Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo decide a favore di un atto blasfemo contro la Madonna

ATTIVITA DEL GRUPPO FEMEN A SENO NUDO IN CHIESA

AFP PHOTO/THOMAS SAMSO

Francisco Vêneto - pubblicato il 17/10/22

Un'attivista femminista ha simulato l'aborto di Gesù da parte della Vergine davanti all'altare di una chiesa

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha deciso a favore di un atto blasfemo contro la Madonna, commesso nel 2013 dal gruppo femminista radicale Femen.

In quella triste occasione, un’attivista del gruppo ha simulato addirittura l’aborto di Gesù da parte della Vergine Maria davanti all’altare della chiesa della Madeleine, a Parigi, a seno nudo e indossando un piccolo velo celeste, colore associato dalla tradizione cattolica alla Madonna.

Con le braccia a forma di croce, la donna teneva nelle mani due pezzi di fegato di bue che rappresentavano l’aborto del Bambino Gesù. Il corpo della femminista esibiva frasi come “Natale cancellato” e riferimenti alla rivendicazione storica dell’aborto legale in Francia.

L’attivista è stata condannata a un mese di carcere e a una multa di 2.000 euro, ma quasi dieci anni dopo la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha deciso di condannare lo Stato francese a indennizzarla di circa 10.000 euro per violazione della sua “libertà d’espressione”.

Giudizia ideologizzata

Per il tribunale, l’atto grottesco, profondamente offensivo dei sentimenti religiosi dei cristiani e perpetrato invasivamente all’interno di una chiesa, avrebbe “contribuito al dibattito pubblico sui diritti delle donne, più specificatamente sul diritto all’aborto”.

Va ricordato che la stessa Corte ha negato ripetutamente il diritto di vari genitori britannici di proteggere i propri figli malati da decisioni giudiziarie che imponevano loro di staccare in modo forzoso le apparecchiature di sostegno vitale, sostenendo che non c’erano più possibilità di guarigione e che quindi accelerare la morte di quei bambini avrebbe rappresentato “il loro migliore interesse”.

In questo senso, i casi con maggiori ripercussioni sono stati quelli di Charlie Gard, Alfie Evans e Alta Fixsler, e, più di recente, di Archie Battersbee.

Mentre nega il diritto delle famiglie di lottare per la vita dei propri figli, la “Giustizia” promuove in modo esplicito l’inesistente “diritto” all’aborto libero e l’altrettanto inesistente “diritto” di aggredire la sensibilità religiosa in nome di una distorta “libertà d’espressione”.

Due pesi e due misure

Di fronte alla sempre più smaccata distorsione ideologica da parte dei tribunali, il giurista Gregor Puppinck, presidente del Centro Europeo per il Diritto e la Giustizia, ha criticato la politica del “due pesi e due misure” della Corte in materia di libertà di espressione e libertà religiosa.

Puppinck ha ricordato a mo’ di esempio che un oratore austriaco è stato condannato nel 2018 per aver affermato che la relazione sessuale di Maometto con Aisha, una bambina di 9 anni, era un caso di “pedofilia”. Per il tribunale, la dichiarazione indicava una “generalizzazione senza alcuna base fattuale”, e “probabilmente” avrebbe suscitato un’“indignazione giustificabile” tra i musulmani.

Tracciando un paragone con la sentenza diametralmente opposta della stessa Corte in relazione all’atto blasfemo contro la Madonna, Puppinck ha affermato:

“Come non vedere un doppio standard unito a una cecità colpevole? Il conferenziere austriaco ha solo detto la verità, con decenza e discrezione, mentre l’obiettivo di Femen era ferire e offendere. La Corte non avrebbe mai appoggiato una dimostrazione così macabra se si fosse verificata in una moschea o in un tribunale”.

Il Centro Europeo per la Legge e la Giustizia ha creato una campagna online di sostegno agli autentici diritti umani.

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, con sede in Francia, a Strasburgo, è un organo giurisdizionale internazionale indipendente il cui compito è quello di giudicare in merito alle violazioni della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) istituita dal Consiglio d’Europa nel 1950. Il Consiglio d’Europa – composto da 47 Stati membri, compresi i 27 Paesi dell’Unione Europea (UE) – non fa parte tuttavia dell’UE. È un’organizzazione internazionale distinta, fondata nel 1949, che promuove i diritti umani, la democrazia e lo Stato di diritto.

Tags:
blasfemiatrauma post abortovergine maria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni