Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 02 Luglio |
San Bernardino Realino
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Preghiera della sera: le cinque tappe della “preghiera di Alleanza” 

kobieta modli się o zachodzie słońca

Leon Biss | Unsplash CC0

Mathilde De Robien - pubblicato il 22/06/22

Ispirata alla tradizione spirituale ignaziana, la preghiera di Alleanza consiste nel rileggere la propria giornata sotto lo sguardo di Dio, così da rinnovare il patto che Dio ha stipulato con ciascuno.

«Voi sarete il mio popolo e io sarò il vostro Dio» (Ger 30,22), dice il Signore. Tutta la Bibbia si riassume nella storia dell’alleanza fra Dio e gli uomini. Dio utilizza la simbolica dell’alleanza per parlare dell’amore che egli ha per il suo popolo. Grazie a questa alleanza, ogni giornata vissuta è una storia d’amore in cui Dio si fa presente in sé, attraverso gli altri, fra gli eventi del quotidiano… E però bisogna riconoscerLo! La preghiera di Alleanza invita in tal senso a rileggere la propria giornata per riconoscere la presenza e l’azione di Dio nella vita quotidiana. 

All’inizio degli Esercizi Spirituali, sant’Ignazio evoca un «esame particolare e quotidiano» (§ 24-31), per «sopprimere un peccato o un difetto particolare». Ancorandosi nella tradizione dell’esame di coscienza, i gesuiti propongono un esame quotidiano di altro tipo, chiamato la “preghiera di Alleanza”. È l’occasione di rileggere la propria giornata e di considerarla un dono e una chiamata di Dio. Una preghiera breve – dura tra i 10 e i 15 minuti – che permette di rendersi progressivamente più attenti alla presenza del Signore nella propria vita. Si svolge in cinque tappe: 

1“Eccomi”: disporsi a incontrare Dio

PRAY

Dopo aver trovato il momento propizio e un posto tranquillo, la preghiera comincia con un segno di croce. Essa invita poi ad esprimere al Signore la propria gioia di incontrarlo in questo momento, e a chiedergli la luce del suo Santo Spirito, per considerare la giornata con uno sguardo simile al suo. Uno sguardo benevolo, che ingloba invece di focalizzarsi su questo o quel punto, uno sguardo che accoglie quel che è stato – le gioie e i dolori, i successi e i fallimenti –: 

Signore, eccomi: tu sei qui e mi attendi, io voglio essere con Te. Voglio prendermi questo momento con Te per rileggere questa giornata e scoprirvi i segni e le tracce della tua presenza. 

2“Grazie”: ringraziare

shutterstock_1958232697.jpg

Viene poi il momento di ricordarsi di quanto di bello è stato vissuto nella giornata, ciò che è stato costruttivo nella relazione con gli altri, ciò che ha nutrito la pace e la gioia, ciò che ha dato un contributo all’avvento del Regno di Dio… La preghiera diventa allora occasione di ringraziare il Signore per i segni della sua presenza lungo tutto il corso della giornata: delle parole benevole, dei sorrisi ricevuti e donati, dei gesti generosi di cui si è stati testimoni… Tutti luoghi in cui l’Alleanza con Dio è stata vissuta. 

Grazie, Signore, per la vita; grazie per il soffio del tuo Santo Spirito, che mi dà vita. Grazie Signore per quanto ho ricevuto in questa giornata: cose grandi e piccole, incontri, momenti di conversazione; una parola, un’ispirazione, un raggio di sole… 

3“Perdonami”: riconciliarsi

PREGARE, MANI,CREDENTE

Dopo aver reso grazie per i beneficî ricevuti dal Signore, è cosa buona anche individuare quel che è stato fonte di tristezza, di scoramento, di amarezza. Identificare i momenti in cui ci si è allontanati dal Regno di Dio, momenti in cui l’alleanza con Dio è stata messa alla prova: parole dette troppo rapidamente che hanno ferito, gesti, sguardi, atti che hanno umiliato, imbarazzato, fatto del male; indifferenze o mancanze di attenzione all’altro e al Signore… Viene allora il momento di mettersi sotto lo sguardo misericordioso del Signore e di chiedergli perdono. Può essere anche il momento di attingere la forza necessaria per chiedere perdono al prossimo: 

Perdonami per tutto quello che ho fatto senza di Te, per questo o quello, semplicemente perdonami. Placa in me l’inquietudine, guarisci in me la vanità. Rendimi la gioia di essere salvato. 

4“Per favore”: inventare con Lui l’indomani

woman-pray-shutterstock_2086891912.jpg

La preghiera di Alleanza è occasione di aprirsi alla giornata che viene con una forza rinnovata. È cosa buona esprimere a Dio il suo desiderio di vivere questa giornata con lui. La preghiera propone di ripassare uno a uno gli eventi a venire e affidarli al Signore, chiedendogli la sua forza, la sua pace, la sua fiducia per viverli secondo il suo cuore. 

Per favore, Signore, voglio vivere la giornata di domani con Te. Donami il senso della tua volontà e la forza di compierla. Ecco anche quello che ti domando per me, per i miei cari, per questa o quella persona (malata, sola, che soffre…), per questo mondo… 

5“Padre nostro”: aprire la preghiera

Il tempo di preghiera può concludersi con un Padre nostro, la preghiera trasmessa dal Signore stesso e che mette in relazione tutto il popolo dell’Alleanza. Poi, in segno di alleanza e di speranza, la preghiera termina con un segno di croce. 

Padre nostro che sei nei Cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano
e rimetti a noi i nostri debiti,
come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori.
E non abbandonarci alla tentazione,
ma liberaci dal male. 

Amen. 

I gesuiti propongono di annotare brevemente, giorno dopo giorno, gli elementi salienti di questa preghiera. Si può stilare allora una linea spirituale che rappresenti il modo personale e unico in cui ciascuno è chiamato a seguire Cristo. Un modo pure per riconoscere meglio, nella durata, la presenza e l’azione di Dio nella propria vita. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio] 

Tags:
esame di coscienzapreghierasant'ignazio di loyolavita spirituale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni