Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 15 Agosto |
San Massimiliano Maria Kolbe
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Un esorcista afferma che il peccato mortale è più grave della possessione demoniaca

EXORCIST

Shutterstock | lunamarina

Francisco Vêneto - pubblicato il 01/06/22

Le possessioni “ci terrorizzano perché sono più spettacolari”, ma il peccato mortale porta alla condanna eterna

Il peccato mortale è più grave della possessione demoniaca, ha dichiarato l’esorcista spagnolo padre Francisco Torres Ruiz, della diocesi di Plasencia, in un’intervista pubblicata dall’agenzia cattolica di notizie ACI Prensa.

E perché? Perché il peccato mortale pone la persona a rischio di condanna eterna.


“Le possessioni demoniache ci terrorizzano di più del fatto di vivere nel peccato perché sono più spettacolari, sono fisiche, sensibili, possono essere viste con gli occhi della nostra carne. Creano un’emozione nell’uomo che porta a paura, panico, morbosità, curiosità…

Dall’altro lato, l’azione del peccato è meno scandalosa, meno scioccante. Spesso pecchiamo senza essere consapevoli del male che stiamo provocando a noi stessi, perché fisicamente il peccato non si può vedere, ma è un danno inflitto alla nostra anima. Ciò che si vede o che si sente sono gli effetti spirituali che il peccato crea in noi”.

“Quando qualcuno, ad esempio, mi cerca e mi presenta un caso, o ha una preoccupazione spirituale in questo campo, dico sempre la stessa cosa: la manifestazione diabolica, la possessione o la vessazione non significa condanna se vissuta nella grazia di Dio, in una vita di sacramenti, di preghiera, di rapporto con la Madonna, con i santi, con il Santissimo Sacramento…”, ha aggiunto il sacerdote.

“Una persona che è morta posseduta dal demonio, che può morire di cancro, di attacco cardiaco, di qualsiasi cosa, non sarà condannata per questo. Una persona che non è posseduta, che gode della libertà umana, che non soffre di quel dominio dispotico della possessione, se vive in peccato mortale è una persona che non può essere redenta, empia, non vuole convertirsi, e quindi logicamente corre il rischio di condannarsi”.

Tags:
esorcistapeccato mortalepossessione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni