Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 02 Dicembre |
Santa Blanca de Castilla
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il Papa su una possibile guerra nucleare: perché non impariamo da Giovanni XXIII?

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
JOHN XXIII

Shutterstock | Renata Sedmakova-Alex Gontar

Ary Waldir Ramos Díaz - pubblicato il 11/10/22

Il 25 ottobre 1962, Papa Roncalli ha evitato una guerra nucleare tra USA e URSS, la nota “crisi dei missili di Cuba”

“Non possiamo dimenticare il pericolo di guerra nucleare”, ha dichiarato Papa Francesco nell’Angelus di domenica 9 ottobre. “Perché non imparare dalla storia?”

Il Pontefice ha ricordato il pericolo di un conflitto bellico nucleare, e lo ha fatto evocando la figura del suo predecessore, San Giovanni XXIII, “a proposito dell’inizio del Concilio, 60 anni fa”.

Il Papa che ha aperto il Concilio Vaticano II è stato determinante per evitare una guerra atomica tra le due superpotenze di allora, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica, nell’ottobre 1962: 13 giorni di estrema tensione.

Le due Nazioni sono state sull’orlo di dichiararsi guerra aperta e non escludendo di usare le proprie armi nucleari a causa dell’incidente della crisi dei missili di Cuba, che puntavano verso il territorio statunitense dall’isola caraibica (ad appena 145 chilometri di distanza), che ospitava basi di missili nucleari a media gittata dell’esercito sovietico.

“Perché non imparare dalla storia? Anche in quel momento c’erano conflitti e grandi tensioni, ma si scelse la via pacifica”, ha spiegato Papa Francesco. “Sta scritto nella Bibbia: «Così dice il Signore: «Fermatevi nelle strade e guardate, informatevi dei sentieri del passato, dove sta la strada buona percorretela, così troverete pace per la vostra vita» (Ger 6,16)”.

Giovanni XXIII e la sua intermediazione nella crisi dei missili

Va ricordato che in piena Guerra Fredda, Papa Giovanni XXIII è stato intercessore per la pace e per trovare un accordo tra i leader John F. Kennedy e Nikita Kruscëv. 

Per la mediazione di Papa Roncalli si è ottenuto il ritiro dei missili sovietici installati a Cuba, oltre che la creazione di una linea di comunicazione diretta tra l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti attraverso la “linea rossa”.

Fu lo stesso Kennedy a chiedere a Roncalli di fare da ponte con il Cremlino. L’intervento del Papa ebbe luogo attraverso un messaggio radiofonico, affidato prima agli ambasciatori di Washington e Mosca e diffuso poi dalla Radio Vaticana alle 12.00 del 25 ottobre.

Parlando in francese, il Papa rivolgeva un accorato appello a stabilire e consolidare il bene supremo della pace, toccando la coscienza di milioni di persone: “Signore, ascolta la supplica del Tuo servo, la supplica dei Tuoi servi, che temono il Tuo nome”.

“Mentre si apre il Concilio Vaticano II, nella gioia e nella speranza di tutti gli uomini di buona volontà, ecco che nubi minacciose oscurano nuovamente l’orizzonte internazionale”, affermava Giovanni XXIII riflettendo sull’imminenza di un conflitto atomico.

“Con la mano sulla coscienza, che ascoltino il grido angoscioso che, da tutti i punti della terra, dai bambini innocenti agli anziani, dalle persone alle comunità, sale verso il cielo: Pace! Pace!”.

Italy Pope John  XXIII

La supplica solenne di Papa Giovanni XXIII

Il Papa si rivolgeva poi ai leader coinvolti nella disputa: “Noi rinnoviamo oggi questa solenne implorazione. Noi supplichiamo tutti i Governanti a non restare sordi a questo grido dell’umanità. Che facciano tutto quello che è in loro potere per salvare la pace. Eviteranno così al mondo gli orrori di una guerra, di cui non si può prevedere quali saranno le terribili conseguenze”.

“Che continuino a trattare, perché questa attitudine leale e aperta è una grande testimonianza per la coscienza di ognuno e davanti alla storia. Promuovere, favorire, accettare i dialoghi, a tutti i livelli e in ogni tempo, è una regola di saggezza e di prudenza che attira la benedizione del cielo e della terra”.

Tra il 26 e il 27 ottobre arrivarono a Washington due importanti lettere provenienti da Mosca, nella prima delle quali si accettava gran parte delle richieste statunitensi (eliminazione dei missili in cambio dell’impegno ad astenersi da atti di aggressione contro Cuba). 

La diplomazia poté riprendere il suo lavoro, e i negoziati tra Stati Uniti e Unione Sovietica portarono alla soluzione della crisi.

Pacem in Terris

La drammatica esperienza della crisi cubana convinse ancor più Giovanni XIII dell’urgenza di un rinnovato impegno con la pace. Da questa consapevolezza nacque, nell’aprile 1963, l’enciclica Pacem in Terris, citata varie volte da Papa Francesco nella Fratelli tutti.

Tornando ai nostri giorni, la guerra in Ucraina continua a togliere il sonno all’Europa e al mondo intero. Il Pontefice ha esortato a seguire la via della pace in più di 80 allocuzioni dall’inizio del conflitto sette mesi fa.

Mentre le porte del Cremlino continuano ad essere chiuse alla mediazione della Santa Sede, il Papa non cessa di offrire la sua intermediazione per porre fine alla guerra tra Russia e Ucraina.

“Perché non imparare dalla storia?” Forse si potrà ripetere la parte positiva, che ha avuto come protagonista il “Papa buono” e ha fatto prevalere la ragione sulla violenza.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
concilio vaticano iiguerra freddapapa francescosan giovanni xxiiiucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni