Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 07 Luglio |
Santa Maria Goretti
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Ornella: “ero arrabbiata con Dio, a Medjugorje ho avuto la grazia del perdono”

GIOVANE DONNA

Jan Cieplik | Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 08/06/22

Perde la mamma che è solo una bambina e quando ha 19 anni muore anche il papà. Ornella ha il cuore pieno di rabbia. Qualcosa inizia a cambiare al Festival dei Giovani a Medjugorje: "Madre Elvira diceva di perdonare la nostra storia familiare, di fare pace con il nostro passato".

Oggi vi raccontiamo la storia di Ornella e di come la sua vita è cambiata quando a Medjugorje ha chiesto a Maria “di aprirmi una strada per essere felice, per trovare la volontà di Dio per me”. Ascoltando su Medjugorje tutti i giorni queste parole della testimonianza di Ornella, mi è venuta in mente una catechesi di padre Maurizio Botta nella quale diceva che siamo infelici perché non diamo gloria a Dio, perché non ci preoccupiamo di compiere la Sua volontà.

Ornella arriva a Medjugorje arrabbiata per la morte dei suoi genitori

Ornella era triste e arrabbiata praticamente da sempre, non accettava la storia che Dio stava portando avanti con lei. A 9 anni era morta sua mamma e dieci anni dopo, quando lei era una giovanissima 19enne, aveva perso anche suo papà: “durante quegli anni avevo sofferto di depressione, bulimia, anoressia”. All’età di 22 anni va a Medjugorje per il Festival dei Giovani e…

L’incontro con Madre Elvira: fate pace con il passato

(…) avevo visto Madre Elvira che diceva di perdonare la nostra storia familiare, di fare pace con il nostro passato. La vedevo così gioiosa, saltava, era allegra e felice della sua storia. Per me era una pazzia.

Ornella a Medjugorje chiede una grazia speciale alla Madonna

L’incontro con Madre Elvira è decisivo: Ornella sente nel cuore il desiderio di chiedere alla Madonna di aiutarla ad accettare ciò che le era capitato, i lutti che aveva vissuto:

Ho chiesto così la grazia a Maria di iniziare a perdonare Dio perché mi aveva dato quella storia. Da lì ho cominciato un cammino di fede nella mia città, e ogni anno venivo qui a Medjugorje e avevo sempre tanta voglia di ascoltare Madre Elvira e i ragazzi della comunità (Cenacolo NdR.) perché in loro vedevo la gioia, la felicità e soprattutto la libertà. Pur non possedendo nulla.

Torna a casa dopo il pellegrinaggio e inizia un cammino di fede

Ornella frequenta la chiesa, fa un cammino di fede ma continua ad essere irrequieta, triste. Si sentiva come il giovane ricco del Vangelo:

Ornella è triste come il giovane ricco del Vangelo

Durante quei 14 anni di cammino di fede, ero diventata una giovane ricca come il giovane ricco del Vangelo. E tante volte mi sono ritrovata a fare quella domanda al Signore: “che cosa devo fare (di buono per ottenere la vita eterna NdR.)? e alla fine del Vangelo ci viene raccontato che il giovane va via triste. Ed io ero così, perché non davo la mia parte migliore a Gesù.

“La mia droga era l’orgoglio”

Inizia a lavorare on line, tutto si basa sul numero di like e followers, è un impiego alla moda che la fa sentire importante, una wonder woman:

(…) volevo vincere (…) volevo essere la prima, volevo sempre superarmi. Non mi sono mai drogata nella mia vita però dentro di me c’era la droga dell’orgoglio e mi alimentavo ogni giorno di quella droga che mi faceva essere superiore.

Ornella va a vivere in America

Più aumentava il suo seguito di followers più crescevano i guadagni e il successo, ma dentro Ornella si sentiva svuotata da “tutta quella apparenza” e ad un certo punto decide di inseguire un sogno e va a vivere in America.

“Avevo acceso tutti i miei sogni ma avevo spento il sogno di Dio per me”

Una notte stando lì, ero a New York, praticamente vivevo il mio sogno, guardando il cielo di notte ho visto che non c’erano le stelle. Tutte le luci dei grattacieli avevano spento le stelle e allora mi sono resa conto in quel momento che avevo fatto quello della mia vita. Avevo acceso tutti i miei sogni, avevo soddisfatto me stessa, tutte le mie esigenze, ma avevo spento il sogno di Dio per me.

Ornella ancora arrabbiata torna a Medjugorje

Dopo qualche giorno è di nuovo sul Podbrdo. Ornella per la seconda volta chiede una grazia alla Madonna, la supplica di fare luce nella sua vita, di mostrarle ciò che Dio vuole da lei, a cosa la chiama:

Ero di nuovo arrabbiata perché nonostante avessi fatto tutto con Dio però alla fine lo avevo fatto per un mio comodo, avevo scelto Dio solo quando piaceva a me. E così ho chiesto a Maria di aprirmi una strada per essere felice, per trovare la volontà di Dio per me. Ho aperto la Bibbia e ho trovato il Vangelo che parlava di abbandonarsi alla Provvidenza di Dio.

Entra nella Comunità Cenacolo e sperimenta la vera libertà

Ornella quando entra nella Comunità Cenacolo sperimenta per la prima volta nella sua vita la vera libertà, quella di essere figlio, creatura, desiderosa di dare e ricevere amore. Lì scopre che Dio è un padre buono che ti ama così “povero” come sei.

Ornella resta a Medjugorje: abbandonare tutto per abbandonarsi alla Provvidenza di Dio

Ho deciso di abbandonare tutto, tutte le mie sicurezze per abbracciare la vita comunitaria. Sono entrata per 30 giorni e alla fine sono qui da 3 anni e sono felice di avere relazioni vere, senza più like, followers, ma con persone che mi abbracciano nella povertà.

Tags:
disturbi alimentaridivina provvidenzamedjugorjevergine maria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni