Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 06 Dicembre |
San Nicola di Bari (da Mira)
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Nicaragua: le Suore di Madre Teresa minacciate di espulsione 

Sisters of Missionaries of Charity

Ints Vikmanis | Shutterstock

Agnès Pinard Legry - pubblicato il 30/06/22

Il 25 giugno 2022 il presidente del Nicaragua Daniel Ortega ha ordinato, mediante il ministro degli Interni, l’espulsione dal Paese delle Missionarie della Carità. Mentre le tensioni fra la Chiesa e il governo si moltiplicano, quest’ultimo accusa l’opera della Santa albanese di irregolarità amministrative.

Le Missionarie della Carità preso personæ non gratæ in Nicaragua? Il governo di Daniel Ortega, mediante il ministro degli Interni, ha ordinato sabato 25 giugno la chiusura di 101 organizzazioni non governative (ONG), tra cui l’associazione delle Missionarie della Carità, la congregazione religiosa fondata da Madre Teresa. 

La domanda è stata formulata in primo luogo dal legislatore sandinista Filiberto Rodríguez, in una lettera presentata il 22 giugno all’Assemblea Nazionale. Nel documento, pubblicato dal media nazionale Confidenciál, egli presenta 

il decreto legislativo per l’annullamento della personalità giuridica di diverse associazioni e fondazioni, domandata dalla Direzione nazionale della registrazione e del controllo delle OSSL [organizzazioni senza scopo di lucro, N.d.R.]. 

Il testo, che deve essere dibattuto questa settimana, afferma che l’Associazione delle Missionarie della Carità «non ha rispettato i suoi doveri» relativi alla legge che regolamenta le OSSL, a quella sul riciclaggio di denaro sporco volta ad evitare il finanziamento del terrorismo e quello di armi di distruzioni di massa. 

Nel dettaglio, stando al governo, le missionarie della Carità non sono accreditate «dal ministero della Famiglia per funzionare come un asilo nido, un ritrovo per giovani ragazze e un dispensario per anziani», e non dispone «di un permesso, che dovrebbe essere concesso dal ministero dell’Educazione, per effettuare il rinforzo degli apprendistati», delle azioni caritative di cui si occupano attraverso differenti strutture. Inoltre, denuncia il governo, 

lo stato delle finanze comunicato al ministero dell’Interno non coincide con i documenti presentati nella supervisione. 

Presenti nel Paese da 34 anni 

L’Associazione delle Missionarie della Carità è stata fondata in Nicaragua il 16 agosto 1988, subito dopo la visita di Madre Teresa nel Paese e durante il primo governo di Daniel Ortega (1985-1990). Le religiose realizzano il grosso delle loro azioni caritative attraverso la Casa del Cuore Immacolato di Maria, nella città di Granada, dove adolescenti presi da contesti difficili vengono accolti e aiutati a costruire il loro futuro. Nella capitale, Managua, una casa di riposo, un progetto di sostegno scolastico per gli alunni a rischio e un asilo nido per famiglie senza risorse sono tenuti dalle Missionarie della Carità. 

Le Missionarie della Carità fanno parte delle 101 organizzazioni chiuse lo scorso fine settimana dal governo del Nicaragua, e si aggiungono a più di 750 organizzazioni chiuse dal governo in questi ultimi anni, tutte col medesimo metodo volto a negare personalità giuridica. Nel maggio 2022, ad esempio, è stata la volta dell’Istituto Giovanni XXIII, legato all’Università dell’America Centrale (UCA), che aiutava circa 400mila persone con i suoi programmi di alloggio, i suoi progetti di ecologia globale e, soprattutto, di sanità. All’inizio del giugno 2022, TV Merced, una rete cattolica della diocesi di Matagalpa, è stata chiusa. Preti sono stati arrestati e vescovi minacciati. 

Come in tutte le persecuzioni contro la Chiesa cattolica condotte da regimi autocratici, quello di Daniel Ortega (giunto a qualificare i Vescovi di “golpisti” e i preti di “criminali”), l’obiettivo di tali atti è di mettere a tacere e intimidire. Le Missionarie della Carità, al servizio dei più poveri fra i poveri da più di quarant’anni, negoziano con il governo per continuare a servire gli abitanti del Paese che hanno bisogno di aiuto. Una delle suore del convento di Granada confidava qualche giorno fa al giornale La Prensa:

Non sappiamo se riusciremo ad ottemperare a tutte le loro richieste. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
madre teresamissionarie della caritànicaraguapersecuzionepersecuzione cristiani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni