Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Perché Carlo Acutis si limitava nell’uso dei videogiochi?

CARLO ACUTIS

carloacutis.com

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 14/10/22

Pur apprezzando i videogiochi, si impose un tempo massimo di utilizzo che non doveva superare un’ora a settimana

Carlo Acutis oltre ad amare l’informatica e la tecnologia, era anche appassionato di videogiochi, un pò come la gran parte dei bambini e degli adolescenti. Ma con i videogiochi aveva un rapporto “lucido”. Che oggi, più che mai, potrebbe insegnare molto ai suoi coetanei che invece sono totalmente dipendenti dai videogiochi, fino ad esserne patologicamente affetti.  

Sua madre Antonia Salzano Acutis nel libro Il segreto di mio figlio” (Piemme), spiega quale era il rapporto tra il beato Carlo Acutis e i videogiochi. 

Gameboy e Playstation

Gli strumenti tecnologici piacevano naturalmente a Carlo, come alla gran parte dei suoi coetanei, anche come giochi. Quando era piccolo, cominciarono a uscire nuovi giochi elettronici come il Gameboy, la PlayStation, il Gamecube, l’Xbox. Un Natale i genitori gli regalano un Gamecube che aveva la forma di un cubo nero. 

Il presepe “Gamecube”

«Ci facemmo tantissime risate – ricorda mamma Antonia Salzano – perchè proprio quello stesso anno, per Natale, davanti alla Basilica di San Francesco allestirono un presepe a forma di cubo nero con dei gatti disegnati. Sembrava proprio il gioco di Carlo. Pur apprezzando i videogiochi, si impose un tempo massimo di utilizzo che non doveva superare un’ora a settimana».

Il motivo della scelta di Carlo

Il giovanissimo Carlo Acutis aveva letto che molti ragazzi, soprattutto negli Stati Uniti, erano finiti in ospedali specializzati nelle patologie scatenate dall’uso eccessivo di videogiochi. Addirittura ad alcuni erano venute le crisi epilettiche per un eccesso di utilizzo. 

RELIQUE-CARLO-ACUTIS-DIOCESE-DE-LYON.jpg
Le reliquaire.

In linea con le ricerche sull’uso dei videogiochi

Quello che sosteneva il giovanissimo beato è in linea generale con tutte le ricerche più recenti suggeriscono come l’impatto dell’uso di videogame sullo sviluppo cognitivo sia influenzato anche dall’età del bambino, alla quantità di tempo dedicato, al contenuto del gioco e al contesto sociale. Dunque, sebbene tali strumenti non debbano essere demonizzati, è consigliabileproporli con prudenza: non prima dei sei anni di età, per non più di 30-60 minuti al giorno, e sempre sotto il controllo diretto dei genitori (Aleteia, 16 aprile 2019).

“Uno sguardo spento”

«Mio figlio ha sempre voluto mantenere una libertà interiore rispetto a questi mezzi, computer compreso – ha concluso mamma Antonia Salzano. – Aveva notato che molti di coloro che passano troppe ore davanti a questi mezzi, hanno lo sguardo spento».

Tags:
carlo acutisdipendenzavideogiochi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni