Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 12 Agosto |
Santa Giovanna Francesca de Chantal
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Nascere orfani per via di una GPA o PMA “post-mortem” 

sad-child-2

Studio 37

Christine Pellen - Gènéthique - pubblicato il 07/07/22

Nascere di orfani di padre per una fecondazione assistita, oppure orfani di madre per via dell’utero in affitto. Ecco a cosa portano le tecniche di procreazione artificiale.

Negli Stati Uniti una vedova ha dato la luce a un bambino concepito con lo sperma del marito, il quale era defunto 14 mesi prima della nascita del bimbo (nel febbraio 2020 – Metro.co.uk, 22 giugno 2022). La storia però non finisce qui: le resta uno dei due embrioni “adatti alla vita”, che erano stati congelati. Sarah Shellenberger, insegnante 41enne, ha deciso di far nascere questo secondo bambino. Prodotto appena una settimana prima della morte di Scott, lei sperava che «il transfert riuscisse». «Sono così grata del poter sperare di recuperare un secondo frammento di mio marito», ha dichiarato. L’embrione è stato impiantato il 23 giugno. Se tutto va come previsto, Hayes incontrerà il fratello (o la sorella) da qui a nove mesi, più di tre anni dopo la morte del loro papà. 

Una decisione di giustizia 

Una storia eccezionale? Neanche tanto: in Gran Bretagna un vedovo ha ottenuto il diritto di utilizzare un embrione concepito con la propria defunta sposa (BioNews, 27/06/2022). Tra il 2013 e il 2018, Ted Jennings e la moglie Fern-Maria Choya si sono sottoposti a quattro cicli di FIVET in una clinica della fertilità a Londra. Dopo il decesso della moglie, occorso nel 2019, Ted Jellings ha voluto utilizzare il loro ultimo embrione congelato per avere un figlio mediante la pratica dell’utero in affitto. Accordo che da principio non era riuscito ad ottenere, dal momento che gli mancava il consenso scritto della moglie (Gènéthique, 6/5/2022). Alla fine un giudice gli ha fornito l’autorizzazione. 

Una prima GPA post-mortem 

Per il giudice Theis, 

la Human Fertilisation and Embryology Authority (HFEA) dovrebbe rivedere i propri formulari di consenso nel caso di decesso di uno dei coniugi, e dovrebbe chiarire quel che dovrà avvenire degli embrioni superstiti. 

Secondo lei ne sarebbe mancata l’occasione, ma Fern-Maria Choya avrebbe dato il proprio consenso. Si tratta del primo caso di maternità vicaria post-mortem nel Regno Unito. Sono procedure che interpellano: l’embrione è utilizzato per prolungare, diciamo risuscitare, il genitore defunto? Come afferma Monette Vacquin, psicanalista, membro del Consiglio scientifico del dipartimento di etica biomedica del Collège des Bernardins, 

l’embrione è [divenuto] posta in gioco, egli stesso è un oggetto metafisico per il fatto di trovarsi al crocevia tra le differenze dei sessi e delle generazioni. [Egli è] figura del passato e dell’avvenire. 

Talvolta suo malgrado. 

In partenariato con

genethique.png

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
diritti umanidirittofecondazione assistitaorfaniutero in affitto
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni