Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 05 Ottobre |
Santa Faustina Kowalska
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

L’attore Shia LaBeouf, dei Transformers, rivela di essersi convertito al cattolicesimo

Shia LaBeouf

Featureflash Photo Agency | Shutterstock

Cerith Gardiner - pubblicato il 29/08/22

L’attore ha confessato di essersi convertito durante la preparazione del nuovo film sulla vita di Padre Pio, in cui interpreta il grande santo

Una buona notizia che arriva direttamente da Hollywood: l’attore Shia LaBeouf, noto per il suo ruolo nel film Transformers, ha rivelato di essersi convertito al cattolicesimo mentre si stava preparando a interpretare Padre Pio nel prossimo film sulla vita del frate cappuccino.

Quando l’attore ha iniziato a studiare la vita del santo, si trovava in un momento delicato della sua vita per via di una serie di scandali e accuse personali.

“Avevo un’arma sul tavolino”, ha rivelato LaBeouf a Fox News. “Non volevo più vivere. Provavo vergogna come mai prima – il tipo di vergogna che fa dimenticare come si respira. Non sai dove andare… Ma avevo anche il profondo desiderio di andare avanti”.

La decisione di interpretare Padre Pio al cinema è stata una scelta essenzialmente professionale, non motivata dalla fede. L’attore sembrava ad ogni modo cercare un orientamento per superare le prove e le tribolazioni personali.

Durante l’infanzia, LaBeouf è stato influenzato per la fede ebraica della madre e da quella cristiana del padre, ma ha vissuto momenti in cui non credeva in Dio. Sembra tuttavia che il Signore lo abbia spinto verso una direzione positiva nella sua carriera e nella vita personale.  

In un’intervista con il vescovo Robert Barron, con cui LaBeouf ha trascorso del tempo mentre si preparava a interpretare il suo ruolo, l’attore 36enne ha affermato: “La reazione era avvenuta. Ormai ero lì, non sapevo dove andare – in tutti i sensi”.

“Ora so che Dio stava usando il mio ego per attirarmi a Lui, allontanandomi dai desideri mondani. Tutto questo stava avvenendo in modo simultaneo, ma non ci sarebbe stato l’impulso a salire in macchina e a guidare [fino al monastero in cui si girava il film] se non avessi pensato ‘Salverò la mia carriera’”.

L’intervento celeste

L’attore ha aggiunto di aver sentito che Dio era stato un po’ “complicato” nel Suo approccio.

“Quando sono arrivato qui si è verificato un cambiamento. È stato come se qualcuno mi avesse ingannato. Non in modo cattivo, ma in uno che non riuscivo a capire. Ero così vicino a tutto questo che non riuscivo a vederlo”.

La star del film Transformers ha anche spiegato che l’approccio cristiano al pentimento è stato fondamentale per aiutarlo a uscire dal suo momento buio. Oltre ad ammettere con se stesso gli errori che aveva commesso, doveva anche imparare quanto fosse grande la misericordia di Dio.

“Vedendo altre persone che avevano peccato molto sono riuscito a sentire qualcosa del tipo ‘Questo mi dà speranza’. Ho cominciato ad ascoltare testimonianze di altre persone che avevano trovato la propria strada, e questo mi ha fatto sentire come se anch’io avessi il permesso [di trovare la mia]”.

Vale la pena di assistere all’intervista nella sua totalità, perché l’attore condivide molti altri dettagli sulla sua conversione e sull’interpretazione dell’amatissimo frate cappuccino. In particolare, LaBeouf ha parlato del contributo dei frati con cui ha convissuto durante le riprese, che sull’interpretazione di Padre Pio gli hanno detto: “Non fraintendere. Lui è tutto ciò che abbiamo”.

Nell’attesa del lancio del film su Padre Pio, la pellicola merita già cinque stelle per aver ispirato un attore ad aderire alla fede cattolica.

Tags:
attoreconversionepadre pio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni