Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 28 Settembre |
San Venceslao
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Canada, il Nunzio: Francesco viene per portare consolazione

Pope-Francis-Indigenous-community-at-Muskwa-Park-in-Maskwacis-AFP

VINCENZO PINTO | AFP

Vatican News - pubblicato il 25/07/22

Monsignor Ivan Jurkovič da Ottawa illustra il significato del “pellegrinaggio penitenziale” del Papa che oggi entra nel vivo con i primi appuntamenti a Edmonton e a Maskwacis. “Il Papa è consapevole delle molte ingiustizie subite dai popoli indigeni: sarà un percorso lungo ma la Chiesa vuole essere parte della soluzione”

Il 37.mo viaggio apostolico di Papa Francesco, all’insegna del motto Camminiamo insieme, è un segno molto atteso deciso per contribuire al cammino di guarigione e riconciliazione intrapreso con le comunità native, gravemente danneggiate, in passato e in diversi modi, da politiche di assimilazione culturale in cui sono stati coinvolti molti cristiani e anche membri di istituti religiosi. Una visita incentrata sul percorso di dialogo, ascolto, solidarietà con le popolazioni autoctone canadesi che il Pontefice ha intrapreso la scorsa primavera: ora si tratta di “andare avanti” come afferma il nunzio apostolico nel Paese nord-americano, monsignor Ivan Jurkovič:

Francesco è in Canada per quello che lui stesso ha definito “un pellegrinaggio penitenziale”. Qual è il significato di questo viaggio?

Da quando sono stato nominato nunzio, nel 2021, ho potuto vivere immerso nell’atmosfera particolare che si è creata nella società canadese con atteggiamenti molto critici nei confronti della Chiesa per il suo passato. Intendiamoci, la Chiesa ha fatto moltissime cose buone, ma qui parliamo dei coinvolgimenti sulla preservazione dell’identità culturale degli indigeni. Anche se i Papi e i vescovi hanno parlato più volte, spiegando e anche chiedendo scusa, c’era bisogno di affrontare in modo diverso il problema. La Conferenza episcopale, negli ultimi tre anni ha progettato un percorso più complesso che contemplava, come primo obiettivo, l’incontro personale del Santo Padre con quattro delegazioni. Si è trattato di incontri molto importanti avvenuti tra fine marzo e inizio di aprile, che hanno aperto la porta a questo gesto straordinariamente generoso del Santo Padre di venire qui di persona, e presentare a testimoniare in prima persona l’atteggiamento della Chiesa. Il Canada è un Paese enorme. Un territorio immenso con una differenziazione culturale molto accentuata specialmente tra francofoni e anglofoni. Negli ultimi 20-30 anni c’è stato un massiccio fenomeno di migrazioni. Il Papa arriva dunque in questo contesto, arriva con la sua sensibilità che è universale. Le attese sono davvero grandi.

E lei con quale partecipazione emotiva lo sta preparando?

È un viaggio certamente atipico, che comporta tantissime responsabilità. Avrà anche la parte celebrativa, quella gioiosa che sempre contraddistingue ogni preghiera, specialmente se guidata dal Santo Padre. Dall’altra parte, si vede questa grande responsabilità di fronte all’opinione pubblica che a volte si è basata su presupposti non sempre presentati nella loro complessità. È vero che si è creata un’atmosfera molto pesante nei confronti della Chiesa, anche a motivo di alcune semplificazioni mediatiche, ma del resto è una vera responsabilità che si è accumulata nella storia. C’è la grandissima gioia di avere il Santo Padre che, nonostante tutto, affronta un viaggio complicato anche dal punto di vista fisico, ma allo stesso tempo c’è trepidazione perché si spera che questo viaggio possa portare una consolazione alle popolazioni che hanno sofferto, e anche un chiarimento, un atteggiamento della Chiesa più sereno. Una Chiesa che continuerà a lavorare per la promozione anche dei popoli indigeni e che non sia dissociata da una enorme responsabilità sociale più globale. La Chiesa infatti è solo una piccola parte di ciò che è successo. Ci sono altre responsabilità, e la Chiesa non si può dissociare specialmente da quelle del governo. Sono fiducioso: anche i media mi sembra che adesso percepiscano questo potenziale che potrà avere la visita del Santo Padre.

Il Papa ha già chiesto perdono quando ha ricevuto in Vaticano i rappresentanti di alcune comunità indigene. Con questo viaggio compie un passo un più…

Io penso che sia il massimo che si può fare: il Papa con la sua personale testimonianza, con le sue parole, mostrerà la sua vicinanza alle popolazioni indigene. Con una convinzione coerente, una sensibilità umana profonda e un atteggiamento di umiltà si è mostrato consapevole delle molte ingiustizie subite dagli indigeni. Andiamo verso il futuro con un ottimismo rinnovato e una nuova visione: non vogliamo dissociarci da un problema che è reale, vogliamo essere parte della soluzione. L’unico che può aiutarci in questo è il Santo Padre.

Cosa può dirci degli incontri preparatori che finora lei ha avuto con i rappresentanti delle comunità indigene?

Ho avuto incontri a vari livelli. Ci sono accuse verso la Chiesa per aver partecipato a un progetto del governo che mirava alla quasi eliminazione della identità indigena per creare una nuova società canadese. C’è stato certamente un danno terribile, ma c’è anche da dire che la Chiesa ha avuto grande generosità, ci sono stati fattori anche positivi. La Chiesa e la sua Dottrina sociale sanno guardare al passato in maniera critica. Ci ho messo molto tempo per capire veramente di che cosa si trattava. Si è trattato davvero di una cosa grave e che non riguarda solo il Canada e la questione non può essere risolta dall’oggi al domani. Ci sono altri continenti dove si dovranno fare i passi necessari per superare le ingiustizie del passato.

Quindi sarà un viaggio che interpellerà l’agire della Chiesa nel mondo soprattutto in relazione al concetto di inculturazione. Quali frutti ritiene ci saranno per la Chiesa in Canada e nel mondo?

Se si guarda al mondo intero, 500 anni della storia sono stati caratterizzati da profonde ingiustizie: le modalità della conquista da parte degli europei e poi il ritardo nel riconoscere a tutte le culture una propria identità e di rispettarle come sono, e di annunciare a queste culture il Vangelo non come qualcosa di preparato in maniera uguale, invece di comprendere il loro sentimento religioso. È un lungo percorso, la società cambia. Per la Chiesa è un impegno enorme.

La componente ucraina è consistente in Canada. La guerra è l’altra preoccupazione che attraversa costantemente i pensieri del Papa…

La questione dell’Ucraina è molto sentita perché c’è una notevole presenza di ucraini venuti nel corso degli ultimi cent’anni. Il Canada guarda con particolare attenzione al Santo Padre e alla sua sensibilità di fronte a questa tragedia in Europa. Il Papa dunque viene anche come portatore di una pace più universale, non solo per una riconciliazione nazionale. Una preoccupazione per la pace nel mondo così drammaticamente messa in pericolo.

L’originale su Vatican News

Tags:
canadapapa francescopellegrinaggioviaggio papale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni