Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 02 Dicembre |
Santa Blanca de Castilla
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Di ritorno dalla missione, il loro zelo missionario continua a crescere 

fidesco-UNE.jpg

@Fidesco I Jean-Baptiste Rousseau

Mathilde De Robien - pubblicato il 18/10/22

In una vita la missione non è una parentesi ermetica, né un tempo a parte: c’è un dopo. Accesi dal fuoco missionario e desiderosi di alimentarlo al loro ritorno in Francia, dei volontari testimoniano della maniera in cui sono rimasti missionari… anche dopo la missione.

Partendo, non sapevano che la loro esperienza missionaria in capo al mondo avrebbe cambiato la loro vita nel lungo termine. 

Certo, che sarebbero tornati scombussolati da quei due anni seguiti al salto nell’ignoto per mettersi al servizio dei più poveri… se lo aspettavano. Però non immaginavano che al ritorno non avrebbero più saputo vivere senza la gioia legata al dono di sé. Ecco perché appena rientrati hanno deciso di proseguire la missione… in Francia. 

Mettere il servizio al cuore della vita 

Stanislas e Marine, 32 anni, sono partiti per Lesotho, con Fidesco, dal 2019 al 2021 – con i loro bambini, che all’epoca avevano 4 e 2 anni. Medico generalista lui, ostetrica lei, hanno esercitato le loro professioni a Thaba-Tseka, una cittadina di 5mila abitanti situata ai piedi delle montagne dell’Africa australe, quella che accoglie l’unico ospedale della regione gestito dalle suore della Carità di Ottawa. 

In capo a un anno di missione temevano di dover tornare prematuramente per via della pandemia da Covid, e si sono chiesti come mettersi al servizio degli altri una volta tornati in Francia: «Eravamo chiamati a rientrare – confidano ad Aleteia –, ma anche a continuare a mettere il servizio al cuore della nostra vita e della nostra famiglia». Invece di riprendere il corso “normale” della loro vita “di prima”, a Bordeaux, si sono installati ad Angers, e si sono fatti carico della gestione di una delle case Lazare. Da sei mesi, Stanislas, Marine e i loro (adesso tre) bambini condividono la quotidianità di una quindicina di colocatari, giovani professionisti e persone in grande precarietà. 

«La mia vita deve essere missionaria» 

Continuare ad essere missionari, quale che sia il luogo, è il grande desiderio anche di Jean-Baptiste. Dopo aver incontrato Cristo grazie a un collega, all’età di 23 anni, ha deciso di abbandonarsi pienamente nelle mani del Signore: «Mostrami la via per essere felice», gli ha chiesto. E così ha avviato un discernimento per partire con Fidesco – un passo che lo avrebbe condotto fin nello Zambia, tra il 2014 e il 2016, come direttore di un centro di formazione tecnica per giovani. Aveva appena preso la sua laurea magistrale in gestione d’impresa… e si è ritrovato alla testa di un istituto scolastico da 100 alunni tra i 18 e i 30 anni, più dieci dipendenti. Una radicale esperienza di abbandono: 

Mi sono trovato completamente smarrito. Non ho avuto altra scelta che abbandonarmi completamente alla Provvidenza. E ho potuto vedere che il Signore agisce veramente nel quotidiano. Quando uno resta nella propria comfort-zone, e pensa di poter gestire tutto, non si lascia molto posto al Signore. Invece, quando non si controlla più niente si conta di più su di Lui. 

Sei mesi prima del suo ritorno in Francia, Jean-Baptiste desidera far conoscere Cristo. Nello Zambia la maggior parte della popolazione è protestante e praticante, e vedere questo è equivalso a una chiamata, per Jean-Baptiste: «La mia vita deve essere missionaria», si è detto. Al ritorno ha passato un anno con Cap Missio, a Montpellier, e si è formato all’evangelizzazione. Di ritorno a Parigi, è stato assunto in un ufficio di coaching & counseling come capo-progetto. In parallelo, moltiplica gli impegni per rendere testimonianza e prosegue le missioni di evangelizzazione. In coordinamento con delle parrocchie organizza veglie di preghiera, racconta la propria storia nelle cappellanie e nei licei, partecipa al Festival d’Anuncio… 

Partire per lo Zambia mi ha dato la fibra missionaria, che ora per me assume la forma dell’evangelizzazione diretta. Il Signore offre tante opportunità per evangelizzare nel quotidiano. 

«Va’, rendi felici gli altri e conoscerai la gioia» 

Questo motto di Fidesco – «Va’, rendi felici gli altri e conoscerai la gioia» – Jean-Baptiste l’ha fatto proprio, dal momento che l’ha sperimentato (prima nello Zambia, poi al proprio ritorno, attraverso i differenti impegni missionari): 

Nei primi 23 anni della mia vita – dice oggi il trentenne parigino – ho cercato di rendere felice me stesso. Quello che mi ha reso veramente felice, invece, è stato donarmi agli altri, rendere felici gli altri. Dopo aver gustato la gioia del dono, che è una gioia soprannaturale, che viene da Dio, si fa fatica a stare senza. 

È la stessa gioia che Stanislas e Marine cercano di trasmettere ai loro figli col prendersi carico di una casa Lazare. Un’avventura famigliare che ha il sapore del servizio e dell’amore fraterno. C’è poi la gioia di appartenere a una comunità particolarmente unita. Un piccolo aneddoto (che la dice lunga): a scuola, la figlia di Stanislas e Marine (4 anni) chiede agli amichetti: «Io vivo con 15 persone, e tu?». 

A Lesotho con Fidesco – confida la coppia – abbiamo sperimentato il fatto di metterci al servizio dei più deboli, dei più poveri, e questa avventura continua a portarci. Ci siamo sentiti così al nostro posto! Quando si sente una tale gioia, una gioia profonda (del resto è un frutto dello Spirito Santo), ci si trova confortati nella propria scelta. Per Lazare è lo stesso, sappiamo che il Signore ci vuole qui. Non è il nostro cammino che ci renderà felici, ma quello che il Signore vuole per noi. 

Un cammino che esige che ci si metta in ascolto dello Spirito Santo per discernere la chiamata di ciascuno: 

Quando si risponde alla chiamata di Dio – sottolineano Stanislas e Marine –, il Signore dona grazie e fa cadere tutte le barriere. 

Le barriere sono il lavoro, gli stipendi, le scuole, i beni mobili e immobili dai quali può essere difficile staccarsi, ma che alla fine pesano poco rispetto alla felicità che il Signore promette: 

Quando si capisce questo, quando si fa l’esperienza di questa gioia profonda, quella di capire dove il Signore ci vuole, si spera di poter passare tutta la vita in ascolto dello Spirito Santo. E allora il campo del possibile è aperto. 

In partenariato con Fidesco

FIDESCO-Logo-baseligne

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
laicatolaicimissionarimissionemissioni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni