Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Parole per il Sinodo. La felicità inizia nella casa e nell’accoglienza

FÊTE DE NOEL

SeventyFour - Shutterstock

Don Fortunato Di Noto - pubblicato il 26/09/22

Proseguono le riflessioni di don Fortunato Di Noto a proposito del Sinodo e di una vita ecclesiale più fraterna

Betania.

«Gesù voleva molto bene a Marta, a sua sorella e a Lazzaro». 

(Giovanni 11,5)

La felicità comincia a casa.

Il prefisso Beth- (in ebraico significa ‘casa’), oggi ha il nome arabo al-Azariyeh, che significa “luogo di Lazzaro”.

Quanta umanità di Gesù con chi è dentro la casa (il cantiere) di Betania. Spesso andava a casa loro, per riposarsi, per un pasto, per l’amicale conforto. Un’amicizia che ci fa scoprire fratelli. Gesù aveva una predilezione per gli amici (“vi ho chiamato amici e non servi”), ma non ha mai significato che amava meno qualcun altro. Nessun paragone. Lui ama ‘fuori misura’, in maniera traboccante ogni relazione d’amore. Non dimentichiamolo mai, per evitare e spesso accade: io non sono come quello/quella. Non ci sia la tentazione, nei cantieri di Betania di sentirci ‘cavalli’ mentre siamo tutti ‘asini’ (cfr. I kanthélios).

Betania, casa che ha una ‘stabilità in movimento’; è punto di riferimento, ha una ‘porta aperta’, ha la ‘pietra rotolata’ del sepolcro di Lazzaro, a cui spesso siamo confinati nella rassegnazione della non vita; è luogo di servizio e di ascolto della Parola di Dio, nutrimento con vini e cibi succulenti. E’ trovare un posto a tavola nell’attesa dell’ospite che è sempre sacro.

Quante volte, afflitti e ripiegati su noi stessi, ci siamo chiesti dove è la felicità? La felicità la troviamo a casa nostra; una felicità da contagiare per ritrovare l’entusiasmo del dono, senza aspettarsi il contraccambio.

Betania è ‘accoglienza’: bisogna accogliere l’altro non solo nella propria casa, ma anche nella propria vita.

Betania è ‘casa con le finestre aperte’ per guardare il cielo restando a la tavola, imbandita di pane e vino.

E se vi state chiedendo quale sarà il futuro della felicità, è opportuno che ricordiate, fra le altre cose, la seguente, che è di straordinaria importanza: la felicità comincia a casa. Non su internet, ma a casa, in contatto con le altre persone.”

(Zygmunt Bauman).

Se vuoi approfondire.

Betania è una località della Giudea citata più volte nei Vangeli. È il luogo in cui abitava Lazzaro ‒ che fu risuscitato da Gesù (Giovanni 11,1-46) ‒ insieme alle sue sorelle Marta e Maria. Gesù vi passò in almeno altre due occasioni (Matteo 26,6-13, Matteo 21,17, Marco 14,3-9, Luca 10,38-42, Giovanni 12,1-8), inoltre secondo l’evangelista Luca (Luca 24,50-53) sarebbe il luogo dell’Ascensione di Gesù, avvenuta al termine dei 40 giorni dopo la Crocifissione (Atti degli Apostoli 1,3-11).

Per i bambini: fate il pane di casa.

Fatevi aiutare dalla mamma e dal papà ( o dai nonni e/o fratelli maggiori) a fare il pane di casa.

Ecco gli ingredienti: farina, lievito, acqua e sale; impastare, lasciare lievitare (fino a quando non si raddoppia di volume), fare le forme e infornare. Poi mangiarlo insieme e condividerlo con i compagni. Del resta la parola compagno significa appunto: condividere il pane (cum panis)

Tags:
amiciziagesù cristosinodo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni