Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 06 Ottobre |
San Bruno
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Addio a Sandy di Grease: “il tumore mi ha insegnato molto sulla compassione”

OLIVIA NEWTON-JOHN, JOHN TRAVOLTA,

defotoberg | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 09/08/22

È morta ieri sera Olivia Newton-John, la bella e dolce Sandy di Grease. 73 anni, malata di tumore: "Ogni giorno è una benedizione, non sai mai quando il tuo tempo finirà (...) dobbiamo essere grati per questo."

È morta Olivia Newton-John, la dolce Sandy che ruba il cuore a Danny Zuko (John Travolta) in Grease. 73 anni, era malata di tumore ma con l’animo sempre colmo di gratitudine e di speranza.

È morta Olivia Newton-John

Ha annunciato la morte il marito, John Easterling, sul profilo Instagram della cantante con una foto che la ritrae bellissima, sorridente, con uno sguardo amabile e felice:

(…) è morta tranquillamente nel suo ranch, nel sud della California, questa mattina circondata da parenti e amici.

View this post on Instagram

A post shared by Olivia Newton-John (@therealonj)

La figlia Chloe

Dalle prime nozze con Matt Lattanzi ha avuto una figlia, Chloe Rose con la quale condivideva anche l’amore per la musica.

Nel 1992 si ammala di tumore al seno

Olivia si era ammalata di tumore al seno nel 1992 e ne era uscita. Nel 2013 la recidiva estesa anche alla spalla che le aveva fatto rinviare un tour negli Stati Uniti e in Canada.

“Paura? No. Mio marito mi è sempre accanto, mi sostiene e sono convinta che sconfiggerò la malattia: questo è il mio obiettivo” (Ansa). Nel 2017 le era stato diagnosticato un tumore alla schiena, alla base della colonna vertebrale.

OLIVIA NEWTON-JHON,

La vita e la carriere di Olivia Newton-John

Nata a Cambridge, classe 1948, dopo l’infanzia e l’adolescenza in Australia, nel 1966 si trasferisce nel Regno Unito e lì debutta nel mondo della musica con il suo primo singolo “Till you say be mine”. Nel 1974 si classifica al quarto posto all’Eurovision Song Contest con il brano “Long Live Love”. Il grande successo arriva nel 1978 con Grease, il musical per eccellenza nella storia del cinema. Ecco le parole commoventi che ha scritto John Travolta per salutarla:

Il ricordo di John Travolta

Mia carissima Olivia, hai reso le nostre vite molto migliore. Il tuo impatto è stato incredibile. Ti amo così tanto. Ti vedremo lungo la strada e saremo di nuovo tutti insieme. Tua dal primo momento che ti ho visto e per sempre! Il tuo Danny, il tuo John!

La malattia e i concerti

Nel 2017 parte per un tour gli Stati Uniti con l’album “Live On”, ma i dolori alla schiena causati dal cancro la costringono ad alcune pause. Tra i suoi più grandi successi, nel 1981 il singolo Physical seguito dall’omonimo album, vincitore di diversi dischi d’oro e di platino.

Olivia amava cantare, una passione esplosiva nata da ragazza che l’ha accompagnata sempre e le è stata di grande aiuto nei lunghi anni della malattia.

Le parole di Olivia Newton-John al The Guardian

In un’intervista al The Guardian rilasciata nell’ottobre del 2020 aveva parlato del tumore, di cosa rappresentasse nella sua vita. Ci sono passaggi molto belli che vale la pena condividere per ricordarla. 

Riferendosi alla pandemia e al lockdown sottolineava quanto avesse apprezzato quel momento: dedicarsi al suo orto, veder crescere i suoi pomodori, passare tanto tempo prezioso con la famiglia. Tutte occasioni uniche che Olivia aveva assaporato, cercando di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno.

“Ogni giorno è una benedizione”

Si reputava una persona profondamente fortunata, e non solo per la carriera e il successo, ma anche nel dolore della malattia.

(…) la voglio vedere così. Ogni giorno è una benedizione, non sai mai quando il tuo tempo finirà, abbiamo tutti un tempo limitato e dobbiamo essere grati per questo.

(The Guardian)

Il dolore per gli aborti spontanei

Oltre alla sofferenza per il tumore, anche gravi lutti, la morte del padre e quella della sorella, e poi il dolore per alcuni aborti spontanei.

(…) ho vissuto tante esperienze diverse, alcune di sofferenza, altri difficili (…) più invecchi e più diventi saggio. Capisci che ce la farai a passare tutto e che sopravviverai.

(Ibidem)

Si arrabbiava con i medici che le preannunciavano quanto le restava da vivere

Olivia Newton-John non amava commiserarsi, né essere considerata una guerriera, si arrabbiava quando i dottori con i dati statistici a loro disposizione le preannunciavano il tempo che le rimaneva da vivere. Lei insieme ai pomodori coltivava con cura la speranza:

non gli credo comunque, perché nessuno può dirtelo con certezza. (…) Non vedo me stessa come una malata d cancro. Scelgo di non vedermi nemmeno come una lottatrice perché non mi piace la guerra (…)

(The Guardian)

Olivia Newton-John: il cancro mi ha insegnato la compassione

Leggendo quest’intervista si avverte quanto Olivia avesse colto l’importanza di non sprecare l’esperienza della malattia. Aveva capito – al contrario di quello che si può pensare – che il tempo del tumore fosse pieno, denso, e non un tempo sprecato e maledetto.

Non so cosa sarei senza il cancro. Lo vedo come il viaggio della mia vita. Mi ha dato un significato e mi ha insegnato molto sulla compassione. (…) è stato un regalo, non lo auguro a nessuno ma nella mia vita è stato molto importante.

(Ibidem)
Tags:
attricecantantecompassionemortetumore al seno
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni