Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il Papa: non sempre nei seminari arriva gente normale

Pope Francis during a special audience with priests and seminarists – fr

© MASSIMILIANO MIGLIORATO/CPP

May 12, 2014: Pope Francis greets priests during a special audience with members of religious colleges in Paul VI hall at the Vatican.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 29/09/22

La formazione dei seminaristi, la mano tesa agli ortodossi, la mediazione su 300 prigionieri nella guerra tra Russia e Ucraina: ha raccontato tutto questo ai gesuiti in un colloquio privato

Papa Francesco è preoccupato per la formazione dei futuri sacerdoti: sa bene che la credbilità della Chiesa si gioca su seminaristi che diventino buoni preti, e mai più persone con problematiche che degenerano in forme di abusi. Lo ha detto ai gesuiti, con cui si è incontrato giovedì 15 settembre 2022. Con loro ha parlato anche dell’evoluzione del rapporto tra cattolici e ortodossi, e di alcune iniziative portate avanti dietro le quinte per fermare la guerra tra Russia e Ucraina

1500 chilometri per evangelizzare

Il Papa ha incontrato 19 gesuiti della cosiddetta «Regione russa» della Compagnia di Gesù, che operano in particolare in tre Paesi: Russia, Bielorussia e Kirghizistan. Questi religiosi, a volte, fanno anche 1000-1500 per spostarsi tra le parrocchie ed evangelizzare, data l’immensa estensione del loro territorio di competenza. La conversazione è stata raccolta dal direttore de La Civiltà Cattolicapadre Antonio Spadaro, presente all’incontro. È inclusa nel quaderno 4135\, in uscita sabato 1 ottobre 2022.

Pope-with-the-Jesuits-in-Greece
Il Papa, al termine dei suoi viaggi apostolici, in diverse occasioni si è fermato a colloquiare con i gesuiti.

Il problema dei seminaristi

Durante la conversazione, un gesuita chiede al Papa: «Una domanda e una richiesta: che cosa ha nel cuore? Che cosa è nella sua preghiera particolare? E la richiesta è per i ragazzi del seminario: un consiglio, un messaggio…».

«Comincio dalla seconda – risponde il pontefice -. La mia richiesta per i seminaristi: che siano normali, ragazzi normali. Uno dei problemi in alcuni seminari – osserva Papa Francesco – è che non si riceve gente normale. State attenti a osservare espressioni religiose o umane strane. Dico ai seminaristi: siate normali anche nella preghiera. Prega come un figlio il padre. È la normalità a dire la serietà». 

La preghiera di intercessione

«Che cosa porto nel cuore e nella preghiera? – prosegue il Papa -. La preghiera, quella che mi viene spontanea, è sempre l’invocazione: “Guarda il tuo popolo, Signore!”. Non me ne viene un’altra. È una cosa davvero molto semplice. Intercessione è bussare al cuore del Signore. È la preghiera di intercessione». 

The Pope prays with the young people of Chemin Neuf
I giovani della comunità politica del Chemin Neuf pregano con papa Francesco e gli impongono le mani.

“Ci vuole parresia”

Papa Francesco dice di non dimenticare che nella preghiera «ci vuole parresia, chiarezza, coraggio. Il modello è quello di Abramo, quando prega: “Non si adiri il mio Signore, se…”, e poi fa la sua richiesta in modo insistente. Bisogna pregare pulseando con Dio, come diciamo in spagnolo. È una preghiera coraggiosa, faccia a faccia. Non tanto cercare la consolazione, che pure va cercata, sì. Ma soprattutto chiedere, chiedere, chiedere… Noi pensiamo che la parresia sia solo una virtù dell’azione, e invece no, lo è anche della preghiera».

Gli ortodossi temono la “suocera”

Non solo preghiera e monito sui seminari: il Papa si mostra ottimista sul rapporto tra cattolici e ortodossi. «Credo che ci sia un movimento di avvicinamento graduale tra cattolici e ortodossi – sottolinea Francesco -. E credo questo sia molto importante. Dobbiamo lavorare insieme, pregare gli uni per gli altri, superare i sospetti». 

Durante la visita apostolica in Kazakhstan, il Papa dice di aver ricevuto quattro vescovi ortodossi russi. «Vedo che c’è ancora una preoccupazione per l’uniatismo. Ma io ho risposto che quella parola è già dimenticata. Hanno paura che noi “facciamo la suocera”, che torni l’uniatismo. Hanno questo fantasma. Bisogna tranquillizzarli, e questo aiuta».

I retroscena della guerra in Ucraina

Il Papa, infine, evidenzia gli sforzi compiuti dietro le quinte per provare a fermare la guerra in corso tra Russia e Ucraina. Ha incontrato personalità russe e ucraine e sta continuando a farlo. Si è trovato persino a trattare su uno scambio di prigionieri. E continua a ribadire la sua vicinanza rispetto al popolo ucraino «sofferente». Esclude, per ora, possibili viaggi in Ucraina, richiamando alla «volontà di Dio» questo temporeggiare.

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL QUADERNO DE “LA CIVILTA’ CATTOLICA” CON IL COLLOQUIO COMPLETO TRA IL PAPA E I GESUITI.

Tags:
ortodossipapa francescoseminaristi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni