Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 01 Dicembre |
San Charles de Foucauld
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

L’angelo custode è considerato lo spirito più “immediato” e vicino all’uomo

Invocare il nostro angelo fa avvertire più vicina la sua protezione. La pratica dei "martedì" è raccomandata dalla Chiesa.

© Jose Luis Cernadas Iglesias / Flickr / CC

don Marcello Stanzione - pubblicato il 29/07/22

Gli angeli sono, per definizione, quelli che accompagnano, quelli che ci sono vicini

L’angelo custode in quanto protettore è “l’immediato vicino” degli uomini. È il loro amico celeste, il loro pedagogo infaticabile, la loro guida e protettore. 

La seduzione 

L’angelo custode si sforza di controbilanciare, per mezzo di una discreta “induzione” la “seduzione” brutale del demonio. L’angelo si trova presso di noi nella prova della morte, ed è il nostro avvocato nel giudizio finale. È il nostro modello spirituale, la nostra migliore conoscenza. 

Invocare il proprio angelo: una pratica che ci fa sentire protetti.

La vita angelica viene prima di quella umana

Prima di divenire una imitatioChristi, la vita dell’uomo realizzato comincia con l’essere una vita angelica, un’imitazione dell’angelo. In rapporto con il cielo lontano di Dio, il cielo dell’angelo ci sembra a portata di mano, come un’altezza la cui accessibilità è incoraggiante

Il vertice dell’umanità

Il mondo angelico è il vertice dell’umanità, il suo genus proximus. L’uomo ha l’intuizione dell’angelo ogni volta che si sente assistito, aiutato, ispirato nelle sue imprese. Gli angeli relativizzano la solitudine dell’uomo così come relativizzano la solitudine di Dio. 

“Quelli che accompagnano”

Sono, per definizione, quelli che accompagnano, quelli che ci sono vicini. Stando le cose così, lo spirito del testo biblico, ci permette di credere che il famoso “ama il tuo prossimo” può significare ben più che “ama l’uomo che si trova vicino a te”. 

3 web-guardian-angel-statue-light-blur-umb-o-shutterstock_919848411-2

Il “nostro prossimo”

L’angelo è anche “il nostro prossimo”; non il prossimo di lato ma il prossimo dall’alto. “Ama il tuo prossimo” è, dal punto di vista dell’angelologia, il comandamento di amare il proprio angelo, di approfondire il mistero della sua prossimità, fino a che questa si fonda con la prossimità a Dio.

Tags:
angeliangelo custodeuomini
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni