Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

9 consigli per un ritorno a scuola senza pressioni

stress

Josep Suria/Shutterstock

Marzena Wilkanowicz-Devoud - pubblicato il 01/09/22

La fine delle vacanze, il ritorno al lavoro e l’inizio dell’anno scolastico suscitano in genere una certa ansia. Come mantenere la calma interiore e smettere di temere il mese di settembre?

«Tornare a scuola dopo le vacanze è sempre molto difficile per me», dice Christine, una consulente di 38 anni. “Il lavoro, il ritorno a scuola dei miei figli, la lista dei compiti che diventa ogni giorno più lunga, e poi la luce che cambia e annuncia la fine dell’estate… Anche quando le vacanze non sono ancora finite, ci penso con tensione interiore. Tutti gli anni è così…”.

È quello che prova anche Pauline, 32 anni, medico in un ospedale: “Quando arriva l’inizio dell’anno scolastico, ho l’impressione di “affogare”, di essere completamente sopraffatta, e questo mi preoccupa molto. Cerco di fare un passo indietro, per non farmi sopraffare dall’idea di tutte le prossime riunioni genitori-figli, delle iscrizioni alle attività dei bambini, dei vari piani di ristrutturazione del mio palazzo, per non parlare del ritmo del mio lavoro. Sono ansiosa come se dovessi affrontare un esame importante”, confessa.

Un passo difficile da compiere

Chi non vorrebbe prolungare all’infinito le vacanze spensierate, caratterizzate da giornate di riposo in spiaggia o avventure sportive in mezzo alla natura? Appena arriva settembre, però, la quotidianità reclama i suoi diritti. Questo mese segna la fine dell’estate, la ripresa del lavoro o degli studi, il ritorno a scuola con il suo ritmo rigido. È il ritorno della routine, delle scadenze, dei compiti ingrati, degli ingorghi o dei mezzi di trasporto pubblico affollati… un vero spavento! Non c’è da stupirsi che l’elenco dei possibili sintomi sia infinito: nervosismo, affaticamento, senso di oppressione, irrequietezza, mancanza di concentrazione, difficoltà a dormire, mancanza di appetito… L’inizio dell’anno scolastico è indiscutibilmente un passo delicato da compiere, ma non dobbiamo dimenticare che questa onda d’urto è solo temporanea e che l’abbiamo già sperimentata… ad ogni inizio di anno scolastico! Buone notizie: ci sono rimedi per vivere questa situazione con la massima tranquillità. Ecco qualche suggerimento:

1 Dire a se stessi che l’ansia per il ritorno a scuola è normale

web3-woman-home-window-cosy-morsa-images-getty-images

Il ritorno a scuola, al liceo, al lavoro… È un momento di dubbio, indipendentemente dal fatto che lo vediamo come un nuovo inizio o, al contrario, come un punto di svolta stressante nell’anno. Per ridurre l’ansia, perché non fare un elenco di tutte le preoccupazioni possibili nella vita, dando loro un punteggio da 0 a 100? Più ci si avvicina a 100, più si tratta di paure reali della nostra esistenza, come la morte, una grave malattia o una separazione. Molte delle nostre preoccupazioni si collocano tuttavia tra 0 e 20… Il miglior rimedio non è forse cercare di vivere il momento presente?

2 Creare piccole “sequele di vacanze”

Un quarto d’ora al sole sulla terrazza di un bar, una bella colazione in famiglia, una passeggiata per raggiungere il posto di lavoro… Il ritorno a scuola non deve far sparire tutte le cose piacevoli. Al contrario. È importante non trascurare i momenti di relax stabiliti durante l’estate, e soprattutto perseverare in questo cammino per trasformare questi rituali festivi in abitudini quotidiane… in attesa delle prossime “fughe”.

3 Concentrarsi sulle priorità

KOBIETA W BIURZE

Dire ritorno a scuola vuol dire spesso periodo di punta, un’effervescenza che contrasta con il ritmo piacevole di feste e vacanze. Per un ritorno a scuola tranquillo, è bene liberarsi di una certa quantità di illusioni, come quella di voler controllare tutto. L’importante è stabilire delle priorità da dare alle cose. Ricordiamo il prezioso consiglio di San Josemaría Escrivá: “Fai quello che devi e sii presente in quello che fai”.

4 Avere il coraggio di chiedere aiuto

Non è sempre facile affrontare i doveri da soli e senza aiuto, quando una piccola mano amica apporterebbe una buona dose della serenità necessaria. Chiedere a un amico di andare a prendere i bambini o delegare un compito al fratello maggiore può essere più facile di quanto si pensi. Perché non programmare giornate di aiuto reciproco a turni per condividere momenti in famiglia o con gli amici?

5 Delimitare le varie sfere della propria vita

web3-father-daughter-laugh-family-kristin-rogers-stocksy-united.jpg

Per via della connessione continua, il mondo professionale interviene spesso nell’ambito privato e viceversa. L’attenzione viene rapidamente deviata da un messaggio di Whatsapp, una telefonata o un’e-mail ricevuta. Durante una riunione importante, la regola d’oro è disattivare le notifiche personali, come quando si deve spegnere il telefono di lavoro quando si tratta del tempo riservato ai bambini. Provateci, almeno un po’… La famosa regola di San Benedetto impone un tempo per tutto: un tempo per la preghiera, un tempo per i pasti, un tempo per il lavoro, un tempo per se stessi…

6 Sapersi arrendere

A forza di dire a se stessi che si deve approfittare di ogni minuto di attesa controllando le e-mail o facendo telefonate, si perde l’abitudine di assaporare i momenti di inattività. Consegnare il lavoro in tempo è un’emergenza, ma altri compiti non hanno questo carattere di assoluta. Come risultato, è facile trascurare le cose essenziali: parlare con la famiglia, vedere gli amici, camminare nella natura, dormire abbastanza, svolgere un’attività soddisfacente. Bisogna imparare nuovamente ad “abitare” il tempo, a scegliere meglio le proprie priorità. È la chiave per un ritorno a scuola sereno, come consiglia Christophe André nel suo libro La vie interior.

7 “Ricollegarsi” a se stessi durante la giornata

Molti studi mostrano che la meditazione migliora la capacità di attenzione e quella di ascoltare. Permette di diminuire lo stress e di resistere meglio alle sollecitazioni costanti. L’esercizio consiste nel dedicare alcuni minuti alla respirazione.

Sedetevi, rilassate le spalle e poi lasciate che il respiro vada e venga, senza cercare di controllarlo. Questo permette di collegare le sensazioni dell’aria che entra e poi esce con i movimenti del corpo che respira, restituendo il pensiero alla respirazione. Un momento perfetto per pensare a tutti i propri cari. Come consigliava Madre Teresa, “Inspira amore, espira amore”.

8 Sorridere per migliorare

“Sorridere mobilita quindici muscoli, ma tenere il broncio ne richiede quaranta. Sorridete!” Questo messaggio umoristico che troviamo incollato alle pareti di molti uffici o spazi pubblici ha reali basi neuropsicologiche. Il semplice atto di sorridere aumenta gli stati d’animo positivi. Il sorriso, quindi, non è solo un fattore che esprime il fatto che una persona sta bene, ma è anche un induttore, che ci fa sentire bene o meglio! E questo miglioramento cambia completamente il modo in cui interpretiamo il mondo che ci circonda.

9 Mettersi il prima possibile alla presenza di Dio

Quando ci si siede di fronte al mare, ci si trova immediatamente di fronte a una presenza rilassante. Niente rispetto a provare gratitudine nei confronti di quel Dio che ci permette di vivere un tale momento. Trovare questo “luogo alla presenza” di Dio una volta tornati a casa è più difficile, ma è possibile: perché non creare un bell’angolo di preghiera o meditare su Dio in silenzio mentre si cammina, invece di prendere la metropolitana? Aprirsi a Dio per qualche istante al mattino aiuta a non cadere nello stress della ripresa. Mettersi alla Sua presenza significa non avere paura. È andare avanti, accettando di lasciarsi guidare da Lui. I grandi santi lo hanno capito bene.

Tags:
lavoroscuolastressvacanze
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni