Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 07 Agosto |
San Gaetano Thiene
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Francesco visita il lago Sant’Anna, sacro agli autoctoni canadesi

Pope-Francis-a-Lac-Ste.-Anne-Pilgrimage-Alberta-Canada-AFP

VINCENZO PINTO | AFP

Anna Kurian Anna Kurian - pubblicato il 27/07/22

Martedì 26 luglio il Papa si è recato al lago Sant’Anna, nella provincia di Alberta, nel Canada occidentale. Un luogo caro alle comunità autoctone del Canada. Vi si è raccolto davanti a quelle acque considerate sacre dai nativi del Paese.

Il 26 luglio, giorno della festa di sant’Anna, madre della Vergine Maria e nonna di Gesù, papa Francesco si è recato in un luogo dedicato alla santa ava di Dio, luogo particolarmente caro alle comunità autoctone del Canada: il Lago Sant’Anna, nella provincia di Alberta. 

Vi ha trovato della gioia, dell’emozione, ma anche un silenzio toccante, quando si è raccolto davanti a quelle acque considerate sacre dai nativi del Paese. 

Pope-Francis-Commonwealth-Stadium-in-Edmonton-Canada-AFP

Dopo aver presieduto, nella mattinata, una messa con circa 50mila fedeli nello stadio di Edmonton, il Papa si è allontanato di un’ottantina di km in campagna, presso un lago famoso per il grande pellegrinaggio che a partire dal 1889 attrae ogni anno 40mila persone. In questo luogo, dotato per l’occasione di un poderoso dispositivo di sicurezza, sono venute circa 10mila persone (famiglie di autoctoni, ma anche di non autoctoni), che si sono godute una giornata di spensieratezza condivisa sul terreno puntellato da teepee

Come primo gesto, il Papa ha fatto una sosta presso la statua di sant’Anna, presente all’entrata, che i pellegrini hanno l’abitudine di toccare all’arrivo. Poi, a dispetto del programma previsto, l’85enne pontefice non è risalito a bordo della papamobile aperta che l’attendeva. Offrendo di sé un’immagine umile e spoglia, è rimasto sulla sedia a rotelle guidata dal suo maggiordomo. 

Pope-Francis-a-Lac-Ste.-Anne-Pilgrimage-Alberta-Canada-AFP

Accompagnato da capi autoctoni in pompa magna con tanto di copricapi piumati, ha preso il cammino serpeggiante che attraversa gli accampamenti fino alla riva. Lì, il capo visibile della Chiesa cattolica ha seguito una tradizione autoctona: ha benedetto le acque del lago (circa 54 kmq) rivolgendosi verso l’Est, il Sud, l’Ovest e il Nord, come vuole la preghiera indigena che si orienta verso i quattro punti cardinali secondo il movimento del sole. 

Alla vigilia, durante un incontro nella chiesa del Sacro Cuore dei Primi Popoli, parrocchia nazionale degli autoctoni canadesi, il Papa aveva meditato sul significato “cosmico” che gli autoctoni accordano ai punti cardinali: 

le popolazioni indigene attribuiscono un forte significato cosmico ai punti cardinali, intesi non solo come punti di riferimento geografico ma anche come dimensioni che abbracciano la realtà intera e indicano la via per risanarla, rappresentata dalla cosiddetta “ruota della medicina”. [Questo tempio] fa propria tale simbologia dei punti cardinali e vi attribuisce un significato cristologico. Gesù, attraverso le estremità della sua croce, abbraccia i punti cardinali e riunisce i popoli più distanti, Gesù risana e pacifica tutto (cfr Ef 2,14). Lì compie il disegno di Dio: “riconciliare tutte le cose” (cfr Col 1,20).

Sempre in sedia a rotelle, il Papa è poi sceso vicino alla riva quanto poteva, e lì è rimasto solo in raccoglimento, con la folla sparsa attorno ad osservarla in un silenzio che si tagliava a fette. Un silenzio che ha dato a quel momento una dimensione mistica, davanti al “lago di Dio” – come lo chiama la tradizione autoctona. 

Al ritorno, Francesco ha benedetto la folla con l’acqua del lago, aspergendola lungo tutto il cammino. E nell’omelia ha sottolineato che fu presso un lago, in Galilea, che il Figlio di Dio aveva scelto di rivelare il suo messaggio “rivoluzionario”, quello che invitava perfino all’amore del nemico. 

Scatti dallo storico viaggio di papa Francesco in Canada

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
canadaevangelizzazionepaganesimopellegrinaggioviaggio papale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni