Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 06 Ottobre |
San Bruno
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Chi è la preda perfetta per il narcisista patologico?

DIPENDENTE AFFETTIVO,

UfaBizPhoto | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 13/08/22

La dinamica che si instaura tra dipendente affettivo e il narcisista patologico descritta lucidamente da una psicologa a partire da una storia vera

La psicologa Valeria Randone su Repubblica racconta la storia vera di una donna finita vittima di un narcisista patologico che suo malgrado l’ha trascinata in una relazione tossica.

Paola (nome di fantasia) è moglie e mamma, ha 40 anni, un bel lavoro, due figli. Una donna apparentemente realizzata.

La storia di Paola

Dopo la laurea si affretta a trovare un impiego per essere indipendente e andare  via di casa, non ha un buon rapporto con la madre. Conosce Giorgio, si innamorano e decidono di sposarsi. Forse un po’ troppo in fretta. Paola non ha ancora fatto pace con la sua infanzia, le ferite provocate da una mamma fredda che non l’ha amata con affetto e calore sono ancora aperte.

Le ha insegnato a barattare la bravura con l’amore, la generosità d’animo e di cuore con i voti scolastici e le ha instillato il seme dell’insicurezza e dell’inadeguatezza.

(Repubblica)

Paola è una donna insicura e irrisolta.

La nascita del primo figlio

Dopo un anno dalle nozze nasce il primo bambino e la gioia di diventare mamma è immensa:

le ha regalato la possibilità di riscattarsi dalla sofferenza del suo passato familiare. 

(Repubblica)

Il secondo figlio e la crisi

Poco dopo nasce il secondo figlio, e parallelamente iniziano ad emergere dei problemi nel matrimonio. Paola si rende conto di aver scelto il marito mossa dal desiderio di evadere da casa e ricevere quell’amore che le era mancato. 

Paola era ed è una donna affamata d’amore.

(Ibidem)

Paola incontra Federico

Inizia una crisi profonda, il senso di solitudine cresce di giorno in giorno. Giorgio non comprende ciò che la moglie sta attraversando. E’ a quel punto che entra in ballo Federico:

Soltanto il pensiero di vederlo mi infiammava di desiderio. L’attesa era insopportabile. L’amore straripante. La sessualità incontenibile – racconta durante il primo incontro alla dottoressa

(Repubblica)

Federico è un narcisista patologico

Federico è un narcisista patologico che illude Paola di amarla e prendersi cura di lei, ma al contrario la controlla, la umilia, la allontana dagli affetti privandola a poco a poco della sua indipendenza e della sua personalità.

Controllo e manipolazione sul dipendente affettivo

Paola vive una relazione extraconiugale tossica, crede sia amore e invece è solo manipolazione. E’ sempre più lontana dagli affetti e dal lavoro, Federico la controlla costantemente, la donna dipende completamente da lui. Avvengono tre episodi abbastanza gravi:

3 episodi gravi

Si dimentica di andare a prendere i figli a scuola, fa un incidente con la macchina, causa un problema irreparabile a lavoro.

Federico – scrive la psicologa – ha adottato la solita strategia del rinforzo intermittente: appare e scompare, la seduce e la maltratta, la riempie di attenzioni e di effusioni per poi punirla con il silenzio.

(Repubblica)

Paola inverte la rotta grazie al malessere del figlio

Tutto sta andando alla deriva, ma un giorno arriva una telefonata dalla preside della scuola del primo figlio: è per Paola l’occasione per invertire la rotta. Il ragazzino ha picchiato un compagno e sono finiti entrambi in ospedale. La professoressa le racconta di quanto il figlio sia arrabbiato e nervoso ultimamente a scuola, e così Paola realizza che ha bisogno di aiuto. Inizia un percorso terapeutico per comprendere ciò che le sta accadendo. E’ l’inizio della fine dell’incubo. 

Chi è il narcisista

È una persona affamata di consensi e di approvazione, afferma Valeria Randone. La sua preda perfetta è il dipendente affettivo. 

Questa la dinamica patologica che si determina:

Il narcisista prosciuga, vampirizza di energie psichiche il dipendente affettivo. Quest’ultimo, mentre crede di essere amato e aiutato, si fa svuotare spostando la sua dipendenza dal genitore che non è stato nutriente al narcisista che di nutriente non ha proprio nulla. E il circolo vizioso prosegue indisturbato.

(Repubblica)

Strategie del narcisista sul dipendente affettivo

Il narcisista patologico si nutre della sofferenza altrui. Oggi c’è, domani sparisce per tornare più presente di prima quando capisce che l’altro sta soffrendo. Poi scompare di nuovo. Sparizioni strategiche, afferma la dottoressa, insieme a punizioni verbali, fisiche, richieste sempre più eccessive fino ad annullare del tutto la personalità del dipendente affettivo.

Più il dipendente affettivo si sente debole e più crede di avere bisogno della sua droga, della sua dose quotidiana di veleno. Così beve dall’amaro calice: cerca di nutrirsi ma in realtà si avvelena. Il buco nel cuore. Ma il narcisista cambia? (…) il dipendente affettivo se va in terapia si salva, il narcisista rimane narcisista.

(Ibidem)

Sminuire l’altro per annullarlo

Il narcisista patologico mette continuamente a confronto il dipendente affettivo con cui ha una relazione con le altre donne (o uomini), fa paragoni per sminuirlo sul piano estetico e intellettuale. 

Così alla fine lui (o lei) potrà insultare, manipolare, offendere, tradire e abbandonare a intermittenza perché giustificato e anche autorizzato dagli eventi. 

(Repubblica)

La possibilità che un narcisista cambi? improbabile, afferma Randone. Tornerà indietro tutte le volte finché il dipendente affettivo glielo permetterà, fin quando la vittima non interromperà la relazione per andare in terapia e smettere di stare male. A quel punto il narcisista si farà da parte perché ormai ha perso il controllo sull’altra persona. 

Come vive la sessualità il narcisista patologico

Spiega la dottoressa:

Anche la sessualità viene adoperata per i suoi scopi, non accede infatti quasi mai a una dimensione di scambio e di amorevole intimità. Usa il sesso come mezzo per attirare l’attenzione su di sé, per maltrattare e confondere il partner sulle sue ars amatorie, e in fondo per esercitare il suo continuo controllo. (…) Fa di tutto per far sì che il partner si senta sbagliato, inadeguato, fuori posto.

(Repubblica)

Coazione a ripetere

La psicologa offre una riflessione utile per chi ha vissuto o sta vivendo una relazione tossica: 

(…) un amore sbagliato nella vita può anche capitare, due forse, ma dal terzo in poi c’è lo zampino della coazione a ripetere – un potente meccanismo inconscio inarrestabile e immodificabile se non con l’aiuto di un clinico – che spinge a scegliere soltanto amori disfunzionali.

(Ibidem)

La storia di Paola può sembrare distante da noi e dalla nostra cerchia di conoscenze. Qualcosa che capita ad altri, segnati da fragilità che non ci appartengono. Forse, ma conviene rimanere vigili, magari solo per essere in grado di aiutare qualcuno che vicino a noi sta andando inconsapevolmente nella bocca del lupo senza accorgersene, spinto da quella fame di amore causata da carenze affettive nella famiglia di origine.

Famiglia oggi sempre più bistrattata ed in crisi, che quando non funziona si rivela una grande malata generatrice di tante altre sofferenze che non sempre la psicoterapia riesce a guarire. E allora c’è bisogno d’altro, di guardare in Alto dove l’amore è assolutamente gratuito, inesauribile, rispettoso di quello che ognuno è, con le imperfezioni e fragilità che ci rendono unici.

Tags:
narcisismopsicologiarelazioni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni