Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 05 Ottobre |
Santa Faustina Kowalska
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Telefono azzurro: l’agenda politica metta al centro bambini e adolescenti

BAMBINO, CORDA, GIOCO

AT01; SMILING CHILD; ROPE; PLAY; OUTSIDE

Annalisa Teggi - pubblicato il 29/08/22

Telefono Azzurro propone un 'Manifesto per l'infanzia e l'adolescenza', per mettere al centro di questa campagna elettorale un decalogo di azioni necessarie a cui la politica è chiamata a rispondere.

Tutelare i bambini nel mondo reale e virtuale, un’urgenza

Il dibattito elettorale tra le forze politiche in vista delle elezioni sembra aver dimenticato un tema cruciale per il futuro del nostro paese: quello dei diritti dei bambini e degli adolescenti.

Telefono azzurro

La campagna elettorale scalpita, procede a passo sostenuto verso il traguardo del 25 settembre. E da ogni schieramento si batte tantissimo sul tasto dell’energia, vera urgenza dell’autunno alle porte. Eppure c’è un’altra energia da cui dipende, molto più del gas, il presente e il futuro della nostra vita. Lo sa bene Telefono azzurro che da 35 anni ascolta la voce dei bambini e dei ragazzi.

Sono loro la vera fonte rinnovabile dell’anima nostro paese, e sono un capitolo un po’ troppo taciuto nei battibecchi elettorali. I giovani si conquistano titoli sul malessere e titoloni di cronaca nera se il loro disagio sfocia in tragedia.

Per questo Telefono azzurro ha stilato un manifesto in 10 punti per chiedere ai politici una call to action, un impegno concreto per dare il dovuto spazio politico – cioè un posto di preminenza nella cosa pubblica – alla voce dei nostri figli, soprattutto a quelli fragili e a quelli che sono a rischio abusi.

È indispensabile, al fine di salvaguardare il benessere collettivo futuro, investire in azioni e strategie concrete, a breve e lungo termine, volte alla tutela e alla valorizzazione dei diritti dei bambini e degli adolescenti di oggi e del domani, sia nel mondo reale che nel mondo del digitale. È nostro ruolo, come società civile, in rappresentanza di quella parte di popolazione al di sotto dei 18 anni, impegnarci per facilitare una migliore comprensione delle problematiche legate al mondo dell’infanzia e dell’adolescenza e muoverci a sostegno di coloro che possiedono potere decisionale, affinché i diritti di bambini e adolescenti siano pienamente rispettati e ascoltati, in qualsiasi condizione essi si trovino.

Telefono azzurro

Qui potete leggere il testo integrale del manifesto. Di seguito approfondiamo alcuni temi trattati nei dieci punti proposti.

Un Ministero per l’infanzia e l’adolescenza

Partendo dal fondo, dal punto 10 del manifesto di Telefono azzurro, si mette bene a fuoco la cornice della proposta complessiva.

La child participation è divenuta un tassello essenziale nelle maggiori politiche europee, e, di conseguenza, all’interno delle future agende politiche nazionali, dovrebbe essere presente il proposito di creare un’area di ascolto e presa in considerazione delle iniziative dei bambini e degli adolescenti. È necessario mettere a punto degli effettivi meccanismi di coinvolgimento e ascolto di bambini e adolescenti nei processi decisionali, con il fine di sviluppare dei consigli composti dagli stessi in seno a Parlamento, Regioni e comuni.

Telefono azzurro

Si parla di loro, si legifera su di loro, ma in forma di contenuti non di interlocutori. Un romanzo ancora attualissimo di Dickens, Tempi difficili, mette in scena nel primo capitolo una vera rivoluzione copernicana: un docente che tratta gli alunni come recipienti da riempire incontra una bambina che guarda il mondo con gli occhi della cura e dell’affetto. E il castello di un’educazione ideologica crolla.

L’ipotesi di creare un Ministero per l’infanzia, a dire il vero, non è una novità. Era il lontano 2006 quando la proposta fu fatta da Don Fortunato di Noto, presidente dell’Associazione Meter. Già 16 anni fa Don di Noto chiedeva anche solo la presenza di un sottosegretario come figura di riferimento politico per dare corpo a un intervento organizzato di sostegno alle vulnerabilità dell’infganzia:

‘Un sottosegretariato – aggiunge don Di Noto – avrebbe il merito di razionalizzare gli interventi di prevenzione a tutela dei minori, di fissare gli obiettivi e le strategie per le varie attività istituzionali. Un compito che ha già assunto il ministero per le Pari opportunità con il ‘Progetto Ciclope’, ma che ora ha bisogno di fare un ulteriore passo in avanti, coordinando il già previsto osservatorio nazionale per la lotta alla pedofilia’.

donFortunatoDiNoto

A 16 anni da quell’appello, oggi, Don Fortunato lamenta un mancato lavoro in sinergia tra le associazioni che si occupano di abusi infantili. Auguriamoci che pertugi di collaborazione si spalanchino da questa nuova proposta messa sul tavolo.

Fascia protetta non è un modo di dire

Bambini e adolescenti sono sempre più presenti e attivi in Internet: per questo è diventato vitale identificare con ragionevole certezza gli utenti digitali sotto i 13 anni, tutelando i loro diritti e i loro dati personali, proteggendoli anche dall’accesso a materiale dannoso per il loro sviluppo.

Telefono azzurro
DZIECI ZE SMARTFONAMI

Il tema dei social networks e della realtà virtuale sembra un universo dai confini sempre più in espansione di fronte a cui ci sentiamo disarmati. Non è (solo) così. Penso all’impegno di tanti che si spendono per rendere la rete un posto più sicuro per i nostri figli. Demonizzare non produce chissà quali frutti, adoperarsi per proteggere è una sfida possibile. Sappiamo benissimo, ad esempio, che il limite di 13 anni per entrare nei social networks è ancora facilmente aggirabile.

Sappiamo altrettanto bene che la fascia protetta è molto sguarnita di protezione, e capita di imbattersi in contenuti inappropriati – per usare un eufemismo – da ogni parte, a ogni ora. Ed è senz’altro vero che la prima forza in campo sono i genitori, come ci ha ricordato Stefania Garassini in un’intervista:

Noi adulti siamo i primi a dover capire che il tempo davanti allo schermo non è tutto uguale. Dobbiamo stimolare, su di noi, e sui figli, un atteggiamento esplorativo e non passivo: piuttosto che aprire lo schermo e subire quello che mi viene proposto, posso essere io quello che si mette a cercare cosa mi interessa.

Alleata della famiglia in questo presidio, deve sentirsi la politica con mosse operative efficaci.

Abusi online, una risposta coesa

E’ di poco giorni fa la notizia di una poliziotta che è riuscita a catturare un pedofilodopo essersi finta adolescente sui social. 8 giorni per tendere una trappola che è scattata e ha portato all’arresto di un orco. Una goccia nel mare, si dirà. Eppure c’è.

L’impegno di Don Fortunato di Noto, che anche Aleteia documenta da anni, è una testimonianza viva e drammatica sul tema degli abusi infantili. Telefono azzurro ascolta da 35 anni le voci dei più piccoli che chiedono aiuto dalle loro gabbie di violenza quotidiana. E in 35 anni la voragine si è spalancata in modo vertiginoso, proprio a causa dello sviluppo tecnologico.

La produzione e diffusione di CSAM [child sexual abuse material – Ndr ] è cresciuta esponenzialmente negli ultimi anni, a causa anche degli sviluppi tecnologici che hanno reso più facile l’adescamento di vittime online, e al contempo, molto difficile l’attività delle forze dell’ordine per l’identificazione delle vittime e dei criminali in rete.

Telefono azzurro

Su questo fronte la responsabilità della politica può avere un ruolo decisivo. Può dare sostegno reale a chi già opera nel contesto del disagio e della violenza sui bambini. E l’attuale contesto storico chiede che lo sguardo non sia rivolto solo al virtuale, ma anche alle urgenze storiche del mondo reale. Sono punti di verità che teoricamente conosciamo benissimo e a memoria, e proprio per questo vanno ribaditi e ripetuti a voce alta.

Il superiore interesse di bambini e adolescenti, insieme ai diritti inalienabili, devono essere costantemente salvaguardati e osservati in situazioni di emergenza, come disastri naturali, scomparse non specificate, conflitti o guerre, al fine di tutelare la loro continuità in ogni circostanza.

Ibid.
shutterstock_1760913080.jpg
Tags:
adolescentibambinipoliticatelefono azzurro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni