Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 24 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Tutela dei minori, un impegno che continua nella Chiesa italiana.

abusi

Roman Bodnarchuk | Shutterstock

Don Fortunato Di Noto - pubblicato il 23/09/22

Don Fortunato Di Noto, fondatore di Meter e da trent'anni al fianco dei bambini abusati, racconta i progressi della Chiesa italiana sul tema

In questi anni (2019-2022) la Chiesa italiana ce la sta mettendo tutta, anche se, non possiamo negare, da parte delle vittime del clero persiste una certa delusione (chiedono chiarezza e giustizia per i delitti del passato, dato che ci si è concentrati, per il Report, soltanto negli ultimi due anni dall’entrata in vigore delle Linee guida). Una scelta che non è stata molto favorevolmente accolta. Ed è vero: l’abuso non si cancella mai ed è in ogni sua forma inaccettabile.

Papa Francesco più volte lo ha ricordato: «Le persone abusate si sentono, a volte, come intrappolate in mezzo tra la vita e la morte. Questo è importante: si sentono così, intrappolati fra la vita e la morte. Sono realtà che non possiamo rimuovere, per quanto risultino dolorose. La testimonianza dei sopravvissuti rappresenta una ferita aperta nel corpo di Cristo che è la Chiesa.»

L’impegno dunque non può che essere questo: da un lato cancellare le incertezze e le ambiguità del passato, dall’altro costruire una nuova cultura della prevenzione, nell’accoglienza, ascolto e rispetto di tutti e di ciascuno. Le vittime che hanno subito abusi da parte di sacerdoti e religiosi vedono ‘debole e poco efficace’ l’azione intrapresa e bisogna sempre comunque avere ‘rispetto per queste rimostranze che hanno il grido di dolore, di smarrimento e di ingiustizia. Non solo nella Chiesa, ma anche nella società.

Del resto – una domanda è lecita: come si sta affrontando il triste e drammatico problema abusi, quando in questi anni di impegno (a livello europeo e globale) si notano gli aumenti degli abusi? Come non segnalare la frammentazione degli interventi, la burocratizzazione delle azioni proattive dal primo contatto con la vittima al percorso giuridico fino all’accompagnamento delle ferite?

Una Chiesa al fianco delle vittime

L’abuso è ‘un omicidio psicologico’, un danno al fisico e all’anima. Le ferite sono insanabili e percorsi terapeutici impegnativi, lunghi e sofferti. Un miglioramento è ravvisabile solo attraverso l’ascolto profondo e l’accompagnamento della vittima. Non è cosa da poco.

Nonostante la complessità del fenomeno, e lo scrive chi da 30 anni si occupa di abusi sui minori, la Chiesa italiana ha compiuto azioni nel vasto territorio dove è presente con le 226 diocesi; infatti sono già costituiti 98 centri d’ascolto in 157 diocesi. E 1.200 operatori formati.

Non si dimentica l’azione da anni di realtà associative che hanno operato per tale ‘missione’ a tutela dell’infanzia.

Resta, comunque, alta l’attenzione dei vescovi sul tema della tutela dei minori e delle persone vulnerabili. Nel corso dei lavori del Consiglio permanete CEI (20-22 settembre a Matera), tra gli altri punti posti in attenzione (le sfide del paese Italia, le fatiche della situazione globale, il percorso sinodale e l’impegno per la costruzione del bene comune) è stato offerto un aggiornamento sull’impegno dell’episcopato tutto che si può riassumere nelle cinque linee di azione assunte dall’Assemblea Generale nel maggio scorso, circa la formazione di tutto il popolo di Dio e la prevenzione per evitare che il peccato e reato gravissimo degli abusi accada.

Nello specifico, si era deciso:

  1. di potenziare la rete dei referenti diocesani e dei relativi Servizi per la tutela dei minori e delle persone vulnerabili;
  2. di implementare la costituzione dei Centri di ascolto;
  3. di realizzare un primo Report nazionale sulle attività di prevenzione e formazione e sui casi di abuso segnalati o denunciati alla rete dei Servizi diocesani e interdiocesani negli ultimi due anni (2020-2021);
  4. di condurre un’indagine a partire dai dati, custoditi dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, che fanno riferimento a presunti o accertati delitti perpetrati da chierici in Italia nel periodo 2000-2021;
  5. e infine di collaborare con l’Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile, istituito con legge 269/1998. Utile ricordare.

La difesa dei più piccoli inizia dalla scuola

Per favorire la sensibilizzazione a livello locale, anche quest’anno sarà celebrata – il 18 novembre – la 2ª Giornata nazionale di preghiera per le vittime e i sopravvissuti agli abusicon lo slogan: “‘Il Signore risana i cuori affranti e fascia le loro ferite’ (Sal 147,3); ricordiamo anche la XXVII Giornata Bambini Vittime della violenza, sfruttamento, indifferenza contro la pedofilia (dal 25 aprile alla prima domenica di maggio), ideata e organizzata da Meter.

 Il Consiglio Nazionale della scuola cattolica della Cei pubblicherà a breve il testo “Linee Guida per la tutela dei minori nelle scuole cattoliche”, uno strumento a servizio dei docenti e del personale che opera nelle scuole cattoliche e nella formazione professionale d’ispirazione cristiana, oltre che delle famiglie e di tutto il mondo scolastico.

Per la tutela dei minori, continuiamo ad operare con solerzia, impegno, audacia e concretezza nelle azioni operative e pastorali, nella Chiesa e nella società.

Tags:
abusiabusi sessualichiesa italianaconferenza episcopale italiana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni