Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 12 Agosto |
Santa Giovanna Francesca de Chantal
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Un sacerdote cattolico ha fondato il primo ospedale psichiatrico del mondo

Pe. Juan Gilaberto Jofré

Joaquín Sorolla / Domínio Público

Magnús Sannleikur - pubblicato il 01/06/22

Padre Joan Gilabert Jofré ha salvato un uomo mentalmente malato dai bulli e ha fondato l'Ospedale degli Innocenti

Un sacerdote cattolico ha fondato il primo ospedale psichiatrico del mondo. Non dovrebbe sorprendere, perché è solo uno dei tanti contributi che la Chiesa ha dato all’umanità e che la maggior parte della gente – cattolici inclusi – ignora.

Era venerdì 24 febbraio 1409. P. Joan Gilabert Jofré stava lasciando il convento di Plaza de la Merced a Valencia (Spagna). Mentre si recava alla cattedrale, vicino alla chiesa di Santa Caterina, vide un gruppo di giovani che deridevano e assalivano un uomo. Gridando, gli dicevano “Pazzo, pazzo!”

Era evidente che si trattava di un uomo con disturbi mentali. Il sacerdote respinse coraggiosamente gli aggressori, protesse quel pover’uomo e lo portò alla residenza dei Mercedari.

P. Jofré era lui stesso mercedario, ovvero un sacerdote appartenente all’Ordine della Misericordia, in cui era entrato nel 1370.

I Mercedari e Nostra Signora della Misericordia

La comunità dei Mercedari ha più di 800 anni. L’ordine è stato fondato il 10 agosto 1218 a Barcellona. Oltre ai voti tradizionali di povertà, castità e obbedienza, i suoi membri fanno un quarto voto: dedicare la propria vita a liberare gli schiavi al punto da scambiare il posto con i prigionieri che erano in pericolo di perdere la propria fede – o se l’ordine non aveva denaro per comprare il loro rilascio.

Uno dei Mercedari più noti è il fondatore, San Pietro Nolasco, grande liberatore dei cristiani che venivano rapiti dai musulmani e portati come schiavi in Nordafrica. Il santo vendette il patrimonio che aveva ereditato dalla propria famiglia per organizzare spedizioni di riscatto. Quando terminò le risorse, iniziò a mendicare per ottenere elemosine e donazioni. Quando anche queste finirono, pregò Dio per un miracolo. Fu allora che ricevette un’apparizione della Madonna, che gli chiese di fondare una congregazione dedicata al riscatto degli schiavi. Fu questa l’origine sia dell’Ordine della Misericordia che della devozione a Nostra Signora della Misericordia.

Il primo ospedale psichiatrico

Fu alla residenza dei Mercedari che p. Jofré ospitò quell’uomo che veniva deriso per i suoi problemi mentali. Da allora, il sacerdote iniziò a promuovere non solo la carità nei confronti dei malati mentali, ma anche la creazione di un ospedale specifico per loro.

Papa Benedetto XIII venne a conoscenza dell’iniziativa e autorizzò l’opera con la bolla del 16 maggio 1410.

L’ospedale venne posto sotto il patricinio spirituale della Vergine Maria sotto il titolo di Nostra Signora degli Innocenti.

Le cose si mossero rapidamente: il 1° giugno 1410 nacque l’Ospedale degli Innocenti per accogliere i mnalati mentali, i poveri e i bambini abbandonati. La cappella venne dedicata a Nostra Signora degli Indifesi. Il primo ospedale al mondo a offrire trattamento e residenza per i malati mentali è diventato l’Ospedale Universitario di Valencia.

P. Jofré trascorse un periodo svolgendo missioni evangelizzatrici con San Vincenzo Ferrer. Poco dopo essere tornato al monastero, morì il 18 maggio 1417. Nonostante varie battute d’arresto per via di circostanze storiche e non per la vita di p. Jofré, il suo processo di canonizzazione è pendente ma non dimenticato.

Tags:
malattie mentaliospedalesanti e beatispagna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni