Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 06 Luglio |
Santa Maria Goretti
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Fugge da Mosca il Rabbino Capo: non voleva sostenere la guerra

Rabbino Pinchas Goldschmidt

World Economic Forum/swiss-image.ch/Photo Michael Wuertenberg/ CC 2.0

Rabbino Pinchas Goldschmidt

Lucandrea Massaro - pubblicato il 08/06/22

Pinchas Goldschmid, che è anche Presidente della Conferenza dei rabbini europei, è riparato con la moglie in Ungheria per sfuggire alle pressioni del governo russo. Ma è la libertà religiosa nel suo insieme ad essere in pericolo in Russia.

E’ fuggito da Mosca quasi tre mesi fa ormai, appena due settimane dopo lo scoppio della guerra, il rabbino Pinchas Goldschmid aveva capito che il governo di Putin avrebbe preteso un atto di sottomissione da parte di tutte le componenti della società russa. Ha così deciso di prendere l’auto e dirigersi prima in Ungheria e poi da lì a Gerusalemme. La notizia (e la sua posizione) sono rimaste nascoste fino ad ora, quando la nuora Avital Chizhik-Goldschmidt, giornalista di New York, ha rivelato la storia: «sono in esilio dalla comunità che hanno amato e in cui hanno cresciuto i loro figli per oltre 33 anni. Il dolore e la paura della nostra famiglia, negli ultimi mesi, è al di là delle parole» spiega Avital in un tweet.

E proprio mentre è in esilio Goldschmid è stato rieletto rabbino capo di Mosca per altri sette anni, anche grazie all’intervento dei rabbini israeliani, in quello che viene definito “Un colpo di stato fallito” all’interno della comunità ebraica di Mosca da parte di alcuni notabili e rabbini locali sotto impulso del governo russo (Jerusalem Post).

Le religioni sotto la minaccia di Putin

Il Corriere della Sera fa notare che nel silenzioso e terrorizzato deserto di molte altre comunità religiose in Russia – e peggio ancora nel totale sostegno della Chiesa ortodossa del Patriarca Kirill –, attraverso il rabbino la voce degli ebrei moscoviti s’era alzata a sorpresa, proprio di recente.

Altro che «denazificazione», aveva denunciato pubblicamente Goldsmith, che è anche presidente della Conferenza dei rabbini europei: «Questa guerra di Putin in Ucraina sta portando a un grande esodo d’ebrei», il più grande che si ricordi dai tempi del nazismo e di Stalin. E l’Operazione militare speciale, ha avuto questo effetto speciale: di cacciare gli eterni erranti.

(Corsera)

E proprio seguendo questo ragionamento che si può comprendere ancora meglio l’altra notizia, arrivata quasi nello stesso momento, cioè dell’allontanamento del Metropolita Hilarion di Volokolamsk, che dal 2009 era presidente del Dipartimento per le Relazioni Esterne del Patriarcato di Mosca (praticamente il numero due della Chiesa ortodossa russa), è stato esonerato dal Sinodo russo ed è divenuto il metropolita di Budapest e dell’Ungheria. Uno spostamento che sa di rimozione proprio perché Hilarion non si era uniformato alla posizione di Kirill di appoggio incondizionato alla guerra.

Come riportato daI.Media (e tradotto in esclusiva su Aleteia):

 “In questa nuova situazione, il Metropolita Hilarion ha preso le distanze dalle dichiarazioni di Kirill, o perché aveva il mandato del Patriarca di mostrare questa apertura – ma poi è andato troppo oltre – o perché ha assunto egli stesso questa posizione”, analizza Carol Saba, esperto in Ortodossia e avvocato presso l’Ordine di Parigi.

Una situazione che trova il suo contrappunto – per così dire – nella situazione inversa: le diocesi della Crimea (da tempo sotto il controllo russo) che in questi giorni si sono “decise” ad adeguarsi al loro status di parte della giurisdizione del Patriarcato di Mosca e non più della Chiesa autocefala Ucraina, decisione che comporta di sospendere la menzione del metropolita Onuphrius come capo dell’UOC (la Chiesa Ortodossa Ucraina, Ndr) durante i servizi liturgici. Per la politica russa questa situazione è l’effetto stesso della creazione dell’Ucraina a cui la guerra – secondo loro – pone rimedio: ripristinare l’unità territoriale russa è funzionale a ristabilire l’ortodossia in quel territorio, superando l’autocefalia, cioè l’indipendenza ecclesiastica (European Times).

Il caso dei Testimoni di Geova

Era il 2017 quando il Ministero di Giustizia russo aveva messo i Testimoni di Geova nel novero delle organizzazioni estremiste e ne aveva via via arrestato membri e sequestrato proprietà. Oggi quella persecuzione assume un significato diverso alla luce sia della decisione della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) – che li ha “assolti” e ha condannato la Russia a rilasciare i prigionieri e a restituire quanto sequestrato – sia di quanto abbiamo detto precedentemente. Tutti coloro che non si uniformano agli standard dettati dal governo russo vengono colpiti, dai dissidenti politici alle formazioni religiose che non si adattano ai desiderata del regime.

Tags:
chiesa ortodossaebraismolibertà religiosarussia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni