Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 25 Settembre |
San Cleofa
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Qual è la differenza tra croce e crocifisso?

Jezus na krzyżu

Matías Medina | Cathopic CC0

Francisco Vêneto - pubblicato il 22/09/22

È importante che i cattolici siano consapevoli di ciò che simboleggiano

La croce e il crocifisso sono simboli cristiani, ma non si riferiscono allo stesso concetto.

Il crocifisso

Il termine “crocifisso” deriva dalla definizione latina “cruci fixus”, ovvero “fissato sulla croce”. Si riferisce a Gesù inchiodato sulla croce sul Calvario. Un crocifisso, quindi, non è la croce da sola, ma la croce con la rappresentazione di Cristo appeso ad essa.

È un simbolo estremamente forte del sacrificio di Gesù per la salvezza dell’umanità, e non dev’essere usato in modo superficiale e irresponsabile. Usare un crocifisso è portare con sé un ricordo fisico dell’amore illimitato di Dio per noi, al punto da abbracciare la dolorosissima Passione per riscattarci.

Il crocifisso è un simbolo cristiano direttamente associato alla Chiesa cattolica, visto che nella maggior parte dei casi le denominazioni protestanti usano solo la croce anziché il crocifisso.

Molti crocifissi cattolici riportano la sigla “INRI”, che abbrevia la frase latina “Iesus Nazarenus Rex Iudaeorum”, “Gesù Nazareno, Re dei Giudei”.

La croce

La croce è diventata un simbolo universale del cristianesimo, anche se in senso stretto il termine si riferisce solo allo strumento, senza includere la rappresentazione del Corpo di Cristo inchiodato ad essa.

Come strumento, la croce è una forma di tortura tragicamente impiegata dai Romani per punire e giustiziare i condannati. Gesù è morto sulla croce tra atroci sofferenze. Per questo, molte denominazioni protestanti sostengono che il crocifisso non debba essere usato come simbolo della fede cristiana, visto che Cristo è risorto e non è più inchiodato sulla croce.

Il cattolico deve usare la croce o il crocifisso?

I cattolici credono certamente alla Resurrezione – la Scrittura stessa afferma che se Cristo non è risorto la nostra fede è vana –, ma riconoscono anche che questa corona il sacrificio di Cristo sulla croce, che ci ha redento dai peccati, e quindi non deve mai essere dimenticato o dissociato dalla gloria della Resurrezione.

Sia la croce che il crocifisso sono simboli cristiani che possono essere perfettamente usati dai cattolici. L’importante è che questi siano consapevoli di ciò che simboleggiano, e principalmente dell’unità del mistero della Redenzione: non esiste Resurrezione senza croce, né esiste senso nella croce se non in vista della Resurrezione.

Tags:
crocecrocifisso
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni