Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 15 Agosto |
Santa Maria Assunta
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Messe al mare o tra la natura: le regole da rispettare secondo la Cei

WEB-MASS-CHILE-SHORE-SEASIDE-Facebook-Municipalidad La Serena

Facebook Municipalidad de La Serena

3. La Serena, a 470 kilómetros al norte de Santiago, es una ciudad costera que goza de una temperatura promedio al año de 17 gradados, además de una extensa playa que permite hacer distintos deportes acuáticos especialmente a vela.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 29/07/22

Quando si celebra una liturgia all'aperto, in luoghi insoliti, bisogna tenere un "contesto di rispetto e buonsenso, utilizzando una gestualità sobria"

Regole da rispettare per le messe che non si svolgono in chiesa ma in luoghi naturalistici, mari, monti, o più in generale in luoghi all’aperto. Sopratutto d’estate può accadere che le liturgie vengono “sperimentate” in località diverse dagli edifici di culto. 

Il caso di Crotone

L’ultimo caso, che ha avuto molto clamore mediatico, è quello di Crotone e riguarda una Messa celebrata su un materassino in mare, per la quale il sacerdote milanese, ora oggetto anche di una inchiesta della procura di Crotone, si è scusato.

Don Alberto Giardina, da due mesi direttore dell’Ufficio liturgico nazionale della Cei, fa chiarezza su Avvenire (28 luglio) sulle modalità per celebrare Messa in situazioni “estive”.

don mattia bernasconi
La messa sul materassino a Crotone.

La premessa: regole ed eventi particolari 

«Esistono delle regole – afferma don Alberto -. E poi ci sono eventi particolari che ne possono condizionare le applicazioni. Senza entrare nel merito di quanto accaduto in Calabria – lo ha già fatto l’arcidiocesi di Crotone-Santa Severina –, dico solo che l’importante è esprimere sempre la nobiltà e la bellezza della celebrazione in un contesto di rispetto e buonsenso, e utilizzando una gestualità sobria. È un discorso che vale per i luoghi, gli oggetti che si usano e per la stessa corporeità dell’uomo». 

Come celebrare la messa in un luogo diverso dalla chiesa

Il responsabile della Conferenza Episcopale Italiana spiega che i criteri della messa “corretta” sono tracciati dai libri liturgici e dall’ordinamento generale del Messale Romano. «La normativa impone che la Messa si celebri in una chiesa, in un luogo dedicato o, comunque, dove la comunità abitualmente si riunisce. Ma ci possono essere altre esigenze pastorali».

«Sono quelle dettate – prosegue don Alberto – da alcune esperienze di cui la Chiesa è ricca: per esempio quando si vive un campo Scout o dell’Ac, o quando si incontrano gruppi di famiglie: in questi casi è possibile celebrare in luoghi diversi dagli edifici di culto. Ma sempre nel rispetto della dignità della celebrazione».

shutterstock_2018036783.jpg
Liturgia con gli scout in alta montagna.

Il consiglio che dà il Papa

Il direttore dell’Ufficio liturgico nazionale della Cei ricorda che per le messe “estive” tra mare o natura, o più in generale in particolari luoghi all’aperto, «vanno utilizzate le cose vere, belle e buone che sono necessarie. Occorre seguire i criteri così ben richiamati anche nella lettera apostolica di papa Francesco, Desiderio desideravi, che evidenzia quanto sia importante ricreare ogni volta quel senso dello stupore e della bellezza propri del rito. Insomma, va rispettata la pertinenza del nostro celebrare, mentre è da escludere l’improvvisazione».

Il senso della messa al mare o in montagna

Don Alberto ammette che può essere suggestivo celebrare una Messa in località di mare o montagna, dove è facile contemplare anche la bellezza del creato. 

063_1242124557.jpeg
Una messa all’aperto in piena estate.

Primo step: trovare un luogo pertinente 

Ma in questi casi, secondo il responsabile della Cei, «il problema non è il luogo. È chiaro che in un campo scout non sempre puoi avere la situazione e il luogo liturgico più adatti. Ma aiutare i giovani che guidi a entrare nella bellezza della liturgia non significa accreditare una logica di improvvisazione e sciatteria. Molte comunità ecclesiali in questo periodo si “trasferiscono” nei posti più frequentati da turisti e villeggianti. Si utilizzano anche luoghi all’aperto, celebrando pure alle 21 o alle 22. Il punto è creare un luogo adatto alla celebrazione. E utilizzare, mi passi i termini, “gli attrezzi del mestiere” giusti».

Secondo step: l’uso di suppellettili liturgiche adatte

Secondo step dopo aver trovato un luogo pertinente, è usare «le suppellettili liturgiche adatte: un tavolo dignitoso che abbia anche una tovaglia, la croce, le candele, e poi calice e patena. Senza tralasciare l’uso del Messale per evitare che si improvvisino i testi. Nulla poi vieta la contemplazione di un posto molto bello unita alla celebrazione».

La messa in tempo di guerra o catastrofe

Un discorso diverso, conclude don Alberto, va fatto in «situazioni come una guerra, o provocate da eventi climatici estremi, in cui valgono altre considerazioni. Mi viene in mente la prigionia del cardinale vietnamita Van Thuan, che celebrava Messa in cella. Sono casi limite dove un pezzo di pane e qualche goccia di vino aprono egualmente al Mistero celebrato».

Tags:
estateliturgiaMessa
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni