Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 21 Febbraio |
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Quando amare i poveri è difficile, chiedete aiuto a Dio

POVERTY

Shutterstock | Pavel V.Khon

Philip Kosloski - pubblicato il 29/09/22

Se vi viene da respingere poveri e bisognosi, chiedete a Dio aiuto per addolcirvi il cuore

Gesù ci sfida ad essere generosi con i poveri e a servirli con tutto il cuore, ma a volte non è facile. Alcuni provano paura o disgusto quando incontrano persone bisognose, e cercano di evitarle a ogni costo.

Qualunque siano i nostri sentimenti, non possiamo permettere che ostacolino il mandato evangelico di servire i poveri.

San Vincenzo de’ Paoli ha scritto di questo sentimento in una lettera che figura nell’Ufficio delle Letture della Chiesa:



“Anche se i poveri sono spesso rozzi, non dobbiamo giudicarli dalle apparenze esterne, né dai doni mentali che sembrano aver ricevuto. Se invece considerate i poveri alla luce della fede, vedrete che stanno prendendo il posto del Figlio di Dio, che ha scelto di essere povero”.

Dobbiamo vedere Gesù nei poveri e ricordarci che ogni volta che serviamo i poveri, serviamo Lui stesso.

Il modo migliore per superare i sentimenti di paura o disgusto è pregare Dio e chiedergli aiuto.

S. Vincenzo de’ Paoli spiega la necessità della grazia divina per servire i poveri:

“Quando facciamo visita ai poveri e ai bisognosi, cerchiamo di capire gli indigenti e i deboli. Simpatizziamo con loro così pienamente da poter ripetere le parole di Paolo: ‘Mi sono fatto tutto a tutti’. Dobbiamo quindi cercare di lasciarci toccare dalle preoccupazioni e dall’angoscia del prossimo. Dobbiamo pregare Dio di effondere nel nostro cuore sentimenti di pietà e compassione, e di riempirlo sempre più di queste disposizioni”.

Se non abbiamo compassione dei poveri, dobbiamo implorare Dio chiedendogli che la compassione riempia il nostro cuore.

Tags:
amorecompassionepoveri
Top 10
See More