Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 07 Agosto |
San Gaetano Thiene
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Muore Deborah James, la presentatrice della BBC che ha commosso il mondo con il suo cancro

Deborah James

Deborah James | bowelbabe | Instagram | Fair Use

Cerith Gardiner - pubblicato il 01/07/22 - aggiornato il 01/07/22

Moglie, madre e attivista della lotta contro il cancro, ha raccolto milioni in donazioni e ha dimostrato l’importanza delle cure palliative, che riceveva in casa grazie ai professionisti del settore e ai suoi familiari

Da quando le avevano diagnosticato un cancro all’intestino, Dame Deborah James, famosa presentatrice della BBC di 40 anni, ha svolto una campagna instancabile per aumentare la consapevolezza sulla malattia che le ha stroncato la vita. Quando di recente aveva annunciato sulle reti sociali che avrebbe lasciato l’ospedale e sarebbe tornata a casa per ricevere cure palliative di fine-vita, il suo messaggio sincero ha generato una straordinaria quantità di donazioni alla sua causa.

La James aveva ricevuto da poco l’onorificenza di Dama dell’Impero Britannico per il suo contributo alla società. Bowelbabe, com’era nota, era insegnante, ma era diventata popolare quando le era stato diagnosticato un tumore all’intestino nel dicembre 2016, diventando un’attivista della lotta contro il cancro. Aveva lasciato l’insegnamento e si era dedicata a scrivere un blog sulla sua vita con la malattia, e in seguito aveva iniziato a collaborare con il quotidiano The Sun ed era diventata presentatrice del podcast You, Me and the Big C.

Il suo messaggio

In un post del suo profilo pubblico su Instagram, la famiglia ha comunicato questo mercoledì la sua morte con un messaggio pieno d’amore:

“Ci rattrista profondamente annunciare la morte di Dame Deborah James, la moglie, figlia, sorella e mamma più incredibile. Deborah è morta in pace oggi, circondata dalla sua famiglia”.

Bowelbabe, dice il testo, “è stata una fonte di ispirazione, e siamo incredibilmente orgogliosi di lei e del suo lavoro e del suo impegno nelle campagne benefiche, nella raccolta fondi e negli sforzi instancabili per aumentare la consapevolezza sul cancro che colpisce tante vite”.

“Deborah ha condiviso la sua esperienza con tutti per promuovere consapevolezza, spezzare le barriere, sfidare i tabù e cambiare il modo di parlare del cancro. Anche nei suoi momenti più difficili, la sua determinazione a raccogliere denaro e promuovere la consapevolezza è stata ispiratrice”.

“La ringraziamo per averci donato del tempo in privato come famiglia, e speriamo di portare avanti l’eredità di Deborah in futuro attraverso @bowelbabefund».

Con il permesso che Deborah aveva dato prima di morire, la famiglia ha condiviso un suo pensiero: “Trova una vita che valga la pena di godersi; assumi dei rischi; ama profondamente; non avere rimorsi; e abbi sempre, sempre una speranza ribelle. E infine, guarda i tuoi escrementi, potrebbe salvarti la vita”.

La tenera immagine delle cure del padre

Di Deborah rimarranno molte immagini, ma una che tocca particolarmente è quella che la ritrae negli ultimi giorni di vita, in cui riceveva cure palliative a casa e si vede il padre che le pettina i capelli perché lei non aveva più la forza di farlo.

L’ha pubblicata il giorno della Festa del Papà, che in alcuni Paesi si celebra a giugno, e mostra l’affetto che avvolge una famiglia quando uno dei suoi membri è malato.

Tags:
cancromorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni