Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 07 Luglio |
Sant'Antonino Fantosati
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Ai funerali di Elena preghiere e urla di condanna alla madre assassina

FUNERALI ELENA DEL POZZO

Local Team 189K subscribers|Youtube

Paola Belletti - pubblicato il 23/06/22

La voce cristiana si è già alzata, chiara e accorata: la celebrazione liturgica e le parole dell'omelia di Mons. Renna gettano luce fin dentro l'oscurità di un gesto inaccettabile, che giustamente ci ferisce e scandalizza. Ma non respinge la misericordia

Alla scoperta del cadavere per confessione della stessa Martina Patti, la notizia del sequestro ad opera di tra sconosciuti incappucciati ed armati ci è parsa ben più dolce alternativa.

Nessun agguato, l’aveva assassinata la madre per poi seppellirla a poche centinaia di metri da casa.

Così riportavamo anche noi all’indomani dell’inatteso sviluppo delle indagini:

Elena è stata uccisa a coltellate il 13 giugno e il cadavere nascosto nella campagna vicino casa sua. Lo ha confessato ieri mattina la madre, che in un primo momento aveva denunciato ai Carabinieri della Tenenza di Mascalucia il sequestro della figlia per mano di tre uomini armati, che le avrebbero aggredite poco dopo l’uscita della bambina dall’asilo.

Aleteia, Silvia Lucchetti

Nel pezzo a firma della collega trovate anche le tremende coordinate per orientarvi nel tragico fenomeno delle uccisioni di bambini ad opera dei propri genitori: sono quasi 500 le vittime, dal 2002, anno in cui si è iniziato a contarli. Prevale la mano materna nella prima infanzia, quella paterna man mano che i figli crescono. Spesso l’epilogo è il suicidio del genitore assassino.

Per il gip non c’è dubbio, Martina Patti è pericolosa, resti in carcere

“Deve restare in carcere”, così conclude la Giudice per le indagini preliminari dopo aver commentato con parole severissime la gravità dell’atto compiuto e la pericolosità dell’indagata.

 (…) ero girata e non volevo guardare». È una delle tante istantanee della tragedia della piccola Elena che emergono dall’ordinanza di convalida del fermo di Martina Patti. Il gip Daniela Monaco Crea prova a immaginare anche lo strazio della vittima. «Patti ha inferto più colpi d’arma da punta e taglio alla figlia, che è stata vittima di una morte violenta. (…) tutto induce a dedurre che la madre volesse uccidere e che il suo sia stato un gesto premeditato».

CorSera

Nel testo dell’ordinanza di convalida del fermo la gip argomenta la necessità del sequestro preventivo con la gravità estrema del gesto e la altrettanto suprema pericolosità della donna:

«Perché uccidere un figlio in tenera età e, quindi indifeso, oltre a integrare un gravissimo delitto, è un comportamento innaturale, ripugnante, eticamente immorale, riprovevole e disprezzabile, per nulla accettabile in alcun contesto... indice di un istinto criminale spiccato e di elevato grado di pericolosità». Martina inoltre non ha manifestato segni di pentimento. (…) La definisce «lucida e calcolatrice» che, se non arrestata, «potrebbe darsi alla fuga».

La donna, quindi, resta in stato di fermo presso la casa circondariale di Piazza Lanza, a Catania.

I funerali

Ieri pomeriggio nella Cattedrale di Sant’Agata a Catania si sono svolti i funerali della piccola che avrebbe compiuto cinque anni a luglio. Incompiuto, interrotto senza rimedio il suo viaggio terreno perché la vita le è stata tolta nel modo più crudele che si possa immaginare.

L’omelia del Vescovo, però, ricompone tutto nella sola luce che possa entrare in un’oscurità tanto fitta.

L’omelia

Monsignor Luigi Renna, Arcivescovo metropolita di Catania, ci accompagna con coraggio paterno, composto dolore e la sapienza che solo la Chiesa custodisce viva, dentro un mistero che ci resta ostile e che vorremmo solo respingere.

Carissimi fratelli e sorelle, 
oggi a pochi metri dal luogo dove sono custodite le reliquie di Agata, la nostra giovane Santa Martire, la pietà del papà e dei nonni ha voluto che fosse portata la salma della loro piccola Elena per la celebrazione dei funerali: la martire e la fanciulla, due giovani donne vittime, la prima dell’odio alla fede cristiana, circa 2000 anni fa, e l’altra di una violenza che non osiamo qualificare, perché frutto di tutto ciò che può oscurare il cuore umano, persino il cuore delle persone più care.

Breviarium

Il testo prosegue meditando le parole di Cristo che, intercettando il discutere animato dei suoi discepoli intorno a chi fosse tra loro il più grande, risponde che il vero primato del discepolo consiste nel servizio agli altri, soprattutto ai più piccoli.

A coloro che seguivano le logiche da “grandi”, il Signore contrappone chi non ha altro che la semplicità, la fiducia, quasi il “consegnarsi” proprio dei piccoli. 

Ibidem

Per questo, quando non mettiamo al centro i bambini ma li usiamo per le nostre ripicche, i nostri desideri, la nostra smania di prevalere, tutto si guasta, tutto precipita e loro ne soffrono enormemente.

L’atto efferatissimo della giovane madre di questa bambina innocente viene dalla stessa fonte da cui risalgono tutte le nostre miserie, cattiverie, egoismi, prevaricazioni, gelosie. Un cuore che si è fatto tanto amaro è quello in cui il mare di odio da cui tutti dobbiamo guardarci è risalito su, su fino alla sorgente. E ora le sua acque anziché dissetare bruciano.

Bisogna anche in questo caso pregare il Dio della pioggia, il Dio che può piovere misericordia su tutti, persino su una madre il cui gesto non fa che inorridirci.

Il Vescovo ci conduce a contemplare l’innocenza dei bambini e ci richiama alla nostra grave responsabilità: dobbiamo proteggerla, dobbiamo preservarla e condurla a Cristo che da precaria sa renderla stabile, e sa trasformare tutti, anche chi è vecchio, in un bambino vero, capace di stare a quelle altezze a cui da adulti non sappiamo più tendere.

Chi è senza peccato

Un’ultima parola a tutti noi che, come giudici siamo pronti a lapidare sempre qualcuno che ha sbagliato. Ho letto su un muro della nostra città, nei pressi della Chiesa del Divino Amore, una frase che chiedeva riposo eterno per Elena e tormento eterno per la sua mamma. Non credo che la piccola Elena sarebbe d’accordo con quelle parole, come ogni bambino. E voi genitori, non insegnate la violenza delle parole ai vostri figli, né sui social , né sui nostri muri già abbastanza sporchi. Perché un bambino, quello che Gesù Cristo ha messo al centro, non è capace di concepire vendette, sedie elettriche, patiboli mediatici e, se impara queste cose, le impara da noi. I bambini sono “puri di cuore”, dice Gesù Cristo e non sanno imbracciare né armi, né impugnare pietre.

Ibidem, Monsignor Renna

Lo sa bene, meglio di chi scrive, che ci sono peccati e peccati, che esiste una scala di gravità e anche di pericolo al quale essi espongono la nostra anima.

Ma Gesù, davanti all’adultera che stava per essere lapidata, non ha apostrofato la folla chiedendo che si astenesse dal colpirla solo chi fosse senza peccati di un certo calibro. Per questo dobbiamo forzare noi stessi, opporci allo scandalo immane che crimini come questo suscitano in noi, e credere che la loro cupa profondità possa sempre essere illuminata dall’abisso di luce che emana dal cuore di Cristo.

Le preghiere e le urla

Vergogna! Vergogna!, si sente urlare dalla folla all’esterno della Chiesa in cui si sono appena conclusi i funerali. Bara bianca portata a braccia fino all’auto, palloncini azzurri e arancioni che si alzano in volo. E poco prima preghiere recitate con forza: L’eterno riposo scagliati in alto insieme allo sgomento, la rabbia forse, il non volersi arrendere ad essere patria, anche, di un simile abominio.

Elena è morta uccisa da sua madre rea confessa; del suo pentimento, ma nemmeno delle reali intenzioni che l’hanno condotta a maturare, pianificare e provare a nascondere questo gesto irrevocabile non si sa quasi nulla.

Quello che ci basta sapere

Cosa sappiamo però, già, noi credenti in Cristo?

Che il luogo in cui si compie la nostra salvezza, il Golgota, è lo stesso in cui tanti si adoperano a mettere le mani addosso all’Innocente, a ferirlo, tormentarlo, insultarlo e infine vederlo morire sulla croce a cui lo hanno fissato.

C’è un’altra cosa che colpisce, almeno me: urlare contro questa mamma che col suo gesto lucido e insano ha tolto la vita a sua figlia dimostra che lo sappiamo bene, anche se spesso ce ne dimentichiamo: i figli non sono mai nostri, non è di un possesso che si parla. Ed è proprio di quella appropriazione indebita che si accusa e non si vuole perdonare la madre. Elena non era tua!

Infatti è Sua.

Tags:
dolore innocentefiglimadrimisericordiaomicidio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni