Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
Cultura
separateurCreated with Sketch.

Dov’è Dio nella Terra di Mezzo di Tolkien?

WEB3-2-JRR-Tolkien-AFP-000_SAPA970203189970.jpg

HO | AFP

Philip Kosloski - pubblicato il 24/09/22

Se Dio non viene menzionato ne “Il Signore degli Anelli”, è presente nella narrativa di Toolkien della creazione della Terra di Mezzo


Molti sanno che l’autore fantasy J.R.R. Tolkien era un cattolico devoto, ma alcuni lettori si sorprendono per il fatto che Dio non figuri affatto nella sua serie epica de Il Signore degli Anelli.

In primo luogo, in quest’opera Tolkien ha assunto un approccio più sottile al suo cattolicesimo, intrecciando la sua fede in temi diversi.

Prima che Il Signore degli Anelli venisse pubblicato, ad esempio, scrisse una lettera a un sacerdote, p. Robert Murray, dicendo:

Il Signore degli Anelli è ovviamente un’opera fondamentalmente religiosa e cattolica; all’inizio lo è stato in modo inconsapevole, ma nella revisione è emerso consapevolmente. È per questo che non ho inserito, o eliminato, praticamente tutti i riferimenti a cose come ‘religione’, culti o pratiche nel mondo immaginario. Perché l’elemento religioso è assorbito nella storia e nel simbolismo”.

Tolkien ha permesso alla sua fede di guidare ciò che scriveva, anche se Dio non è menzionato in modo esplicito nel testo.

In secondo luogo, al momento di costruire il suo mondo mitologico, ha inserito chiaramente Dio nella sua creazione narrativa.

In quello che in seguito sarebbe stato pubblicato come Il Silmarillion, Tolkien ha chiamato il Creatore “Iluvatar”. Questo nome fittizio significa “Padre di tutti”, ed è il riferimento più ovvio a Dio Padre.

Ne Il Silmarillion, Iluvatar crea il mondo attraverso la “musica”, e canta la creazione in essere.

Tolkien ha esteso la narrazione della Genesi in cui Dio ha chiamato il mondo all’esistenza collegandolo a una bella canzone.

Iluvatar è fortemente presente nella prima parte de Il Silmarillion, ma poi assume un ruolo più secondario man mano che la storia va avanti.

Dio può non essere nominato in ogni pagina della storia di Tolkien, ma la provvidenza divina si vede chiaramente in tutti gli eventi che riguardano la Terra di Mezzo.

Tolkien ha usato la sua fede cattolica per creare una storia splendida che è stata chiaramente ispirata dalla sua fede, anche se non è esplicitamente cristiana come alcuni avrebbero voluto.

Tags:
dioil signore degli anellijohn ronald reuel tolkien
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni