Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 02 Dicembre |
Santa Blanca de Castilla
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Il presidente della Pontificia Accademia per la Vita annuncia un documento sui medici di base

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
WhatsApp-Image-2022-10-06-at-10.35.46-AM.jpeg

Dolors Massot - pubblicato il 07/10/22

L'arcivescovo Vincenzo Paglia ha annunciato che il Vaticano diffonderà a breve un documento in cui si chiede l'assistenza sanitaria di base in tutti i Paesi

L’annuncio del presidente della Pontificia Accademia per la Vita ha avuto luogo all’inaugurazione del simposio Advancing Community Health and Well-Being, su come superare la disuguaglianza sociale nella pratica della medicina. Si tratta di un incontro scientifico di medici a cui assistono 900 sanitari a Madrid. Sono tutti membri di SOMOS, la rete di medici che assiste le persone a basso reddito nello Stato di New York, negli Stati Uniti.

L’arcivescovo Paglia, in rappresentanza del Vaticano, ha spiegato che “ci sono molti paesi dove oggi si ignora l’assistenza primaria”. Questo preoccupa enormemente la Chiesa cattolica, perché fa sì che milioni di persone rimangano senza il diritto fondamentale alla salute e all’assistenza.

Qualche minuto dopo, in un evento organizzato da Aleteia nell’ambito del simposio, l’arcivescovo ha spiegato meglio l’annuncio, dicendo che “il vaccino più importante è l’amore”. Non sono parole vuote, ma la constatazione del Vangelo vissuto e che papa Francesco ha evidenziato con l’enciclica Fratelli Tutti. Ciò merita “una nuova riflessione politica, economica e culturale della salute per una medicina giusta per tutti”.

La realtà di tanta sofferenza nel mondo ha fatto sì che il presule non esitasse a sottolineare che non possiamo rimanere abbagliati da fattori come la globalizzazione o la tecnologia, perché in termini di salute “siamo tutti nella tempesta, ma su navi diverse”. I vulnerabili e gli anziani, ha affermato, sono i più danneggiati.

Contraddizioni

Anche se i progressi della medicina sono reali, ha proseguito il presule, “constatiamo ingiustizie a livello sanitario”. “Viviamo trent’anni di più e non sappiamo perché”, ha lamentato.

L’arcivescovo ha affermato che si sono verificati due fenomeni opposti: “Abbiamo 30 anni di vita ma senza pensare [alla vita]”; “Da un lato si può vivere 20 o 30 anni in più, ma dall’altro non si ha cura della vita”.

“Il mondo è interconnesso, e prima riusciamo a capirlo, prima saremo un vero mondo globale. Le barriere non esistono; siamo noi che le erigiamo”.

“Possiamo descrivere questo messaggio evangelico come un’istanza del principio di sussidiarietà, che a sua volta si basa sul principio di solidarietà sociale e su una visione personalistica dell’economia e della società”.

“Questo principio diventa un criterio morale per trattare i diritti dei pazienti e i doveri corrispondenti della società: alla tutela della salute, anche quando sorgono necessità di assistenza medica. È proprio il principio di sussidiarietà che deve guidare lo sviluppo teorico e l’applicazione pratica di protocolli assistenziali veramente giusti”.

Una misura rivoluzionaria

In Italia, ha annunciato monsignor Paglia, verrà approvata la nuova politica del Governo per gli anziani.

“È una delle decisioni più importanti dei Governi di oggi, perché il rapporto con gli anziani è il problema di questo XXI secolo. Nei mesi scorsi, Papa Francesco ha parlato in modo organico di come essere anziani, ecristiani e umani. Potremmo chiamare le sue catechesi De Senectute cristiana (in riferimento al libro classico di Cicerone)”.

“Nonni e nipoti sono due generazioni che parlano del fatto che l’unica possibilità di vivere è vivere insieme”, ha aggiunto. “Un mondo dell’io è condannato all’abbandono dei più deboli”.

Il documento tarderà molto?

Ci vorrà molto prima che arrivi il documento della Chiesa cattolica che parla della necessità di cure primarie? “L’ascensore sta scendendo”, ha dichiarato il presidente della rete di medici SOMOS, il dottor Ramon Tallaj.

Il dottor Tallaj ha insistito sulla necessità del sostegno da parte della Chiesa perché ora “si parla

di uguaglianza, ma non di equità”, che è l’aspetto importante.

Ecco un documentario sul dottor Tallaj, per conoscere meglio il lavoro di SOMOS, essenziale per la gestione della pandemia a New York. Nel video, il medico parla del compito dei medici di base e della fede cattolica che lo muove:

Il video, realizzato in coproduzione SOMOS/Aleteia, è stato nominato all’Emmy del capitolo di New York dell’Accademia Televisiva degli Stati Uniti. Il galà degli Emmy si celebrerà questo sabato.

Lo scorso anno, un video di SOMOS e Aleteia ha ricevuto l’Emmy. Si tratta di un breve documentario su un dottore di SOMOS, Juan Tapia.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
assistenzadocumentomedicinavaticano
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni