Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 06 Ottobre |
San Bruno
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Francia: la Giustizia fa ritirare un’immagine di San Michele

SAINT-MICHEL-SABLES-OLONNE-080_HL_STENANI_1618451.jpg

Serge Tenani / Hans Lucas / Hans Lucas via AFP

Francisco Vêneto - pubblicato il 21/09/22

Un'associazione chiamata ironicamente “Libero Pensiero” ha chiesto il ritiro della statua

Il tribunale amministrativo di Nantes, in Francia, ha confermato una decisione precedente della Giuustizia locale di far ritirare una statua di San Michele Arcangelo situata in uno spazio pubblico della città di Sables d’Olonne. Lo spazio in questione è la piazza di una chiesa dedicata proprio all’arcangelo.

La giustificazione, tanto per cambiare, è la deviazione del concetto di laicità dello Stato. Secondo la corte, la collocazione di un simbolo religioso in uno spazio pubblico “è proibita dall’articolo 28 della legge del 9 dicembre 1905”, che stabilisce in Francia la separazione tra Chiesa e Stato. Per il tribunale, l’immagine di San Michele è un simbolo religioso e non culturale, tradizionale e storico.

Colpisce che rappresentanti della Giustizia si arroghino la prerogativa di definire o ridefinire cosa sia tradizionale, culturale e perfino storico, soprattutto per quanto riguarda una devozione millenaria che, andando oltre l’aspetto religioso, si è radicata nella cultura locale come parte della sua storia comune.

Fatte salve le proporzioni, lo straordinario Mont Saint-Michel, sempre in Francia e dedicato anch’esso a San Michele, è letteralmente un monumento al fatto che, in un Paese il cui percorso è tanto intimamente legato al cristianesimo, l’elemento culturale, quello tradizionale e quello storico sono a tal punto uniti a quello esplicitamente religioso che la dissociazione forzata è anticulturale per sua essenza.

È discutibile anche sostenere che per via della separazione tra Stato e Chiesa nessun simbolo cristiano possa rimanere insediato in un’area pubblica, anche se non fosse ridicolo pretendere di definirlo non tradizionale e non culturale. La laicità dello Stato consiste nel non privilegiare in modo attivo e sistematico alcuna religione e non nel restringere in modo attivo e sistematico le manifestazioni culturali, tradizionali e storiche della religione, che, piaccia o meno, è più presente a livello culturale, tradizionale e storico nel territorio.

Il prefetto di Sables d’Olonne, Yannick Moreau, ha criticato l’arbitrarietà dell’episodio:

“La città deplora questa decisione e lamenta il fatto che il carattere patrimoniale, culturale, artistico e storico di quest’opera non sia stato riconosciuto dal Tribunale Amministrativo d’Appello”.

A marzo, il prefetto aveva organizzato una votazione per conoscere l’opinione degli abitanti circa il ritiro della statua di San Michele: il 94,51% ha votato a favore della sua permanenza.

L’immagine è presente in città dal 1935. Nel 2018 è stata collocata davanti a una chiesa dedicata al santo, e durante la cerimonia di insediamento un sacerdote cattolico ha benedetto la statua.

Un’associazione ironicamente chiamata Libre Pensée (Libero Pensiero) ha chiesto alla Giustizia il ritiro dell’immagine, che a suo avviso violava la laicità della Francia.

Ciò che accade di fatto è che il vero libero pensiero colpisce il pensiero unico degli ipocriti, che dicono di difendere la libertà di pensiero ma non tollerano che altri la esercitino.

Tags:
francialaicismosan michelestatua
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni