Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 07 Agosto |
San Gaetano Thiene
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

L’attore Branciaroli: la fede è un tunnel dove tutti noi vacilliamo 

attore branciaroli

Piccolo Teatro di Milano | Youtube

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 05/07/22

Secondo Branciaroli, che è anche un autorevole regista e drammaturgo, “il cristianesimo con la Fede nella vita eterna spinge a cose enormi, allo smisurato”

Franco Branciaroli, attore milanese classe 1947 con alle spalle cinquant’anni di carriera, quando parla di fede e credenti, pesa le parole come pochi. Per lui, che è anche un autorevole regista e drammaturgo, sono concetti profondi che devono essere compresi, prima di “aderire” ad essi: essere credenti o aver fede non sono “mode” o “stereotipi”. Branciaroli lo ha spiegato in un’intervista al settimanale Famiglia Cristiana.

attore branciaroli
Un giovane Branciaroli: l’attore ha recitato per numerosi registi, da Tinto Brass a Cristina Comencini.

Chi è il credente

L’attore sostiene che la parola “credente”  va ben capita, prima che una persona possa definirsi tale. «Sono credente? Che parola complessa… Diciamo di sì. Lo scrittore Alberto Savinio, che era fratello di Giorgio de Chirico, diceva che senza Dio si finisce per ascoltare solo le chiacchiere dei vicini di appartamento. Il teatro deve far sentire questa voce. L’incarnazione di Dio in un uomo è una questione molto complicata». 

I valori evangelici 

Prosegue l’attore milanese: «Noi nasciamo tutti in un mondo forgiato dai valori cristiani. Anche liberté, égalité e fraternité sono valori evangelici. Alberto Moravia diceva che il cristianesimo ha vinto nei suoi valori, il problema della Fede è un altro: credere nell’incarnazione, la resurrezione del corpo, la vita eterna».

Cosa è la fede

La fede, secondo Branciaroli, «è un mistero, un tunnel dove non c’è nessuno che non vacilli. Qui entra in gioco la lotta con il demonio che ci seduce a non credere, a tirarci indietro, a mettere in dubbio tutto. Questa è la vita vera. Pensare all’epilogo e chiedersi: finirò anch’io o no? I greci dicevano di sì e quindi insegnavano a vivere con misura, senza hybris e colpi di testa». 

Lo “smisurato”

Conclude l’attore: «Il cristianesimo con la Fede nella vita eterna spinge a cose enormi, allo smisurato. Se tu cancelli dall’orizzonte il fatto che sei finito, ti si allarga l’orizzonte, diventi audace e, in un certo senso, più pazzo» (Il Sussidiario, 3 luglio).

Tags:
attorecrederefede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni