Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 07 Ottobre |
BVM “Regina delle vittorie”
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

I nostri antenati affrontavano i peccati con più umiltà e contrizione di noi?

Confession

Pascal Deloche / GoDong

padre José Eduardo De Oliveira E Silva - pubblicato il 08/08/22

“Gli antichi avevano la sincerità e il coraggio morale di assumere i loro peccati come tali”

I nostri antenati affrontavano i peccati con più umiltà, sincerità e contrizione di noi? È la riflessione proposta da p. José Eduardo de Oliveira, che ha commentato via rete sociale:

“La più grande differenza tra noi e gli antichi non sono forse i nostri peccati, ma il modo in cui ci rapportiamo ad essi. Gli antichi avevano la sincerità e il coraggio morale di assumere i loro peccati come tali e li affrontavano sulla base dell’umiltà, della confessione, del pentimento, della fede modesta di chi non pretende altro che ricevere la misericordia divina.

Noi, per schivare la colpa, incolpiamo tutti, da Dio e la Bibbia alla Chiesa e i santi; adattiamo la Rivelazione alla nostra posizione di comfort nel peccato, e quindi ci rendiamo suoi avvocati, in un’autodifesa piena di vanità e presunzione; scambiamo l’umiltà con l’orgoglio, la confessione con l’autogiustificazione, il pentimento con la durezza di cuore, la fede con la cecità, affrontando la misericordia come un’offesa alla nostra superiorità.

Alla fine, non ci rendiamo conto di quanto sia immensamente infantile quello in cui cadiamo cercando di evitare crisi inevitabili, perché la menzogna non ci convince… In fondo anestetizziamo un dolore, ma ci rendiamo conto che la coscienza anestetizzata non è la stessa cosa della coscienza indolore”.

“Perché dobbiamo legittimare tutte le nostre scelte per non ergerci a persone sempre infallibili?”, chiede il sacerdote. “Perché non dobbiamo essere messi in discussione quando in realtà sappiamo a malapena chi siamo?”

E ricorda una verità che vale sia per i nostri antenati che per noi in relazione ai peccati:

“Il Vangelo ci libera da questo complesso di divinità. Non sono io che mi salvo, io ho un Salvatore, davanti al quale basta che confessi il mio peccato per ricevere perdono, grazia e misericordia”.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni