Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 06 Luglio |
Sant'Antonio Maria Zaccaria
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Cosa c’entra San Michele con la “spada nella roccia” di San Galgano?

san michele e galgano

Fabio Gismondi CC | Public Domain | Via Wikimedia

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 24/06/22

Il santo toscano ebbe ripetute visioni dell'arcangelo. In una di queste Michele gli disse di seguirlo e di attraversare un grandissimo ponte. Da lì, per Galgano iniziarono una serie di "viaggi mistici"

San Galgano nato intorno al 1150 a Chiusdino, vicino a Siena, in una nobile famiglia, da giovane condusse una vita dapprima di piaceri. Ma dopo aver avuto alcune visioni dell’arcangelo Michele si convertì e diventò eremita.

La cella sul monte Siepi

Costruì una cella sul fianco ripido dndri una montagna vicino alla congregazione monastica fondata da S. Guglielmo di Malavalle, sul monte Siepi, e qui fu raggiunto da alcuni discepoli. Ma dopo un po’ dubitò che guidare una congregazione fosse la sua vera vocazione, allora fece visita a papa Alessandro III nel 1181 per discutere la questione, ma non visse abbastanza a lungo da risolverla. 

papa alessandro III
Papa Alessandro III conobbe San Galgano e ne aprì il processo di canonizzazione, il primo della storia.

Un processo canonico molto rapido

Sulla sua tomba, fu costruita una chiesa rotonda, dove si recano da subito pellegrini. Già nel 1183 fu formata una commissione d’inchiesta dal papa, ed è probabile che egli abbia ricevuto la canonizzazione nel 1190, anno in cui i monaci cistercensi presero possesso del convento di Monte Siepi per richiesta di Ugo, vescovo di Volterra. 

Le reliquie trasferite a Roma

Allora la maggioranza dei monaci di Galgano lasciò il convento, spargendosi per la Toscana, per diventare eremiti agostiniani. Il culto fu sin dall’inizio particolarmente forte a Siena e a Volterra; le reliquie sono custodite nel battistero di S. Giovanni in Laterano, a Roma. 

san galgano
San Galgano è il protagonista della “spada nella roccia”. Ma tutto è nato dopo alcune visioni di San Michele arcangelo.

Le visioni di San Galgano

Don Marcello Stanzione riporta gli episodi delle apparizioni notturne di San Michele a San Galgano nel libro “Nel cuore della notte Dio ci parla” (Mimep Docete)

Queste descrizioni sono molto lucide e dettagliate poiché fu la stessa madre di San Galgano, che era ancora in vita quando il figlio morì, a riportarle negli atti del processo canonico. Galgano infatti aveva parlato diverse volte con sua madre di questi dialoghi con l’arcangelo Michele.

Il grandissimo ponte

Nella visione più importante, San Michele, gli apparve in sogno e gli disse: “Seguimi”. Ed egli, subito alzatosi, lo seguì camminando con lui fino ad un certo fiume, sopra il quale vi era un grandissimo ponte, che non poteva essere attraversato senza una grande difficoltà e sotto il ponte gli sembrò di vedere un mulino. 

I dodici apostoli

Dopo aver attraversato il ponte giunsero in un bellissimo prato delizioso, coperto di fiori bellissimi, che diffondevano un profumo meraviglioso. Attraversato il prato, gli sembrò di entrare in una caverna sotterranea e di giungere a Montesiepi, dove incontrò dodici apostoli, che attendevano in una casa rotonda colma di profumo e rifinita in modo meraviglioso. Essi lo misero in mezzo a loro, dandogli un libro, perché leggesse. Egli allora, non sapendo leggere, lo mise da parte.

i 12 apostoli ar
I 12 apostoli.

“E starai qui per moltissimi anni”

Alzato lo sguardo verso il cielo, vide una immagine e chiese agli apostoli che cosa fosse. Gli risposero che era una rappresentazione e visione della maestà divina e poiché si accorsero che guardava attentamente la raffigurazione e l’edificio dissero: “Anche tu, a somiglianza di ciò che hai visto, devi costruire qui una casa in onore di Dio, della santa Madre e di san Michele arcangelo e dei dodici apostoli. E starai qui, per moltissimi anni”.

“Vattene oltremare”

Egli allora restò a lungo in travaglio, ma quando lo diceva a diversi amici, essi gli rispondevano: “Tu vuoi raccogliere denaro e truffare. Vattene oltremare”. Avendo allora raccontato questa visione meravigliosa alla madre per avere ispirazione, chiese a lei di accompagnarlo in quel luogo con maestri d’opera che, nel luogo stesso, costruissero l’edificio. Al che la madre: “Figlio mio, il freddo è eccessivo, la fame intensa, il luogo quasi inaccessibile: come vi andremo?”.

In viaggio verso Civitella

Alla madre che gli chiedeva se avesse raccontato la visione a qualcuno, confessò di averla confidata ad alcune brave persone. Avendo infine domandato la madre, in che modo lo stesso Galgano fosse riuscito a raggiungere il luogo nel quale si era stabilito. Egli disse che un giorno, mentre andava in quel castello che è detto Civitella, sul cammino stesso, il cavallo si era fermato. 

web-san-galgano-abbey-italy-2-antonio-cinotti-cc
Antonio Cinotti CC – L’abbazia di San Galgano sorge nel luogo dove egli ha dimorato dopo le visioni di San Michele e degli apostoli.

La preghiera di Galgano

Avendolo lui spronato con i talloni senza riuscire a farlo andare avanti, ripiegò sulla pieve detta di Luriano e vi pernottò. Il giorno seguente, quando giunse al medesimo luogo e non poté proseguire col cavallo, lasciò le briglie libere sul collo del cavallo e pregò con grande devozione il Signore, perché lo conducesse nel luogo nel quale avrebbe riposato per sempre. 

Lo stesso luogo della visione

Galgano in verità, quando scese da cavallo, trovò riposo nello stesso luogo dove in visione, tramite gli apostoli, aveva avuto la rivelazione e dalle loro mani aveva accolto il libro aperto. E sguainata la spada, non essendo in grado di fare una croce dal legno, piantò subito la stessa spada in terra, come croce.

La spada non si estrae più da terra

Ed essa, per virtù divina, si saldò in modo tale che né lui né altri, con qualunque sforzo, fino ad ora poterono mai estrarla. Avendo tentato, una prima, una seconda ed una terza volta, di andarsene e di tornare a casa sua, per annunciare la sua rinuncia a quelle cose che il mondo gli aveva dato, la terza volta udì: “Ferma il tuo piede, Galgano, perché questo è il tuo luogo, qui il tuo riposo”. Egli si sottomise al comando di colui che lo guidava. 

WEB EXCALIBUR SWORD ROCK LEGEND ©Fer Gregory-SHutterstock
La spada nella roccia esiste davvero e si trova in Toscana, è a Montesiepi e fu lasciata lì da San Galgano.

Il pellegrinaggio dal Papa

Dopo queste vicende, essendosi lui recato ai piedi di papa Alessandro II, alcuni, mossi dalle fiamme dell’invidia, giunsero al luogo dov’era la spada. Non riuscendo ad estrarla, con gran fatica, asportarono la terra con sacchi. Ma non essendo riusciti neppure così a raggiungere la punta della spada, la spezzarono. E, non essendo in grado di asportarla, finirono male, come essa apprese dai racconti di molti. 

La spada e la spezzata e la visione di Gesù

Egli, poi, essendo tornato alla propria dimora, e non trovando la spada come l’aveva lasciata, cominciò a dolersi e ad essere triste. Ma il Signore, volendo consolarlo, gli parlò in sogno una prima, una seconda e una terza volta, dicendogli di mettere la spada ancora nello stesso luogo, perché sarebbe stata infitta ancor più solidamente di prima. E fu questo che egli fece, e come disse, così che fino ad oggi appare.

La “spada nella roccia” e l’abbazia di San Galgano sono due luoghi molto frequentati dai visitatori di tutto il mondo. 

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO “Nel cuore della notte Dio ci parla” (Mimep Docete)

Tags:
apostolisan michele arcangelovisioni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni