Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Da senza figli a famiglia extralarge: 8 figli e 6 sono gemelli da 2 gravidanze

4 NEONATI GEMELLI

paul prescott|Shutterstock

Paola Belletti - pubblicato il 28/09/22

Kayla e Allen sono una normale coppia americana; desiderano avere figli che però tardano ad arrivare. Accettano con disponibilità la strada dell'adozione, per dare alle nipoti una famiglia stabile. Il desiderio di poter accogliere anche figli naturali però resta. Sono stati ampiamente accontentati...

Una coppia che teme di non potere avere figli

Erano convinti, ormai, di non poter avere figli naturali. Per questo avevano adottato le due figlie del fratello di Kayla (che forse è rimasto solo e non è in grado di prendersi cura delle piccole).

I due, che dai medici avevano avuto una risposta scoraggiante rispetto alle speranze di poter generare figli, accolgono questa strada come il modo che la vita aveva trovato per rispondere al loro sincero desiderio di diventare genitori.

Kayla racconta che la vita da mamma era bella, fatta di ritmi, scuola, giochi, accudimento e impegno educativo.

La prospettiva di poter mettere al mondo anche figli nati dalla loro unione, però, non li abbandona e nel 2016 decidono di tentare di nuovo, attraverso un non meglio specificato trattamento per la fertilità: potrebbe essersi trattato solo di stimolazione ovarica, una via moralmente accettabile per favorire il concepimento naturale che ha, tra i suoi possibili esiti, proprio il concepimento di più embrioni.

La prima gravidanza: tre gemelli

Nel caso della coppia americana sono tre; uno però non sopravviverà fino alla nascita.

E’ il 2017 e a questo punto il desiderio della coppia di avere tanti figli sembrava essere già stato generosamente esaudito.

Non si parla di preghiera, in questa storia, ma sembra di riconoscere la firma della Provvidenza (che ha spesso un certo senso dell’umorismo, spero di poter dire senza risultare irrispettosa) in tanta sovrabbondanza: i conti, infatti, non sono ancora finiti.

Nel 2018 Kayla resta incinta di nuovo, questa volta senza aiuti farmacologici. Immaginate la sua sorpresa quando, alla prima ecografia, il ginecologo le mostra sullo schermo quattro puntini festosamente pulsanti.

View this post on Instagram

A post shared by Kayla Jensen (@glinesfamily_partyof10)

La seconda gravidanza: i bambini sono 4

Una sorpresa e anche una non troppo remota possibilità, poiché le gravidanze gemellari hanno anche un aspetto ereditario oltre che legato all’età e all’uso di farmaci.

“Abbiamo cercato per così tanti anni di concepire naturalmente che scoprire che avrei avuto quattro bambini, specialmente quando anch’io sono una trigemina, è stato semplicemente incredibile.”

mirror.co.uk

Kayla e Allen, che vivono nello Utah, a Salt Lake City, restano sorpresi e anche comprensibilmente spaventati di fronte a questa buona notizia un po’ fuori scala. Non sono degli ingenui, sono consapevoli dei rischi che le gravidanze multiple comportano per mamma e bambini, soprattutto perché una delle loro figlie, alla prima gravidanza trigemellare, non ce l’ha fatta: si chiamava Allie ed è morta in utero a 27 settimane. Parker e Grayson sono nati grandi prematuri e per questo hanno passato tre mesi in terapia intensiva neonatale.

Il dolore per la perdita di un figlio e l’apertura alla vita

Sapete cosa ha spinto la mamma Kayla a cercare, insieme al marito, di avere un’altra gravidanza dopo la prima che pure aveva donato loro due figli? Proprio la perdita della piccola Allie.

Senza infilare nella mente e nella vita altrui considerazioni proprie, si può almeno notare come questa esperienza di lutto perinatale di fatto confermi il legame reale, totalizzante e incancellabile che si instaura da subito e per sempre tra madre e figlio; un figlio rimane, sempre. Che sia alto 1,80 e mangi per tre, o abbia raggiunto la sua massima dimensione ancor prima di venire alla luce. Un figlio è un figlio.

Si è madri da subito e per sempre

Piccola digressione personale: qualche giorno fa, insieme con mio marito, sono stata in ospedale per diverse consulenze mediche e chirurgiche in merito alla salute del nostro quarto figlio, 9 anni, affetto da malattia genetica rara altamente invalidante.

Una signora, che era seduta in sala d’aspetto con un bel ragazzone atletico, non riesce a toglierci gli occhi di dosso. Non appena si libera un posto di fianco a me che tengo in braccio mio figlio si precipita a sedersi e subito accarezza Ludovico, lo guarda, mi chiede qualcosa, si mette a piangere. “Mia figlia avrebbe 20 anni ora; è morta 16 anni fa eppure io non riesco, non riesco…dobbiamo essere forti.”

Certo, sua figlia era nata e aveva vissuto con loro, anche se pochi anni; è diverso che perderla prima che nasca, ma non credo in termini qualitativi; si tratta della stessa esperienza di maternità solo colta in un’altra tappa del medesimo viaggio, con meno vissuto condiviso, meno ricordi.

Tornando a questa coppia che, in una decina di anni è passata dal dolore lancinante della sterilità, in parte lenito dall’adozione delle due nipoti, ad una taglia extralarge, l’unica chiave di lettura che mi viene in mente come sufficientemente adeguata è quella biblica. Dentro i limiti che rispettano l’integrità della persona, madre, padre e concepito, ogni aiuto farmacologico, medico, psicologico è ben accetto.

Eppure ciò che è accaduto a questa coppia assomiglia ad una pioggia di grazia che nemmeno le previsioni più rosee potevano ipotizzare.

Come la coppia decide di affrontare una gravidanza così difficile

L’ultima gravidanza infatti è avvenuta in modo del tutto naturale, assicurano.

Trattandosi di faccende umane reali non esiste il lieto e frettoloso fine del “e vissero per sempre felici e contenti”; le cose sono state impegnative sia durante la gestazione che adesso.

Kayla ha vissuto con paura e trepidazione il tempo della gestazione: sapeva che poteva perdere uno o più figli, ci era già passata e il dolore ancora si faceva sentire.

Per questo marito e moglie hanno deciso di procedere ponendosi psicologicamente obiettivi a breve termine, puntando a superare una settimana per volta.

E’ così che si fa con tutte le imprese ardue e complesse: le si spezzetta in piccoli passi (possibili, in stile Chiara Corbella Petrillo).

A trenta settimane, con un parto cesareo reso possibile da un grande staff di chirurghi e neonatologi pronti a intervenire, sonoi due maschietti, Reese e Jameson e le due bambine, Oaklee e Lincoln.

L’impegno quotidiano e il sostegno degli amici

“Quindi ora abbiamo sei bambini tutti sotto i due anni. E la nostra vita familiare è frenetica.

Ibidem

Grayson ha bisogno di assistenza costante, hanno infatti con loro un’infermiera convivente; le due ragazzine, che al loro arrivo avevano 6 e 8 anni, hanno la loro vita scolastica e sociale da coltivare; gli altri piccoli sono naturalmente da seguire e sappiamo bene quanto impegnativo sia “tirare su” tanti bimbi piccoli contemporaneamente (anche se il carico non aumenta in modo matematico, per certi versi si riduce).

La coppia però può contare sull’aiuto e la vicinanza di familiari e amici e forse anche con loro rideranno increduli di quanto la vita (o Dio stesso?) sia stata spiritosa e generosa nel rispondere ai loro desideri.

A volte io e Allen non riusciamo a credere a quello che ci è successo. Abbiamo passato 10 anni a cercare una famiglia e ora abbiamo una famiglia enorme, composta da otto bambini e noi!

mammastobene

Tags:
famiglie numerosegemelligravidanza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni