Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 25 Settembre |
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Almadel, la tavola di cera degli occultisti che evoca angeli cristiani

occultismo magia

Heiner Valdivia Pinterest

don Marcello Stanzione - pubblicato il 16/09/22

E’ un rituale attribuito, secondo una leggenda, al re biblico Salomone. Nella realtà l’autore è ignoto e non cristiano. Non fatevi abbagliare!

La diffusione così ampia di occultismo e magia nel mondo contemporaneo, la propaganda aggressiva dei singoli operatori dell’occulto così come dei gruppi esoterici, pone la Chiesa di fronte ad un grave problema pastorale. 

Le differenze

Oggettivamente la religione e l’occultismo sono due fenomeni distinti. Le differenze principali consistono innanzitutto in una diversa visione del mondo: globale e comunitaria nella religione; particolare e individualistica nella magia. 

LAMPE-À-HUILE-shutterstock_182536394.jpg

Forze oscure

La religione, inoltre, cerca l’esperienza del sacro per se stessa ed ha come termine di riferimento Dio. L’occultismo, invece, vuol dominare forze oscure, per manipolarle e metterle al proprio servizio.

Re Salomone?

La magia.e l’occultismo rischiano di creare confusione su alcuni rituali che nulla hanno a che vedere con il cristianesimo. Eppure in essi ci sono riferimenti a simboli o autori cristiani. Uno di questi è il rituale contenuto nel Lemegeton Clavicula Salomonis (noto anche come Clavicula Salomonis o «Piccola chiave di Salomone») − attribuito leggendariamente al biblico re Salomone −, il cui autore, invece, è ignoto. 

Un grimorio seicentesco

Il Lemegeton è un grimorio seicentesco – anche se taluni studiosi sostengono che il testo ha avuto una certa circolazione nei secoli precedenti, anche se in maniera segreta e occulta −, la cui gran parte del contenuto deriva da testi del secolo precedente e dove si possono rintracciare chiare influenze cabalistiche e della mistica musulmana. 

L’Almadel: cosa è

La quarta sezione illustra come costruire l’Almadel, ovvero una tavola di cera su cui vengono disegnati simboli protettivi o sigilli, posizionandovi quattro candele. La sezione illustra i colori, i materiali e i rituali necessari alla fabbricazione dell’Almadel e delle candele, ma tratta pure degli angeli da invocare, sottolineando che è lecito chiedere ad essi solo cose ragionevoli e giuste, accennando anche alle date e agli aspetti planetari più indicati per invocare gli angeli in questione.

Gli angeli invocati

Gli angeli invocati dal rituale dell’Almadel sono gli enti preposti ai quattro punti cardinali: ciascuno di essi ha caratteristiche, funzioni e proprietà specifiche, cui il mago può appellarsi per ottenere benefici diversi, di ordine sia spirituale che materiale. 

Il talismano 

Per invocare gli angeli, il mago deve fare uso di uno speciale talismano − l’Almadel, appunto − da fabbricarsi appositamente per la cerimonia, e di un rituale di «magia delle immagini», così detto perché prevede la necessità, da parte dell’occultista, di costruirsi ben chiara in mente la figura dell’entità invocata della quale i grimori, rifacendosi alle immagini magiche cabalistiche, offrono una dettagliata descrizione. 

WOMAN WITH TALISMAN

“Magia delle immagini”

La pratica della «magia delle immagini» per evocare gli angeli consiste nel plasmare, agendo con la forza del pensiero, una particolare figurazione simbolica in quella dimensione che gli occultisti chiamano luce astrale. Cioè un superiore piano delle realtà soggettivo-oggettiva in cui gli atti di volontà, dinamizzati dal rito, assumono un potere direttamente creativo.

Simulacro di entità sovrasensibile

Secondo gli occultisti, un’immagine formata in questo modo, sulla base di particolari figurazioni tradizionali, diviene un simulacro di un’entità sovrasensibile. 

La forza del pensiero

A tale entità sono attribuite particolari virtù, a seconda degli influssi astrali cui è soggetta. Lo spirito angelico può anche essere evocato con la forza del pensiero e della fantasia del mago che lo ha plasmato nella luce astrale e lo spirito angelico sarebbe quindi sia creazione soggettiva dell’evocatore, sia manifestazione oggettiva di forze trascendenti dotate di esistenza per se stesse. 

Il punto cardinale dominante

Ovviamente, per fare tutto questo, gli occultisti avvertono che non è sufficiente disegnare una semplice figura magica su un talismano. L’Almadel è considerato dagli occultisti un rituale di magia teurgica, grazie al quale uno spirito angelico, dominante un punto cardinale, può essere evocato e messo a disposizione dell’evocatore. 

Origini ebraiche

L’origine dell’Almadel è ebraica e − diversamente da altri rituali che si diffondono in Europa sia nel Medioevo che nel Rinascimento − in esso non vi sono in senso stretto interpolazioni pseudo-cristiane. Il mago deve avere con sé il mastice in polvere, da usare come incenso e paramenti dello stesso colore del coro angelico che vuole invocare.

L’occultista, dopo che ha fabbricato l’Almadel e i sigilli, può invocare gli angeli che desidera, governanti l’ora ed il giorno in cui si svolge l’azione magica. 

Tags:
angelimagiaoccultismo
Top 10
See More