Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 02 Dicembre |
Santa Blanca de Castilla
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Il doloroso esodo delle suore di Madre Teresa 

MISIONERAS

Diócesis de Tilarán - Liberia

Pablo Cesio - pubblicato il 13/07/22

Espulse mercoledì 6 luglio dal Nicaragua, le Missionarie della Carità sono state scortate da agenti del governo e da poliziotti a un autobus che le ha condotte in Costa Rica, paese limitrofo.

Il dolore di uno sradicamento raddoppiato dalla tristezza della separazione: è quel che hanno sentito le Missionarie della Carità nello scorso mercoledì 6 luglio, al momento della loro espulsione dal Nicaragua da parte del governo di Daniel Ortega. La decisione, approvata con urgenza dai deputati sandinisti, segna la fine della presenza nel Paese dell’ordine fondato da Madre Teresa nel 1950. 

Stando a El Confidencial, testata locale, 18 missionarie sono state espulse, tra cui 7 religiose originarie dell’India, 2 del Messico, 1 della Spagna, 2 del Guatemala, 1 dell’Ecuador, 1 del Vietnam, 2 delle Filippine e 2 del Nicaragua. 

Sorvegliate e molestate dal governo in questi ultimi giorni, le religiose hanno vissuto un doloroso esodo che le ha costrette a lasciare alle loro spalle quanti accompagnavano, i più poveri fra i poveri, nella loro casa del Cuore Immacolato di Maria situata a Granada, nel sud-ovest del Paese. Stando alle informazioni di El Confidencial, le Missionarie della Carità 

sono state trasferite da Managua e Granada alla frontiera col Costa Rica dalla Direzione generale della migrazione e dell’immigrazione (DGME) e dalla Polizia. 

Esistono immagini che le vedono partire i bagagli alla mano. 

Le religiose sono state accolte in Costa Rica da mons. Manuel Eugenio Salazar, vescovo della diocesi di Tilarán. Dopo un pasto molto semplice alla frontiera, il vescovo ha potuto conversare con loro in una parrocchia locale. Queste le sue dichiarazioni: 

Hanno attraversato momenti difficili e minacciosi, anche per la loro integrità fisica. Se la cosa non fosse dipesa che da loro, sarebbero rimaste in Nicaragua: amano quel Paese e il suo popolo, specialmente i più poveri e bisognosi. 

«Missionarie della Carità, benvenute in Costa Rica», ha poi dichiarato in un messaggio diffuso sui social network: 

Siamo onorati della vostra presenza. Accogliendovi, accogliamo Gesù Cristo […]. In un mondo materialista in cui il denaro è al cuore di tutto, voi insegnate la Parola di Cristo con semplicità e testimoniate incessantemente che vale la pena di amare i poveri. Contate su di noi, siamo al vostro servizio. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
madre teresamissionarie della caritànicaraguapersecuzionepersecuzione cristiani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni