e faceva “danzare il sole” davanti a una folla stupefatta. Quel giorno la Vergine chiese loro di «pregare la corona tutti i giorni», e si è presentata ai tre bambini dicendo: «Io sono Nostra Signora del Rosario». Ma qual è dunque (se c’è) la differenza tra “rosario” e “corona”? In realtà non c’è una “differenza” fondamentale, ovvero le seconde costituiscono il primo. 

La corona corrisponde alla recita di cinque decine di Ave Maria. Di solito si svolge favorendo una meditazione su un mistero in particolare della vita di Cristo. Talvolta è recitata per una intenzione specifica, generale o particolare, per chiedere grazie o un miracolo. La si può pregare anche per fare compagnia alla Santa Vergine, semplicemente, o meglio per lasciarsi accompagnare da lei. La corona, in quanto tale, è composta da grani concatenati insieme e tenuti a un crocifisso, ed è un oggetto di devozione. È un sacramentale, ossia un oggetto benedetto che a sua volta si può utilizzare anche per benedire. 

Il rosario è una corona “al cubo” 

All’inizio del XIII secolo, apparendogli, la Santa Vergine insegnò a san Domenico come pregare il rosario: 

Il rimedio a tanti mali – disse Maria al fondatore dei Domenicani – consisterà nella meditazione dei Misteri della Vita, della Passione, della Morte e della Gloria del mio Figlio unico, aggiungendovi la recita della preghiera che ricorda il saluto dell’Angelo col quale fu annunciata la grande opera della Redenzione. 

Questa devozione è stata poi sostenuta da diversi papi, tra i quali Gregorio XII, il quale istituì la festa di Nostra Signora del Rosario per celebrare la vittoria dei cristiani sui Turchi a Lepanto. 

Originariamente, il rosario consisteva nel recitare tre corone attorno a tre cicli di cinque misteri ciascuno (quelli gioiosi, quelli dolorosi e quelli gloriosi): il numero complessivo di 150 Ave Maria rimandava al numero dei salmi, e veniva dunque proposto anche (ma non solo) come “salterio degli illetterati”. A questi tre cicli di misteri Giovanni Paolo II aggiunse, durante gli ultimi anni del suo pontificato, un quarto ciclo, detto dei “misteri luminosi”. Il Santo Padre aveva peraltro spiegato più volte quanto amasse questa preghiera: 

Il Rosario è la mia preghiera preferita. È una preghiera meravigliosa, meravigliosa per semplicità e profondità. 

Da allora il Rosario corrisponde a 4 corone, ossia… 200 Ave Maria. Sono tante, è vero… ma quando uno ama non si mette certo a fare i conti… 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
coronadevozione marianapreghierarosariosanto rosario
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni