Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 27 Settembre |
San Vincenzo de Paoli
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Già a 4 mesi il neonato attende un volto dopo il suono della voce umana

NEONATA,

Christin Lola | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 18/08/22

Un recente studio dell’Università di Padova ha indagato la comparsa della capacità predittiva nel bambino, confermando che è il volto umano a stimolare la comunicazione, fondamentale per la sopravvivenza

Su Focusviene presentata un’interessante ricerca condotta dall’Università di Padova e pubblicata su Scientific Reports volta a sondare quando inizia a svilupparsi nel bambino la capacità predittiva, cioè di prevedere ciò che sta per accadere sulla base delle percezioni appena acquisite.

Cos’è la capacità predittiva?

Se sentiamo abbaiare dietro la porta di casa ci aspettiamo che di lì a poco faccia ingresso un cane; quando siamo in macchina e ci imbattiamo in una fila di automobili ferme davanti a noi, pur senza vederlo, attendiamo più o meno pazientemente lo scatto di un semaforo verso la luce verde.

La capacità predittiva patrimonio di tutti gli esseri umani

Questa abilità predittiva è patrimonio di tutti gli esseri umani, e rappresenta una notevole risorsa per interagire efficacemente con l’ambiente che ci circonda. Quando recepiamo suoni o immagini, la parte del cervello impegnata nella elaborazione di questi stimoli è molto piccola (dall’1 al 5%), mentre il 95% della nostra massa grigia è rivolta al compito di generare previsioni su quanto potrebbe avvenire.

Cervello predittivo

Prospettarsi ciò che sta per succedere rappresenta un notevole ausilio per ottimizzare le nostre energie fisiche e psichiche, preparandoci a reagire prima e meglio agli eventi in corso. Il dott. Giovanni Mento, coordinatore dello studio in argomento spiega che:

Questo ciclo continuo di predizione-verifica-aggiornamento è noto in letteratura come predictive brain ( cervello predittivo, NdR) e definisce il sottile equilibrio che regola l’interfaccia tra il nostro mondo interiore e tutto ciò che è esterno a noi.

(Focus)

Lo studio

Per scoprire da quale età sia presente questa abilità predittiva gli studiosi hanno verificato l’attività elettrica cerebrale in tre gruppi di  soggetti: adulti, bambini di 9 mesi e lattanti di 4 mesi.

Veniva eseguito un esame elettroencefalografico dei partecipanti alla ricerca, mentre essi visualizzavano su un pc immagini di volti e oggetti dopo aver ascoltato voci umane e suoni non prodotti da esseri umani.

I risultati

I risultati hanno evidenziato come, anche nei piccoli di 4 e 9 mesi, l’attività neuronale anticipava l’evento in base al suono percepito. Infatti dopo aver ascoltato una voce umana , i bambini “sapevano” che avrebbero visto l’immagine di una persona sullo schermo.

La capacità predittiva una competenza precoce

Teresa Farroni, una delle autrici dello studio conclude al riguardo:

Questa competenza precoce è un prerequisito fondamentale nello sviluppo dell’essere umano, al fine di garantire fin da subito la possibilità di comunicare con altri consimili (…)

(Focus)

La comunicazione è fondamentale per la sopravvivenza

E poi:

Perché il volto induce alla comunicazione, è questo il punto. Vi è una condizione di attesa di comunicazione. Questo ci fa capire quanto sia importante: un bambino si aspetta la comunicazione da parte dei genitori molto precocemente, probabilmente anche senza averne avuto esperienza. Il sociale è così importante proprio perché porta alla comunicazione, che a sua volta rappresenta la condizione fondamentale di esistenza per gli individui. 

(ilbolive.unipd.it)
Tags:
cervellocomunicazioneneonatoricerca scientifica
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni