Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 26 Settembre |
Santi Cosma e Damiano
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

La tua preghiera sia prima di tutto desiderio di incontrare il Signore

RAGAZZA IN RPEGHIERA MANI GIUNTE

Piti Tangchawalit|Shutterstock

Ragazza in preghiera con le mani giunte

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 19/09/22

Proprio coloro che stanno seguendo e ascoltando Gesù sembrano fare da schermo ai suoi più intimi che desiderano incontrarlo; è proprio così? Cosa ci rende intimi fino a diventare per Lui fratello, sorella o madre?

Vangelo di Martedì 20 Settembre

Un giorno andarono a trovarlo la madre e i fratelli, ma non potevano avvicinarlo a
causa della folla.  Gli fu annunziato: «Tua madre e i tuoi fratelli sono qui fuori e
desiderano vederti». Ma egli rispose: «Mia madre e miei fratelli sono coloro che
ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica».

(Luca 8,19-21)

Vorrei che rallentassimo il breve racconto di oggi per cogliere tre sfaccettature:

“Un giorno andarono a trovarlo la madre e i fratelli, ma non potevano avvicinarlo a causa della folla”.

Non è al prima volta che nel Vangelo si dice che la folla impedisce a chi desidera
incontrare Gesù di arrivare ad incontrarlo.

La folla paradossalmente sono quelli che stanno ascoltando Gesù, quelli che simpatizzano per lui, quelli che forse si considerano anche suoi discepoli.

Sembra che il Vangelo voglia suggerirci che c’è un modo di essere credenti che impedisce agli altri di incontrare Cristo.

Quando uno che si dice cristiano non favorisce con la sua vita l’incontro con Cristo, ma lo impedisce con il suo modo di essere, con il suo egoismo, con la sua cattiva testimonianza, questa è una cosa che non può rimanere senza conseguenze.

Il secondo aspetto del Vangelo è la preghiera di intercessione che giunge a Gesù: “Gli fu annunziato: «Tua madre e i tuoi fratelli sono qui fuori e desiderano vederti»”. Esplicitare il nostro desiderio è sempre una cosa positiva.

Essa rappresenta la prima maniera di pregare. Infatti pregare è dire ciò che ci sta davvero a cuore. Ma la preghiera non è una pretesa e men che meno una magia, è solo il
desiderio che attende il dono di essere preso sul serio.

Ma i tempi e i modi non ci appartengono: “Ma egli rispose: «Mia madre e miei fratelli sono coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica»”.

Gesù non sta disprezzando sua madre e i suoi parenti, sta semplicemente dicendo che lì dove c’è qualcuno che lo ascolta e cerca di mettere in pratica ciò che egli dice allora queste persone sono già con Lui anche se hanno la sensazione di essere lontane.

Tags:
dalvangelodioggifratelligesù cristopreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni