Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 12 Agosto |
Santa Giovanna Francesca de Chantal
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Papa Francesco tende la mano alla Cina

POPE AUDIENCE

Antoine Mekary | ALETEIA | i.Media

Il Papa con fedeli e sacerdoti cinesi in Piazza San Pietro

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 06/07/22

Intervistato dalla Reuters, il pontefice sostiene che l’accordo provvisorio per le nomine dei vescovi cinesi “va bene” e si augura che venga rinnovato

Per papa Francesco l’Accordo Provvisorio tra Vaticano e Cina stipulato nel 2018 «va bene», e spera che possa essere rinnovato il prossimo ottobre. Lo ha spiegato nell’intervista rilasciata a Phil Pullella dell’agenzia Reuters.

L’ultima parola suoi vescovi spetta al Papa

Come si ricorderà, grazie all’Accordo Provvisorio siglato nel 2018, il cui testo è al momento riservato, si è sanata la situazione della Chiesa cattolica in Cina riportando nella piena comunione con Roma i vescovi nominati senza il mandato papale. L’Accordo, che prevede un percorso condiviso per arrivare alla nomina dei nuovi vescovi, lascia al Pontefice l’ultima parola.

POPE FRANCIS GENERAL AUDIENCE

“Il migliore diplomatico della Santa Sede”

Come risulta dalla trascrizione dell’intervista, Papa Francesco ha difeso l’accordo e ha innanzitutto espresso apprezzamento per il ruolo svolto dal cardinale Segretario di Stato: «Chi porta avanti questo accordo è il cardinale Parolin che è il migliore diplomatico della Santa Sede, un uomo di alto livello diplomatico. E lui sa muoversi, è un uomo di dialogo, e dialoga con le autorità cinesi. Credo che la commissione che lui presiede ha fatto di tutto per portare avanti e cercare una via di uscita e l’hanno trovata».

Cardinal-Pietro-Parolin-Antoine-Mekary
Il cardinale Paroin.

“Lentamente, “alla cinese””

Paragonando la situazione attuale a quella precedente al 1989, il Papa ha detto che la nomina dei vescovi in Cina dal 2018 procede lentamente, ma che ci sono dei risultati. «Si va lentamente, ma (dei vescovi, ndr.) sono stati nominati. Si va lento, come dico io, ‘alla cinese’, perché i cinesi hanno quel senso del tempo che nessuno li affretta». 

“Anche loro hanno problemi”

«Anche loro hanno dei problemi», ha aggiunto Papa Francesco, facendo riferimento ai diversi atteggiamenti delle autorità locali in Cina, «perché non è la stessa situazione in ogni regione del Paese. Perché anche (il modo di tenere i rapporti con la Chiesa cattolica, ndr.) dipende dai governanti, ce ne sono diversi. Ma l’accordo va bene e mi auguro che a ottobre si possa rinnovare» (Vatican News, 5 luglio).

Tags:
cinapapa francescovescovi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni