Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 07 Dicembre |
Sant'Ambrogio
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Onu, a New York incontro tra Parolin e Lavrov

LAVROV PAROLIN

Kirill Kudryavtsev | AFP

Il Segretario di Stato Vaticano Parolin e il ministro degli Esteri russo Lavrov lavorano ad uno dei fronti diplomatici aperti dalla Santa Sede.

Vatican News - pubblicato il 23/09/22

Il cardinale segretario di Stato e il ministro degli Esteri russo hanno parlato a margine dei lavori dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite

Dialogo sempre, “perché sempre c’è la possibilità che nel dialogo si possano cambiare le cose”. Sul volo di rientro dal Kazakhstan il Papa ripeteva ancora una volta ai giornalisti con cui stava conversando qual è la rotta diplomatica che guida abitualmente la Santa Sede, in particolare in questi mesi nel contesto della guerra russo-ucraina. Un orientamento perseguito da tutti i collaboratori di Francesco a partire dal segretario di Stato che oggi, a margine della sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York si è intrattenuto con il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov.

Parolin, messa al bando degli esperimenti nucleari

Ieri, parlando alla decima riunione degli Amici del Ctbt – gruppo istituito nel 2002 di Australia, Canada, Finlandia, Germania, Giappone e Paesi Bassi – lo stesso segretario di Stato aveva riaffermato che “con l’aumento delle tensioni globali e la retorica che minaccia l’uso di armi nucleari, è più che mai cruciale far entrare in vigore il Trattato sulla messa al bando totale degli esperimenti nucleari (Ctbt)”.

La pace comincia quando le armi tacciono

L’affermazione del cardinale Parolin echeggia gli innumerevoli appelli del Papa a disarmare gli arsenali di ogni tipo e a mettere uno stop al tragico commercio delle armi. Non più tardi di ieri, al termine dell’udienza generale, nel ribadire vicinanza e sostegno al popolo ucraino, “nobile e martire”, Francesco sottolineava come in questa “tragica guerra” alcuni “pensano alle armi nucleari, una pazzia”, e condivideva con i presenti il racconto del cardinale Krajewski, di ritorno dall’ultima missione dal teatro di guerra. “Mi ha raccontato il dolore di questo popolo, le azioni selvagge, le mostruosità, i cadaveri torturati che trovano”, insistendo, come all’Angelus di domenica scorsa, sull’unica strada percorribile: “Non dimentichiamo: la pace è possibile quando tacciono le armi e incomincia il dialogo!”.

L’originale su Vatican News

Tags:
cardinale pietro parolinnazioni uniterussia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni