Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 07 Agosto |
San Gaetano Thiene
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Militanti pro-aborto attaccano strutture pro-vita dopo le restrizioni all’aborto negli Stati Uniti

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
US SUPREME COURT

By Konstantin L | Shutterstock

Francisco Vêneto - pubblicato il 01/07/22

Tra gli obiettivi ci sono chiese cattoliche, monumenti pro-vita e centri per gestanti

Tolleranza? Amore? Diritti umani? La narrativa della militanza a favore dell’aborto adduceva “nobili preoccupazioni” nei suoi discorsi eufemistici in difesa del libero sterminio dei bambini in gestazione, ma la pelle dell’agnello è caduta rapidamente dopo la recente decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti. I giudici hanno riconosciuto l’incostituzionalità della sentenza che, basandosi su una farsa, aveva legalizzato l’aborto in tutto il territorio del Paese nel 1973.

Già settimane prima dell’annullamento della famosa sentenza Roe vs. Wade, la “tolleranza”, l’“amore” e i “diritti umani” predicati dai militanti abortisti erano stati dimostrati con attacchi a chiese cattoliche, monumenti pro-vita e centri per gestanti. Dopo la conferma della decisione dei giudici, il 24 giugno, la violenza della militanza abortista non poteva che peggiorare.

Il centro LifeChoice di Winter Haven, in Florida, è stato costellato di frasi pro-aborto sabato 25 giugno. La sua direttrice, Lyndsy Flanagan, ha dichiarato all’agenzia cattolica di notizie CNA che i vandali hanno anche danneggiato le telecamere di sicurezza, scrivendo frasi come “La vendetta di Jane”, “Jane è stata qui”, “Aborto per tutti”, “Il vostro tempo è finito”, “Vi stiamo dietro” e “Siamo ovunque”. La “Jane” in questione è un riferimento allo pseudonimo “Jane Roe”, attribuito alle donne di cui si vuole preservare l’identità.

La direttrice del centro pro-vita ha detto di non poter divulgare altre informazioni su richiesta dell’FBI, visto che le indagini sono in corso, ma ha commentato: “Visto che un gruppo nazionale potrebbe essere coinvolto in questo, ci hanno chiesto di analizzare con molta attenzione tutti i dettagli di quello che sappiamo grazie ai video”.

I cristiani locali si sono offerti subito di ridipingere il centro.

Situazioni simili si sono verificate con altri centri per gestanti, come Heart to Heart a Cortez (Colorado), e monumenti pro-vita, come una croce memoriale a South Bend (Indiana), dove la frase “In memoria dei bambini abortiti” è stata coperta da una frase pro-aborto.

Tra le chiese attaccate, spiccano quella dell’Ascensione a Manhattan, costellata di frasi a favore dell’aborto, e quella di St. Anthony a Renton (Washington), dove sono state rotte le finestre e la facciata è stata imbrattata con minacce e motti abortisti.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
abortocorte suprema americana
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni