Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 06 Luglio |
Sant'Antonio Maria Zaccaria
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

È salvo il bambino sordomuto intrappolato per 5 giorni in un pozzo

Indian emergency workers were scrambling June 14 to rescue a 10-year-old boy - Rahul Sahu-AFP

© AFP

Silvia Lucchetti - pubblicato il 16/06/22

La splendida notizia del salvataggio di Rahul Sahu, un ragazzino indiano sordomuto di 11 anni precipitato in un pozzo artesiano nello stato del Chhattisgarh

Su tutti i giornali troviamo in queste ore la splendida notizia del salvataggio di un ragazzino indiano di 11 anni, Rahul Sahu, precipitato in un pozzo artesiano nello stato del Chhattisgarh. Una storia molto simile a quella del piccolo Alfredino Rampi a Vermicino (Roma) che nel 1981 tenne con il fiato sospeso l’Italia intera concludendosi però tragicamente.

Rahul Sahu intrappolato per 5 giorni

Rahul, sordomuto, mentre giocava nel cortile dietro casa è caduto in questo stretto e profondo cunicolo scavato nel terreno rimanendovi intrappolato a 24 metri di profondità. L’incidente è avvenuto lo scorso venerdì e si è felicemente risolto dopo 5 giorni  grazie all’impegno di circa 500 soccorritori, tra operatori dell’Esercito e della National Disaster Response Force (NDRF), la Protezione Civile Indiana.

Indian emergency workers were scrambling June 14 to rescue a 10-year-old boy - Rahul Sahu-AFP

Il lavoro dei soccorritori

Il ragazzino è stato continuamente monitorato e aiutato a respirare ed a sostenersi con liquidi e frutta grazie a sofisticate tecnologie che hanno visto l’impiego di una telecamera e di una conduttura per iniettare ossigeno alla profondità in cui il piccolo si trovava.

Rahul ha resistito: senza poter dire nulla, con poca aria, al buio, con l’acqua melmosa fin sotto al mento. Gli occhi spalancati, impauriti, ma vigili: l’istinto alla vita!

Il tunnel che ha permesso il salvataggio di Rahul Sahu

Mahabir Mohanty, ispettore del terzo battaglione della NDRF, ha sottolineato come il processo di salvataggio sia stato rallentato dalla presenza di rocce dure: infatti i soccorritori hanno dovuto scavare una fossa parallela, profonda circa 65 piedi, vicina al pozzo per poi creare un tunnel che ha permesso finalmente di raggiungere il povero Rahul.

Rahul Sahu è in ospedale e sta bene

Il bambino è stato immediatamente trasferito in ospedale dove i sanitari che lo hanno visitato si sono accertati delle sue buone condizioni di salute che consentiranno un rapido ritorno a casa. Ha già ripreso a mangiare. La madre ha spiegato che il figlio non è mai andato a scuola perché sente male e questo gli ha impedito di imparare a parlare bene.

Il padre, Lala Ram Sahu, ha voluto ringraziare tutti i soccorritori che si sono alternati nelle operazioni di salvataggio del figliolo, e gli abitanti del villaggio di Pihrid che gli sono stati affettuosamente vicini in un frangente così drammatico.

Alfredino, Rayan, Haidar

Purtroppo episodi simili non sono rari e, come per Alfredino Rampi, spesso hanno esiti drammatici. Tra gli ultimi la vicenda del piccolo Rayan, un bambino di 5 anni caduto in un pozzo in Marocco ai primi dello scorso febbraio, e quella di Haidar, 9 anni, intrappolato qualche giorno dopo in un pozzo in Afghanistan.

In entrambi i casi questi due piccoli non ce l’hanno fatta a sopravvivere, nonostante i disperati tentativi di salvarli. Storie strazianti di bambini che giocando cadono in pozzi, quasi sempre di proprietà delle loro famiglie, non adeguatamente protetti.

Storie che oggi via social vengono seguite con il fiato sospeso in tutto il mondo, storie di vite innocenti stroncate per la sottostima da parte degli adulti dei tanti pericoli che incombono sui bambini. Insieme alla gioia per Rahul, un monito a tutti noi.

Tags:
bambinoindiasalvataggiosordita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni