Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 15 Agosto |
Santa Maria Assunta
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

L’ultima ninna nanna di una madre ucraina per il figlio assassinato al fronte

UKRAINE

Ukrainian Catholic University

Angeles Conde Mir - pubblicato il 01/08/22

Il lacerante congedo di una madre ucraina durante il funerale del figlio è anche un canto di speranza nella vita eterna

La guerra in Ucraina inizia a stancare. Si nota. Stanca nei mezzi di comunicazione, stanca nelle conversazioni tra amici, stancano le sue conseguenze e perfino le sue terribili tragedie umane. Come ha segnalato Papa Francesco nella sua catechesi del mercoledì del 25 maggio, siamo “la società della stanchezza”, una società sazia, piena di progresso e benessere, ma carente della saggezza della vita, e che quindi si stanca di tutto.

È forse questa la spiegazione del perché possa arrivare a stancarci una situazione che dovrebbe provocare solo più indignazione ogni giorno che passa, perché ci sono tante madri che ogni giorno assistono impotenti alla morte dei figli che hanno messo al mondo e fatto crescere con tanto amore.

Anche se sono abbastanza adulti da stare su un campo di battaglia, per le madri saranno sempre bambini, le loro piccole creature indifese in un mondo pazzo che le ha obbligate a fare quello che non volevano.

In un recente messaggio ai giovani europei riuniti in un incontro a Praga, il Pontefice ha ricordato che nelle guerre, “come sempre, pochi potenti decidono e mandano migliaia di giovani a combattere e morire”.

Qualche settimana fa è morto nel Donbass un giovane ucraino di nome Artem Dymyd, che aveva studiato all’Università Cattolica di Kiev e faceva parte di Plast, il movimento scout ucraino.

UKRAINE

Mentre il padre del ragazzo, sacerdote della Chiesa Greco-Cattolica Ucraina, officiava il suo funerale, la madre ha preso il microfono e si è congedata dal figlio cantando la ninna nanna che gli intonava quando era piccolo.

Alla fine del canto, la signora Ivanka ha aggiunto una preghiera: “Cristo è risuscitato dai morti”. I presenti al funerale hanno risposto a una sola voce: “Con la Sua morte, Egli ha vinto la morte”.

Il ragazzo, di 27 anni, viveva e studiava negli Stati Uniti quando è avvenuta l’invasione russa dell’Ucraina, e aveva deciso di tornare per difendere il suo Paese e i suoi cari da un’aggressione disumana e sacrilega, come l’ha definita il Papa.

Tags:
funeralemadreucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni