Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 12 Agosto |
Santa Giovanna Francesca de Chantal
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Come si cancella il rancore verso gli altri? Il card. Zuppi: c’è un “rimedio”

zuppi-e-rabbia-1.png

Rai Yotube

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 03/06/22

Non è facile liberarsi dal rancore. E non è affatto automatico, perché sembra fare una violenza a sé e richiede molta fedeltà

C’è un solo modo per cancellare seriamente il rancore che nutriamo verso altre persone: è questo “rimedio” lo spiega il neo presidente della Cei, il cardinale Matteo Zuppi nel libro Guarire le malattie del cuore (Edizioni San Paolo)

“Conserviamo con cura”

Il rancore, dice il card. Zuppi, è una delle malattie spirituali che, incredibilmente, noi stessi conserviamo con cura. In realtà acceca la nostra vista, tanto che non sappiamo vedere altro che il torto, a volte presunto, subìto.

L’onda lunga del male

Questa “malattia del cuore” è come l’onda lunga del male, la sua impronta in noi, che sommerge tutto e dalla quale riusciamo a liberarci con difficoltà. Crediamo che l’ingiustizia subìta giustifichi qualsiasi sentimento. Se non rimosso, il seme del male cresce comunque nel nostro cuore. 

card zuppi ospite da fazio
Il cardinale Zuppi nel libro “Guarire il cuore” dà consigli su come guarire le “malattie” interiori.

Senza conseguenze immediate 

Il rancore, aggiunge il presidente dei vescovi italiani, spesso si presenta senza conseguenze immediate, ci fa sentire buoni anche solo perché non odiamo, come quando diciamo: «Non ho niente contro di lui, ma non voglio vederlo o parlarci». «Ho solo tolto il saluto».

Non è facile liberarsene 

Non è facile liberarsi dal rancore, afferma il cardinale Zuppi. E non è affatto automatico, perché sembra fare una violenza a sé e richiede molta fedeltà. Il rancore si annida nelle insoddisfazioni del cuore e si ripresenta facilmente. Anche per questo dobbiamo perdonare senza riserve e senza subordinarlo al comportamento dell’offensore o al risarcimento. E perdonare non significa non cercare giustizia. 

Un esercizio che richiede “sforzo”

Anzi solo il perdono può aiutare davvero a trovare giustizia! Il rancore si annida nelle paure, in un senso d’ingiustizia subita ed anche nel banale attaccamento alle proprie convinzioni. Il perdono, proprio per questo, è un esercizio e richiede sforzo perché poco alla volta diventi facile quello che all’inizio sembra impossibile. Conviene perdonare! Solo il perdono ci affranca e libera anche noi dal male subito: è questa l’unico rimedio possibile per sconfiggere il rancore.

FEMMES S'ENLAÇANT

La “ricetta” di Gesù

Settanta volte sette è la misura infinita di perdono indicata da Gesù, liberandoci da calcoli e limiti. Perdonare sempre lo possiamo fare solo per amore, perché solo l’amore non accetta misure e limiti. Come un padre, come una madre, che accolgono sempre il figlio. L’amo- re tutto copre, tutto crede, tutto sopporta. Tutto. Anche per questo Gesù si raccomanda di farlo «di cuore» (Mt 18,35).

Le cose da “evitare”

Il perdono, allora, sottolinea il nuovo presidente della Cei, non è mai una questione astratta, ma è sempre tanto legata a come noi viviamo tutta la nostra vita. Se non ascoltiamo Gesù, se non ci facciamo amare da lui e se non lo amiamo, se preghiamo poco, se viviamo in modo egocentrico, sarà senza dubbio più difficile scegliere il perdono e finiamo vittime-artefici del rancore. 

La “memoria saggia” del male

Il ricordo, invece, reso puro dal perdono, ci aiuterà ad avere una memoria saggia del male, subìto o provocato, a combatterlo con più efficacia, a saperlo riconoscere ma senza entrare nel labirinto pericoloso del rancore. Felici di un dono, conclude il cardinale Zuppi, sempre immeritato che più regaliamo agli altri più sapremo comprendere per noi.

Clicca qui per acquistare il libro Guarire le malattie del cuore“.

Tags:
cardinal matteo zuppiperdonorabbia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni