Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Nuove malattie causate dagli schermi di smartphone e tablet

KIDS DEVICES

Iakov Filimonov I Shutterstock

Ospedale Bambino Gesù - pubblicato il 07/09/22

I bambini che trascorrono molto tempo davanti agli schermi presentano, oltre che una maggiore tendenza all’obesità, irritabilità, ansia e depressione, alterazioni del ritmo sonno-veglia e anche più frequenti disturbi oculari

di Paola Valente

Nell’ultimo ventennio si è registrato un notevole aumento del numero di ore che i bambini spendono davanti agli schermi di diversi tipi di dispositivi (computer, smartphone, tablet). Recenti studi scientifici hanno evidenziato che un bambino spende in media più di 3,5 ore al giorno davanti agli schermi, eccedendo il tempo massimo raccomandato dalla Società Americana di Pediatria che è inferiore alle 2 ore.

Obesità, ansia, depressione, disturbi oculari

I bambini che trascorrono molto tempo davanti agli schemi presentano, oltre che una maggiore tendenza all’obesità, anche irritabilità, disturbi quali ansia depressionealterazioni del ritmo sonno-veglia e anche più frequenti disturbi oculari.

Gli schermi di computer, tablet, smartphone e dispositivi elettronici sono oggi illuminati attraverso l’uso di led bianchi, la cui composizione dell’emissione luminosa presenta una forte componente di luce blu.

Affaticamento visivo

La luce blu si diffonde all’interno dell’occhio molto di più rispetto alle altre radiazioni luminose e può contribuire al fastidio agli occhi, tipico di chi trascorre troppo tempo davanti agli schermi. In particolare, nei bambini che fanno uso di smartphone, tablet e computer è stato registrato un maggiore affaticamento visivo, secchezza oculare, sdoppiamento dell’immagine, abbagliamento, arrossamenti oculari, visione sfocata.

Computer Vision Syndrome

Si parla addirittura di una vera sindrome denominata CVS (Computer Vision Syndrome). L’uso degli smartphone, in particolare, è associato a maggiori sintomi oculari, che aumentano di 7 volte se la lettura viene effettuata in condizioni di bassa luminosità.

Studi internazionali hanno evidenziato che, dopo 20 minuti di uso continuo dello smartphone, i bambini possono manifestare sintomi oculari importanti, in particolare irritazione e bruciore soprattutto se c’è un forte contrasto di luce tra ambiente e smartphone. Tali sintomi sono indipendenti dalla tipologia dello smartphone, dalle dimensioni e dallo stile di carattere di scrittura usato.

Gli effetti dell’uso degli schermi nello sviluppo della miopia

La letteratura scientifica recente si è focalizzata sugli effetti dell’uso degli schermi nello sviluppo della miopia e nel suo peggioramento, la cui frequenza nella popolazione pediatrica sembra essere aumentata negli ultimi anni. Si è constatato che il tempo speso nelle attività con visione da vicino (40 cm) costituisce un fattore di rischio nello sviluppo della miopia.

Anche la ridotta distanza di lettura è associata a questo maggiore rischio. Con l’uso di smartphone e tablet, le ore che i bambini trascorrono nella lettura a distanze ravvicinate è notevolmente aumentato.

L’attiva all’aperto riduce l’incidenza della miopia

Ben 129 studi hanno mostrato che un aumento dell’attività all’aperto riduce non solo l’incidenza ma anche la progressione della miopia. Per questa ragione vari paesi stanno attivando dei programmi per promuovere la salute dei bambini a scuola rivolti a incoraggiare gli studenti a svolgere attività all’aperto, promuovere screening visivi scolastici e attivare corsi di formazione per la salute visiva indirizzati alle famiglie.

QUI IL LINK AL MAGAZINE MULTIMEDIALE A SCUOLA DI SALUTE

Tags:
bambiniocchisalutesmartphonetablet
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni