Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 07 Agosto |
San Gaetano Thiene
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il Papa e gli indigeni del Canada per costruire una «casa di riconciliazione» 

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
Pope Francis wearing a headdress Indigenous leaders at Muskwa Park in Maskwacis, Edmonton

Photo by Handout / VATICAN MEDIA / AFP

i.Media per Aleteia - pubblicato il 26/07/22

La sera del 25 luglio Francesco ha incontrato membri della comunità parrocchiale del Sacro Cuore a Edmonton. Un momento importante.

«Ecco una casa per tutti, aperta e inclusiva, come deve essere la Chiesa», si è rallegrato papa Francesco la sera del 25 luglio 2022 salutando il dinamismo della comunità parrocchiale della chiesa del Sacro Cuore a Edmonton, luogo del suo secondo discorso in terra canadese. Questo luogo di culto, appena restaurato dopo un incendio divampato nel 2020, è da 30 anni la chiesa nazionale delle popolazioni autoctone del Canada, che possono esprimervi le loro tradizioni. Persone provenienti dalle Prime Nazioni, Meticci e Inuit animano la parrocchia insieme con dei non autoctoni e con immigrati da diversi Paesi. 

«Grazie a Dio – si è rallegrato il Papa dopo aver ascoltato un canto –, in parrocchie come questa, attraverso l’incontro, si costruiscono giorno dopo giorno le basi per la guarigione e la riconciliazione». Venuto sulle terre autoctone come «amico e pellegrino», il Papa è tornato a dire la propria pena in merito alla vicenda dei pensionati autoctoni amministrati dalla Chiesa cattolica, per il fatto che, «in nome di un’educazione che si supponeva cristiana», delle persone sono state spogliate «delle loro identità culturali e spirituali». 

E tuttavia il Papa ha invitato a guardare la Croce, 

quell’amore scandaloso che si lascia infilzare i piedi e i polsi dai chiodi e trafiggere la testa di spine.

Bisogna «guardare insieme Cristo, l’amore tradito e crocifisso per noi; guardare Gesù, crocifisso in tanti alunni delle scuole residenziali»: il papa argentino ha insistito nell’affermare che senza Gesù la riconciliazione è impossibile e illusoria. Cristo, «sulla croce riconcilia, rimette insieme ciò che sembrava impensabile e imperdonabile, abbraccia tutti e tutto». Il disegno di Dio, ha ricordato il Pontefice, è appunto «riconciliare tutto». 

Rivolgere lo sguardo a Gesù crocifisso 

Il Papa ha assicurato di comprendere le reticenze di quanti hanno vissuto profondi traumi. Tuttavia, per riconciliarsi 

con il passato, con i torti subiti e con la memoria ferita, con vicende traumatiche che nessuna consolazione umana può risanare, se vogliamo riconciliarci veramente lo sguardo va alzato a Gesù crocifisso, la pace va attinta al suo altare. 

Perché è proprio sull’albero della croce che il dolore si trasforma in amore, la morte in vita, la delusione in speranza, l’abbandono in comunione, la distanza in unità. La riconciliazione non è tanto un’opera nostra, è un regalo, è un dono che sgorga dal Crocifisso, è pace che viene dal Cuore di Gesù, è una grazia che va chiesta. La riconciliazione è una grazia che va chiesta.

Dobbiamo imparare dallo stile di Dio: 

[…] il Signore non agisce così: egli non costringe, non soffoca e non opprime; sempre, invece, ama, libera e lascia liberi. Egli non sostiene con il suo Spirito chi assoggetta gli altri, chi confonde il Vangelo della riconciliazione con il proselitismo. Perché non si può annunciare Dio in un modo contrario a Dio.

Così viene delineato un programma per la Chiesa: 

Questa è la Chiesa e questo sia: non un insieme di idee e precetti da inculcare alla gente; la Chiesa è una casa accogliente per tutti!

Pope-Francis-at-the-Sacred-Heart-Church-of-the-First-Peoples-Indigenous-community-in-Edmonton-AFP

E vedendo che nella chiesa erano esposti i quattro pali di un tipì, sull’altare e sul tabernacolo, il Papa è tornato sul significato biblico della tenda: 

Quando Israele camminava nel deserto, Dio dimorava in una tenda che veniva allestita ogni volta che il popolo si fermava: era la Tenda del Convegno. Ci ricorda che Dio cammina con noi e ama incontrarci insieme, in convegno, in concilio. E quando si fa uomo, il Vangelo dice, letteralmente, che “pose la sua tenda in mezzo a noi” (cfr Gv 1,14)

Al termine della celebrazione, il Papa ha ricevuto diversi doni dei parrocchiani. Dei bambini, a memoria degli antichi alunni dei pensionati autoctoni, gli hanno offerto delle piccole opere d’arte della loro cultura; una famiglia gli ha consegnato una via crucis in stile indigeno, nonché dei guanti e dei mocassini in cuoio; degli anziani Meticci e delle Prime Nazioni hanno donato al Papa una piuma di aquila decorata nonché un copricapo che esprime il calore, il conforto e il loro abbraccio. 

Prima di lasciare la chiesa, il Pontefice ha benedetto una statua abbigliata in abiti tradizionali rappresentante santa Kateri Tekakwitha, la prima autoctona ad essere stata canonizzata, nel 2012. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
canadaeducazionememoriariconciliazioneviaggio papale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni