Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 10 Agosto |
San Lorenzo
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Perché non bisogna controllare il coniuge anche se si sospetta un’infedeltà?

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
shutterstock_1902702700.jpg

NewAfrica - Shutterstock

Guillermo Dellamary - pubblicato il 20/07/22

Molti hanno il complesso di Sherlock Holmes e sentono il bisogno di vigilare e indagare sul comportamento del partner. Uno psicologo propone un rimedio per evitare la sfiducia

Ci sono persone che temono o sospettano un’infedeltà, e allora cercano di scoprire la verità e di sapere cosa sta facendo il partner.

Notando qualsiasi cosa insolita, sorgono subito insicurezze e gelosie di ogni tipo su quello che l’altro sta facendo.

Il dramma della gelosia è aumentato molto di recente, semplicemente perché è aumentato il senso di territorialità e di possesso dell’altro. È nata la sensazione che amare significhi possedere, che l’altro sia parte del “mio” come se fosse un’altra proprietà, per cui bisogna fare attenzione perché non ce la tolgano.

Il filosofo tedesco Johannes B. Lotz fa riflettere, nelle sue tante opere, sul fatto che il vero amore di esprime nella fiducia, ovvero nel testimoniare il fatto che si ha fiducia nella persona che si ama, come Dio ci ama e ha fiducia in noi.

Dove c’è fiducia c’è amore, il che implica il fatto che quando si smette di confidare si smette anche di amare. In molte coppie si comincia così a dubitare del comportamento e delle decisioni dell’altro, e in quel momento si comincia a vivere con l’opposto dell’amore, che è la paura.

Quando il timore assale la mente, si vive in funzione delle supposizioni e dell’immaginazione sfrenata, ci si chiede cosa stia facendo l’altro e si inizia a indagare presupponendo che stia sicuramente facendo qualcosa di male. Si sente che l’altro sta nascondendo e mentendo, e allora si smette di confidare e di credere nella sincerità delle sue parole.

Il tobogan della sfiducia

Lo “scivolo” della sfiducia ha iniziato il suo deplorevole processo, e la rotta porta alla sensazione che le cose vanno male e bisogna cercare la verità. Per questo si crede che si debba analizzare quello che sta facendo, arrivando a spiare e a intromettersi nella sua privacy per confermare che sta effettivamente mentendo e che ha una relazione alle nostre spalle.

Il detto “Chi cerca trova” può essere vero, e visto che al giorno d’oggi il cellulare è il mezzo di comunicazione per eccellenza, non è difficile prenderlo – senza il consenso dell’altro – e trovare le prove di molte delle attività che svolge, ed è quindi molto facile dimostrare che l’altro mente e che la sua apparente innocenza è solo una farsa.

I sospetti possono essere confermati, ma in fondo si è già spezzata la cosa più importante, che è la fiducia – uno per aver sbagliato mentendo e ingannando, l’altro per aver smesso di credere e aver dubitato.

ZWIĄZEK

La realtà si impone, e ora sono entrambi intrappolati nel dolore dell’inganno, della menzogna e dell’infedeltà, nascondendo i veri pensieri e sentimenti.

L’ansia di sapere la verità finisce per trasformarsi nel tortuoso cammino della sofferenza e dell’alterazione della qualità di vita degli sposi, che si ripercuote su tutta la famiglia.

Il coraggio di chiedere

Una raccomandazione molto importante, di fronte all’incertezza e al dubbio di una possibile infedeltà o di una serie di menzogne da parte del coniuge, è non cadere nella tentazione di trasformarsi in detective, perché è meglio ricorrere al coraggio di chiedere ed esprimere l’angoscia che si prova.

MAN,WOMAN,CONVERSATION

Anziché reclamare, la cosa migliore è esprimere ciò che si prova senza bisogno di accusare l’altro.

È importante che il partner sappia cosa prova l’altro, cosa teme, cosa suppone, e anche se nega o vuole tranquillizzare dicendo che si tratta di sospetti infondati, si è già messa in pratica la responsabilità di comunicare ciò che si prova.

Se c’è davvero un’infedeltà, vale la pena di affrontarla subito e di cercare una soluzione, anziché vivere in preda alle supposizioni o a storie terribili che ci si crea nella mente anziché accettare la realtà.

In conclusione, è meglio confidare, perché è il vero atto d’amore. Bisogna dire quello che accade e affrontare la questione con dolcezza, faccia a faccia, per cercare la causa o la possibile soluzione al problema, senza drammi e scandali.

Un dialogo coraggioso e opportuno è la soluzione migliore.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
coppiainfedeltàrapporti affettivi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni