Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il Giudizio finale ci sarà. Ma ognuno sarà giudicato dalla propria coscienza

shutterstock_249955153

File404/shutterstock

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 29/09/22

Padre Cantalamessa spiega la visione dei Padri della Chiesa rispetto al Giudizio divino, e il ruolo stesso che avrà Dio

Come avverrà il Giudizio finale? Con quali criteri gli uomini verranno divisi nel loro destino eterno? Ne parla Padre Raniero Cantalamessa nel libro La nostra fede. l Credo meditato e vissuto” (edizioni Ancora).

La pagina 25 di Matteo sembra fornire in anticipo i criteri del giudizio finale: tutto si deciderà in base a quello che uno avrà fatto, o omesso di fare, verso il fratello affamato, nudo o carcerato. Ma questo è una specie di «esame generale», cioè valido per tutti, abbiano o no conosciuto Gesù e il Vangelo.

EBDD_Cantalamessa-1
Padre Cantalamessa.

I talenti ricevuti

Gesù stesso, scrive il neocardinale Cantalamessa, menziona altri punti sui quali si svolgerà il Giudizio finale: per esempio, se uno lo avrà, o meno, riconosciuto davanti agli uomini (cf Mt 10,32); o se avrà, o meno, fatto fruttificare i talenti ricevuti (cf Mt 25,30). In breve, materia del Giudizio saranno il bene e il male, presi nella loro totalità.

Vita eterna contro ira e sdegno

Dio, evidenzia nel libro Cantalamessa, renderà a ciascuno secondo le sue opere: la vita eterna a coloro che, perseverando nelle opere di bene, cercano gloria, onore, incorruttibilità. Ira e sdegno contro coloro che, per ribellione, disobbediscono alla verità e obbediscono all’ingiustizia. Tribolazione e angoscia su ogni uomo che opera il male: Dio infatti non fa preferenza di persone (Rm 2, 6-11).

Giudizio sintetico e istantaneo

Come si svolgerà il Giudizio finale stesso? La celebre sequenza del Dies Irae parla di un «libro scritto» che verrà aperto e in cui «tutto è contenuto» e in base al quale «il mondo sarà giudicato». E’ un parlare poetico e drammatico che ha avuto una enorme influenza nel determinare il sentimento cristiano difronte alla morte e al giudizio. Ma in realtà, dice Padre Cantalamessa, il libro che si aprirà sarà quello della propria coscienza. Non sarà un giudizio analitico, ma sintetico e istantaneo.In un attimo ognuno vedrà se stesso e si giudicherà da se stesso, o meglio la propria coscienza lo giudicherà.

Secondo coscienza

Questa visione più spirituale era già quella dei Padri della Chiesa. San Cirillo di Gerusalemme, richiamandosi a Romani 2 15-16, spiega l’accusa dell’uomo come autoaccusa che nasce dal rimorso: «Sarà alla luce della vostra coscienza che sarete giudicati».Per San Basilio sarà il volto stesso del Giudice divino a costituire l’illuminazione nella quale ognuno vedrà il proprio stato. «Nel giorno del giudizio – scrive san Gregorio Nazareno – saremo accusati dai nostri stessi pensieri ed opere e saremo trascinati via per una condanna che proviene da noi stessi».

UNIVERSAL JUDGEMENT,MICHAELANGELO

Trionfo dell’iniquo

Il Giudizio finale non risponde soltanto a una esigenza e a un diritto di Dio; risponde anche a una esigenza dell’uomo. Nel mondo tutto ci appare confuso, assurdo, frutto di più do un capriccio del caso che di una provvidenza divina. Lo notava già il saggio dell’Antico Testamento: «Tutto – diceva – succede del pari al giusto e all’empio (…). Ho notato che, sotto il sole, al posto del diritto c’è l’iniquità e al posto della giustizia c’è l’empietà» (Qo 9,2; 3,16). E infatti in tutti i tempi si è vista l’iniquità trionfante e l’innocenza umiliata.

Il momento della morte

I Padri della Chiesa hanno giustamente insistito anche su un altro punto: il Giudizio universale non sarà la somma e la conferma solenne e pubblica dei giudizi particolari che aspettano le creature umane al termine della loro vita. Anche se non subito e non senza fatica, infatti, il pensiero cristiano si è liberato da soluzioni fantasiose sulla sorte delle anime o dei mille anni di vita felice sulla terra (millenarismo). Diventa così comune in un giudizio particolare che ha luogo al momento stesso della morte.

“Cieli nuovi e terra nuova”

La parabola di Lazzaro e del ricco epulone parla di un giudizio che avviene al momento della morte di ognuno dei due (Lc 16, 22-23) e San Paolo è convinto che alla sua morte egli andrà subito a «stare in Cristo» (Fil 1,23). Tuttavia il Giudizio finale conserva, anche in questa prospettiva, il suo alto significato di compimento finale di tutte le cose, di trasfigurazione finale del cosmo e di inaugurazione di «cieli nuovi e terra nuova» (Ap 21,1, 2 Pt 3,13).

Acquista qui il libro La nostra fede. l Credo meditato e vissuto”.

Il Giudizio finale ci sarà. Ma ognuno sarà giudicato dalla propria coscienza
Tags:
aldilàcoscienzagiudizio universale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni