Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Sapreste scrivere un vostro “testamento spirituale”? 

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
shutterstock_2051840189.jpg

Triff / Shutterstock

Marzena Wilkanowicz-Devoud - pubblicato il 29/08/22

Troppo spesso le persone che vanno avanti con l’età si dimenticano che un testamento non riguarda solo le questioni materiali. Il vero tesoro da trasmettere non è piuttosto immateriale, cioè spirituale?

Vi si preparava da alcuni anni. Affetto dal morbo di Parkinson, Pierre (85 anni) sentì di non avere ancora molto tempo davanti a sé. 

Che mi resta da fare – riflette parlando con noi di Aleteia –, ora che il passaggio verso l’aldilà si avvicina? È giunto il momento di scrivere il mio testamento spirituale per figli e nipoti. Tanto più che alcuni fra loro non credono in Dio. 

E riconosce che non è facile passare all’atto: 

È quanto hanno sperimentato Elodie, 73 anni, e Christophe, 75 anni, sposati da 38. L’idea di scrivere il loro testamento spirituale non li aveva mai sfiorati. Il loro approccio era pacifico, forse perché sapevano interiormente che cosa fosse essenziale per loro. Genitori felici di quattro figli e nonni di tre nipoti, è stato parlando con degli amici, che hanno deciso di stendere il loro testamento nel momento in cui si godevano la vita di pensionati. Per di più lo hanno fatto in una forma non comune: 

Non siamo molto dotati per la scrittura, e allora abbiamo avuto l’idea di fare una registrazione audio. Nostra figlia, che è giornalista, ci ha aiutati preparando alcune domande. È stato molto toccante fare questa conversazione a tre voci per consegnare i nostri piccoli tesori di vita, tutto quello che dà senso alla vita. 

Come sottolinea la psicologa e psicoterapeuta Marie de Hennezel in un’intervista pubblicata in Conversations sur la mort donc sur la vie [Conversazioni sulla morte, dunque sulla vita, N.d.T.] (Service catholique des Funérailles), 

la nostra vita è limitata, ed è questo limite a obbligarci a prendere coscienza dell’importanza della vita, del suo carattere prezioso, e a porci le domande giuste: che cosa è essenziale per me? Che cosa mi resta ancora da fare, se sono avanti nell’età e sento avvicinarsi il termine? Che cosa voglio consegnare ai miei cari? 

Il credo personale 

Troppo spesso, le persone che si avviano verso la terza età dimenticano che un testamento non riguarda unicamente le questioni materiali: esso può riguardare anche beni sentimentali (come collezioni di libri), beni intellettuali (scritti o disegni), o beni spirituali. Il testamento spirituale è un messaggio collegato con la fede, con le convinzioni e con le scelte del suo autore. Un credo personale che serve da strumento di trasmissione di valori per le giovani generazioni e che risponde alla domanda “che cosa è importante per me?”. Scrivere il proprio testamento spirituale può anche essere l’occasione per chiedere perdono, per esprimere la propria gratitudine, per invitare qualche parente o amico alla riconciliazione. E insomma, questa lezione di vita può anche essere una bella maniera di evangelizzare… 

È quel che Pierre conta di fare preparando la propria messa funebre, lui che prevede di dettare il proprio testamento a un amico. Vi indicherà le letture e i canti che gli stanno a cuore. Vuole che tutti «parlino della speranza, della gioia»: 

Con questa scelta, vorrei che i miei figli e i miei nipoti conoscessero la vera gioia di essere cristiani e sappiano che la mia anima continuerà a vegliare su di loro. 

Il testamento dei beati Beltrame-Quattrocchi 

Primi coniugi ad essere beatificati come coppia, da Giovanni Paolo II nel 2001, Luigi e Maria Beltrame Quattrocchi hanno vissuto «una vita ordinaria in modo straordinario», come ebbe a dire il Pontefice durante l’omelia della messa di canonizzazione. Avevano deciso di scrivere il loro testamento spirituale, che comincia con alcune frasi di Maria rivolte al marito: 

Ti raccomando, mio caro Gino, nei riguardi dell’anima tua con Dio, di quell’anima che mi affidasti come si affida un fanciullo alla madre sua, di non tralasciare gli esercizi di pietà che facevi quando ero con te… 

[In realtà Maria sarebbe sopravvissuta a Luigi per 14 anni, N.d.R.] Poi la donna si rivolgeva ai figli: 

Il vostro compito costante sia di migliorarvi interiormente davanti all’amore di Gesù e della Divina Madre. Fate in ogni istante l’esame della coscienza*. 

E proseguiva oltre riflettendo sul ruolo dei genitori: 

Abbiamo vegliato sui figli giorno e notte, facendo attenzione a che elementi malefici non riuscissero a rendere opache le loro anime in qualsivoglia maniera*. 

Da parte sua, Luigi completò il testamento il 1º novembre 1951, ossia una settimana prima della propria morte (sopraggiunta fra il 7 e l’8 novembre): 

Attendo il momento in cui dovrò lasciare questa vita terrena e presentarmi al Tribunale di Dio con animo trepido ma pur fiducioso nella misericordia infinita di Lui che vorrà perdonare i miei peccati, le mie mancanze, le negligenze, le infedeltà e ammettermi, quando sia compiuta la mia purificazione, fra i suoi eletti. […] A tutti, e specialmente alla mia compagna amorosissima e fedelissima, chiedo perdono d’ogni pena procurata non tanto dalla mia cattiva volontà, quanto dalle deficienze del carattere e dalle tante imperfezioni. 

Il testamento di Luigi e Maria è pieno di semplicità. Niente fronzoli, niente figure retoriche: come se scrivessero le loro riflessioni pregando. Neanche molte certezze, ma molta fiducia nella misericordia di Dio. Una cosa che colpisce: il loro testamento è indirizzato a quelli che amavano – volevano far sapere loro quel che sentivano, quello che pensavano, quello in cui credevano. 

Alcune tracce per lanciarsi 

E allora come fare, in concreto, per preparare il proprio testamento? Il consiglio di padre Paul Habsbourg, parroco di Notre-Dame d’Auteuil a Parigi, è anzitutto quello di pensare al proprio ultimo giorno “con un piede nell’eternità”. Questa prospettiva aiuta a vedere quel che è realmente importante. Immaginare l’ultimo giorno della vostra vita vi dà la possibilità di riassumerla. Si tratta delle ultime parole a parenti e amici. Per ispirarsi, ecco alcuni esempi di frasi-canovaccio che si possono tener presenti: 

  • Ho cercato di vivere la mia vita secondo questi valori… 
  • Quel che ha dato un senso alla mia vita è stato… 
  • Ecco le cose che mi hanno colmano di gioia… 
  • I ricordi che mi hanno riempito di gioia sono… 
  • Per me, la vera gioia e la vera felicità sono… 
  • I più grandi dolori della mia vita sono stati… 
  • Le lezioni più importanti che ho appreso nella mia vita sono… 
  • I migliori consigli che posso darvi per una vita felice sono… 
  • C’è una cosa che ha ispirato moltissimo la mia vita… 
  • Vorrei che di me ricordaste questa cosa… 
  • Perdonatemi per questa cosa… 
  • Grazie per questa persona/cosa… 

*: questi testi sono retroversioni dal francese: le versioni originali saranno integrate non appena reperite. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
amiciziafamigliamortespiritualitàtestamento
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni